Tuttosport.com

F1 Gp Azerbaigian: domina la Mercedes, Vettel è terzo
© Getty Images
0

F1 Gp Azerbaigian: domina la Mercedes, Vettel è terzo

Ancora una doppietta per le Frecce d'Argento: Bottas vince davanti a Hamilton, quinto posto per Leclerc

domenica 28 aprile 2019

BAKU - La Mercedes domina e segna un altro record in Formula 1, con la quarta doppietta consecutiva: Valtteri Bottas chiude un weekend perfetto per le Frecce d'Argento vincendo il Gp d'Azerbaigian - e salendo al comando in classifica - davanti a Lewis Hamilton e a Sebastian Vettel. Quinto posto per Charles Leclerc, alle spalle della Red Bull di Max Verstappen. Buona la prova di Sergio Perez, sesto; a finire in zona punti anche Sainz, Norris, Stroll e Raikkonen.

PRONTI VIA Bottas parte con il piede giusto: al via il finlandese, scattato dalla pole position, resiste agli attacchi di Hamilton nelle prime tre curve, mantenendo il primo posto davanti al britannico e a Sebastian Vettel. Le due Mercedes dettano legge nelle prime fasi della gara: Bottas e Hamilton si involano con Vettel già a cinque secondi dal britannico dopo cinque giri. Più indietro, però, Leclerc inizia la sua risalita: scivolato al decimo posto dopo il via, il monegasco torna quinto dopo un quarto d'ora di gara e poco dopo passa senza problemi anche Verstappen, prendendosi la quarta posizione.

GOMMA E STRATEGIE A questo punto, con il primo giro di pit stop che incombe, la prestazioni di Leclerc su gomma media diventano impressionanti rispetto alle soft montate dagli altri top driver: la Ferrari si affretta a richiamare il tedesco ai box, a cui pure verrà montata la gomma gialla. Poi tocca a Bottas e Hamilton, su cui il monegasco stava guadagnando 3 secondi a giro. Ed è qui che inizia la seconda gara delle Mercedes: prima Hamilton, poi Bottas tornano a realizzare tempi impossibili, mentre Leclerc lotta come un leone per sfruttare fino all'ultimo le sue gomme prima del pit stop e per avvantaggiarsi il più possibile con la leadership momentaneamente conquistata.

RESISTENZA Il ferrarista ci riesce in effetti bene: dopo 28 giri è l'unico pilota della top 5 a non essere ancora rientrato ai box eppure continua a segnare tempi in linea con quelli delle Mercedes, realizzando addirittura il suo giro più veloce. Poco dopo, però, arriva il sorpasso delle Frecce d'Argento: Leclerc aspetta ancora un paio di giri - il team non vuole rischiare a montare troppo presto le soft - prima di fermarsi finalmente per il pit stop. Bottas e Hamilton a questo punto hanno la gara in mano, inseguiti da Vettel e Verstappen. Poco più indietro, dopo un breve duello con Gasly (bellissima la prova del pilota Red Bull, poi costretto al ritiro), c'è Leclerc. Sulle soft la prestazione del monegasco non è più così fulminea.

DUELLO FINALE C'è ancora tempo per la Virtual Safety Car - entrata al 40/mo giro per l'uscita di scena di Gasly - prima del duello finale tra Bottas e Hamilton. A due giri dal traguardo il distacco tra i due si riduce a otto decimi, poi una scodata e un lungo del britannico lanciano definitivamente il finlandese. Dopo qualche brivido prima della Virtual Safety Car, Vettel gestisce senza troppe difficoltà la terza posizione su Verstappen, mentre per Leclerc c'è un quinto posto che lascia qualche rimpianto.

F1 Azerbaigian Bottas MERCEDES vettel verrari leclerc hamilton

Commenti

La Prima Pagina