Gli strumenti dei professionisti dell'eSport - La tastiera!

Gli strumenti dei professionisti dell'eSport - La tastiera!

Anche negli eSports, come nelle migliori tradizioni sportive "tradizionali", esistono racchette da tennis per principianti e per campioni. Partendo dalle tastiere.twitta

martedì 6 febbraio 2018

Potrebbe sembrarvi strano ma la figura del videogiocatore professionista è una realtà ormai affermata nel mondo e con questo articolo speriamo di farvi conoscere meglio gli strumenti utilizzati su PC, che ricopre una parte del settore, dai “Pro-players” nei campi di battaglia virtuali. Andremo ad approfondire periferiche che potrebbero sembrare banali e scontate per un normale utente, facenti parte della nostra quotidianità, ma che in realtà nelle mani giuste possono fare la differenza. Del resto anche negli eSports, come nelle migliori tradizioni sportive “tradizionali”, esistono racchette da tennis per principianti e per campioni.

Tastiere meccaniche. La tastiera ha la funzione di digitare lettere per farle comparire a schermo ma ad un professionista interessa la velocità di battitura e la possibilità di poter premere anche contemporaneamente due tasti ed essere recepiti entrambi. Sono le cosiddette tastiere “meccaniche”, chiamate così perchè hanno un meccanismo che a differenza di quello a “membrana” di casa, contiene una molla per velocizzare la battitura, senza per questo procurare danni alle dita. Abilità molto utile per un videogiocatore di Starcraft 2, strategico Blizzard, che, grazie a questi strumenti, riesce a comandare le proprie truppe in tempo reale facendo anche più di 400 azioni (o click) al minuto.  Per compiere un test pratico è sufficiente provare a digitare 400 caratteri in un minuto con una tastiera normale e poi dirci se sentite o meno dolore alle dita.

Qualche dato tecnico. Esistono principalmente quattro tipi di meccanismi: blu, nero, rosso e marrone che si differenziano per rumore di battitura e peso necessario al fine di premere il tasto fino in fondo (meno peso=più velocità e meno fatica). Il blu e il nero sono stai i primi ad essere inventati e per questo sono anche quelli meno performanti; i blu sono più leggeri al tatto ma fanno molto rumore, mentre i neri sono più “pesanti” e meno rumorosi. Dall'altra parte, il rosso e il marrone sono entrambi abbastanza leggeri, con la differenza che i rossi hanno una risposta tattile peggiore, per cui non vi accorgerete di aver premuto un tasto per sbaglio.

Consigli per l'uso. 

  • Blu: per chi scrive molto e gioca poco, soprattutto in orari diurni in cui non si sveglia nessuno. 
  • Marrone: sono ottimi un po' per tutto ma vengono usati soprattutto nei titoli RTS (strategici) e MOBA. 
  • Rosso: ottima scelta negli FPS ma in caso di prodotto troppo costoso si può puntare sul Nero.

Servizio a cura di redazione GEC - Giochi Elettronici Competitivi

Tags: tastieraprofessionisti

Tutte le notizie di Industry

Approfondimenti

Commenti