Ferrari, Sainz: "Il dolore al collo mi ha impedito di spingere"

Il pilota della Rossa precisa: "Non è una scusa. Domenica non avevamo il passo di Verstappen"

Ferrari, Sainz: "Il dolore al collo mi ha impedito di spingere"© /Ag. Aldo Liverani Sas

ROMA - Carlos Sainz torna dal fine settimana negli States con un podio importante in tasca. E non solo perché permette alla Ferrari di restare in testa alla classifica costruttori. Dopo l'incidente nel venerdì la paura di un nuovo zero era tornata a fare capolino. Sainz è stato però capace di impreziosire la pole di Charles Leclerc con il suo secondo posto in griglia. Mentre in gara è stato capace di tenere a bada Sergio Perez ed è arrivata la P3. Tuttavia, al termine della corsa, l'ex Red Bull ha detto: "Negli ultimi cinque giri il dolore al collo è tornato a farsi sentire dopo l’incidente di venerdì: non ero nelle possibilità di spingere al massimo".

Le parole di Sainz

Lo spagnolo però non vuole che si interpreti questa confessione come un'attenuante: "Non voglio che venga vista come una scusa, ma forse mi è mancato il tempo per abituare sia il collo che il mio corpo a queste vetture nelle ultime due gare. Nell’ultimo mese non sono riuscito sono stato costretto al ritiro in due gare e questo, unito all’incidente di venerdì, mi ha impedito di spingere al 100%", ha infatti aggiunto Sainz. Resta l'incognita delle gomme: "Sulle medie non ero perfettamente a mio agio. Non era il bilanciamento: semplicemente non avevamo il ritmo di Verstappen. Era però fondamentale chiudere la gara di Miami, dove ho anche sperimentato molto", ha infatti chiosato il 27enne di Madrid.

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...