IN Torino

Oceania, al cinema un viaggio dall'altra parte del mondo

Oceania, al cinema un viaggio dall'altra parte del mondo

Il 22 dicembre arriva l'immancabile film di Natale con un cast di voci per le canzoni d'eccezzione: Finocchiaro, Gualazzi, Hunt, Grispo e Sylvestretwitta

mercoledì 21 dicembre 2016

Non è Natale senza un film firmato Walt Disney e il 2016 non fa eccezione, anche se era dal 2002 che non uscivano due pellicole nello stesso anno solare da parte della Casa di Burbank. Infatti, dopo Zootropolis, arriva nelle sale domani 22 dicembre Oceania, il primo film a proporre una principessa polinesiana. È anche il film in cui, in Italia, il titolo e il nome della protagonista sono stati cambiati per evitare “strane” assonanze. Infatti, in originale titolo e protagonista si chiamano Moana, parola che in polinesiano significa mare od oceano, cambiato qui da noi in Oceania e Vaiana, una vivace adolescente figlia sedicenne del capo dell’isola di Motu Nui che s’imbarca in una coraggiosa missione per salvare il suo popolo. 

La storia è ispirata in parte ai racconti della tradizione orale dei popoli e delle culture dell’Oceania, che i filmmaker hanno esplorato a fondo per imparare tutto ciò che c’era da sapere. I registi Ron Clements e John Musker si sono recati nelle isole del Pacifico per vedere i luoghi con i loro occhi e incontrare la popolazione di persona. Qui hanno incontrato persone che hanno cambiato il loro modo di approcciarsi al film. Spiega Clements. «Un anziano dell’isola di Mo‘orea ci ha chiesto una cosa molto semplice e allo stesso tempo molto significativa: “Per anni siamo stati travolti dalla vostra cultura” ha detto. “Questa volta potreste farvi travolgere dalla nostra”?». 

Qui hanno anche scoperto che quasi tutti gli abitanti delle isole del Pacifico considerano l’Oceania un paese solo, un’unica nazione. Inoltre, sebbene le isole abbiano dimensioni diverse, gli abitanti considerano l’oceano parte del loro mondo, un mondo molto più grande degli Stati Uniti. I film maker hanno trascorso del tempo nelle comunità locali, dove hanno incontrato numerosi anziani e capi villaggio, condividendo storie e cibo con le loro famiglie. Inoltre, hanno incontrato svariati insegnanti, artigiani, intagliatori, agricoltori, pescatori e navigatori, e hanno consultato esperti di archeologia, antropologia, storia, cultura, musica e danza, tra gli altri.

La versione italiana del film è arricchita da un cast di cui fa parte una delle più talentuose, intense e versatili attrici del nostro Paese: Angela Finocchiaro è Nonna Tala, confidente di Vaiana, con cui condivide il legame speciale con l’oceano. Il cantautore e pianista Raphael Gualazzi è Tamatoa, un granchio egocentrico di oltre 15 metri che vive nel regno dei mostri e cerca di darsi un tono ricoprendosi di oggetti scintillanti. La giovane cantante Chiara Grispo interpreta invece le canzoni di Vaiana, mentre nei titoli di coda, la cover in italiano “Prego” (nella versione originale “You Are Welcome”) è interpretata da Rocco Hunt e dalla vibrante voce di Sergio Sylvestre.

Tags: NataleNatale al cienemaOceaniafilm Walt Disneyprincipessa polinesianaRon ClementsJohn Muskerfilm in uscitafilm da vedereAngela FinocchiaroRaphael GualazziChiara GrispoRocco HuntSergio Sylvestre

Tutte le notizie di Cinema

Approfondimenti

Commenti