Da Messi a Medvedev: gli sportivi entrano negli esports

I due sportivi di caratura mondiale hanno annunciato il proprio ingresso nel mondo degli esports
Da Messi a Medvedev: gli sportivi entrano negli esports

Appena nominato pallone d’oro per l’ottava volta in carriera, Lionel Messi ne ha approfittato per entrare in un nuovo business, tra i tanti che la pulce persegue: gli esports. I videogiochi competitivi sono ormai considerati un settore in cui investire, sia per creare un brand vincente sotto il profilo dei risultati che per realizzare una squadra di content creator, sempre legati al gaming, che diventino un mezzo per veicolare sponsor e attività. 

Con l’amico Aguero

Per fare il primo passo da protagonista nel mondo degli esports, Messi ha deciso di puntare sull’organizzazione argentina Kru, divenuta famosa globalmente per i suoi risultati su Valorant, il tactical shooter di Riot Games, e le costanti presenze alle varie edizioni del mondiale, i Champions. C’è però un altro fattore per cui i Kru sono famosi: il proprietario e fondatore è “El Kun”, Sergio Aguero, altro ex-calciatore argentino e amico stretto proprio di Messi, legati da un rapporto ormai quasi ventennale che risale al 2005, ai tempi della nazionale Under 20. 

Non è il solo

Messi ricoprirà un ruolo da protagonista nell’organizzazione, diventando co-proprietario del team e, ovviamente, uomo immagine. Il suo ingresso nei Kru non è però una sorpresa: già questa estate, in occasione proprio dell’ultimo mondiale di Valorant disputato, la pulce era stata fotografata con la maglia della squadra in un post che aveva fatto, letteralmente, il giro del web. Messi farà compagnia così a calciatori ritirati o ancora in attività come David Beckham, fondatore dei Guild Esports (e tra i proprietari dell’Inter Miami di calcio dove gioca proprio Messi), Casemiro, Gullit, De Gea, per non dimenticare i tanti italiani che, con più o meno fortune, hanno investito nel settore: Amelia, Florenzi, De Rossi, giusto per citarne alcuni.

Anche da altri sport

Non solo i calciatori gli sportivi che puntano sugli esports, però. L’ultimo caso è del tennista russo Daniil Medvedev, attualmente terzo nel ranking mondiale del circuito Atp che alle Finals di Torino ha appena esordito con una vittoria per 2-0 contro Rublev. Medvedev ha da poco annunciato sui social di aver investito nei M80 Esports, società di recente creazione che si è fatta conoscere negli ultimi tempi soprattutto, anche questa, su Valorant. Per l’organizzazione, nata relativamente da poco, è un ottimo colpo sia in ottica finanziaria con nuove risorse economiche in entrata, sia a livello mediatico che gli consentirà di avere gli occhi di tanti puntati addosso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per continuare a leggere

L'abbonamento Plus+ ti permette di leggere tutti i contenuti del sito senza limiti

Scopri ogni giorno i contenuti esclusivi come Interviste, Commenti, Analisi, le Pagelle e molto altro ancora!

Plus+

€ 5,90 /mese

Scopri l'offerta

Commenti

Loading...