Sud Corea: apre al pubblico la Busan Esports Arena

Frutto di un investimento di più di 5 milioni di dollari, il complesso (che ospita un'arena centrale e due minori) ospiterà giocatori, staff, spettatori e giornalisti

© RossStewart

Non è una novità che soprattutto la cultura orientale sia sempre più un tutt'uno col panorama esportivo: oggi è il turno della città Sudcoreana di Busan, che mercoledì scorso ha aperto al pubblico le porte della Busan Esports Arena, struttura situata al 15° e 16° piano dell'edificio Piesta a Seomyeon, il centro nevralgico della città.

L'apertura dell'arena è frutto di uno sforzo congiunto del Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo, e dell'amministrazione della città: entrambi gli enti hanno infatti stanziati oltre 5 milioni di dollari (2.7 milioni di dollari a testa) per la realizzazione del progetto.
Il risultato è una struttura composta da un'arena principale e due arene secondarie (oltre che a 8 stanze VIP ed aree di ristoro) che potrà ospitare fino a 330 spettatori nella tribuna centrale, con altri posti riservati agli spettatori nei bar e nelle altre zone dell'Arena.

Seppure considerevolmente più piccola di complessi architettonici come l'Esports Stadium Arlington (in figura), capaci di ospitare migliaia di spettatori, la Busan Esports Arena rappresenta un importante passo nell'ambito dello sviluppo dell'ecosistema esportivo anche al di fuori di Seoul, la capitale nonchè la più grande metropoli della Corea del Sud, dove si svolgono regolarmente la maggior parte delle competizioni e degli eventi ospitati dalla nazione.

Commenti