LEC 2019, il punto della Giornata 17
0

LEC 2019, il punto della Giornata 17

Fnatic micidiali contro i G2, che sembrano essere effettivamente in difficoltà. Benissimo anche gli Origen e gli Excel, mentre i Vitality rischiano di essere esclusi dai playoff.

mercoledì 20 marzo 2019

Misfits - Splyce 0-1. Gli Splyce riescono a vincere lo scontro diretto contro i Misfits, e lo fanno con un gran sorpasso dopo un intero game passato ad inseguire i loro avversari. Nelle fasi iniziali di partita, infatti, la situazione non è delle più rosee per i cobra dorati, che subiscono parecchio l’aggressività di MSF Maxlore (Camille), ma a SPY Kobbe (Vayne) basterà chiudere Lama del re in rovina e Lama di Guinsoo per prendere in mano le redini dell’incontro e condurre il suo intero team alla vittoria, anche grazie all’ottimo SPY Humanoid (Azir). Dopo 40 minuti di match e 11 torri conquistate, gli Splyce potranno finalmente chiudere la pratica e tornare a casa contenti.

Rogue - SK 0-1. SK, che rischio! I compagni di Selfmade vanno vicinissimi alla sconfitta ad opera dei Rogue, ai quali bisogna certamente fare i complimenti per essere riusciti a mettere seriamente in difficoltà un team di media classifica come quello che si trovavano ad affrontare quest’oggi. RGE Kikis (Lee Sin), Sencux (Syndra) e HeaQ (Vayne) giocano praticamente la partita della vita fino alla mezz’ora, momento in cui, però, la Tristana di SK Crownshot comincia a diventare troppo pericolosa, al punto da vincere praticamente da sola tutti i teamfight e facendo recuperare lentamente dell’Oro alla sua formazione. Dopo 40 minuti il Nexus dei Rogue esploderà, decretando una vittoria faticosissima degli SK.

Fnatic - G2 1-0. Senza alcun dubbio una delle partite più belle ed avvincenti di questo intero Split primaverile: i due team sono sicuramente tra i più forti in questo momento e sono praticamente l’uno l’opposto dell’altro, con i G2 che si sono resi protagonisti di un ottimo avvio di campionato e un finale decisamente sotto tono (anche a causa di questo incontro) e i Fnatic che si sono invece ripresi dopo un lungo periodo di prestazioni a dir poco pessime. Il match viene letteralmente dominato dai FNC stessi, che mettono i G2 con le spalle al muro, ma alcuni grossolani errori commessi nelle fasi più avanzate della partita rischiano di buttare all’acqua di rose una simile impresa. Fortunatamente per Rekkles & co. questo non accadrà, e una base race mozzafiato porterà la vittoria finale nelle tasche dei Fnatic, che guadagnano un punto importantissimo ai fini dell’accesso ai playoff.

Excel - Vitality 1-0. Nemmeno i Vitality se la passano bene, e soccombono davanti a degli ottimi Excel, tutt’altro che splendenti fino a questo punto del campionato. VIT Jiizuke (Akali) disintegra XL Special (Yasuo) in fase di corsia, e VIT Cabochard (Renekton) fa lo stesso nei confronti di XL Expect (Aatrox), ma VIT Attila (Vayne) e VIT Jactroll (Braum) rimangono eccessivamente indietro rispetto ai loro diretti concorrenti della corsia inferiore, e sarà proprio questa, insieme al solito throw al Barone Nashor, a decretare l’inevitabile sconfitta dei Vitality, che rischiano a questo punto di vedersi tagliati fuori dai playoff in caso di vittoria di Origen, Splyce e Fnatic nell’ultima giornata di campionato.

Origen - Schalke 04 1-0. Continua il sogno playoff per gli Origen, abilissimi anche nella giornata di oggi a rendersi inarrivabili per i loro avversari. L’MVP di questo match è certamente OG Patrik (Ezreal), davvero distruttivo in corsia inferiore, anche e soprattutto grazie all’onnipresenza di OG Kold (Rek’Sai), bravissimo nel rendersi conto di quale sia l’effettiva winning condition di questa partita e a concentrarsi su di essa. Gli Origen si assicurano quindi un meritatissimo posto ai playoff con una giornata di anticipo.

Servizio a cura di GEC - Giochi Elettronici Competitivi

lec fnatic g2 esports

Commenti