F1, Gp Arabia Saudita: terrore a Jeddah, missile fa esplodere impianto petrolifero a pochi km dalla pista

Si ipotizza un attacco da parte degli Huthi, gruppo estremista armato yemenita
F1, Gp Arabia Saudita: terrore a Jeddah, missile fa esplodere impianto petrolifero a pochi km dalla pista

ROMA - Un forte boato, poi il cielo di Jeddah viene coperto da una spessa coltre di fumo nero. All'inizio della prima sessione di prove libere della Formula 1 del Gran Premio dell'Arabia Saudita, un missile è caduto su una struttura della Aramco, compagnia saudita di bandiera per gli idrocarburi che il 20 marzo era stata attaccata. Alcuni video, diffusi sui social, mostrano gli effetti di questo attacco, dietro cui si celerebbe l'operato di un gruppo estremista dello Yemen, il battaglione Huthi.

Paura in Formula 1: razzo cade vicino al circuito dove si corre il GP d'Arabia Saudita FOTO
Guarda la gallery
Paura in Formula 1: razzo cade vicino al circuito dove si corre il GP d'Arabia Saudita FOTO

Riflessione da FIA e F1

Dalla Fia, almeno per ora, nessun allarme anche se la F1 si è riunita in attesa di comunicazioni dalle autorità competenti per il prosieguo del weekend arabo. Dopo la sessione ci sarà una riunione per decidere se proseguire nel weekend o annullare l'evento. Attualmente il traffico aereo sulla zona è stato interrotto e si cerca di ricostruire con esattezza quanto accaduto. Tuttavia, l'esplosione è stata avvertita anche in pista e il fumo si vedeva anche nelle riprese delle telecamere collegate con tutto il mondo per riprendere le libere 1, dove Charles Leclerc ha guidato la classifica dei tempi.

Clicca qui per non perderti tutte le news ed i pronostici di Formula 1

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...