Lorenzo: "Tanta paura nel 2008, dopo il botto persi conoscenza"

Il cinque volte campione del mondo si racconta a "The Three Doors": "Mio padre mi disse di smettere a 15 anni"
Lunedì Lorenzo compie 33 anni© Getty Images

ROMA - "Mio padre mi disse 'Figlio mio, smettiamola con questa roba'. Io risposi di no, volevo continuare. Avevo 15 anni ed ero in ospedale con le convulsioni per la frattura di polso e clavicola". La carriera di Jorge Lorenzo, che ha parlato alla trasmissione spagnola "The Three Doors", è forse iniziata proprio lì. Dopo cinque titoli mondiali, lo spagnolo si è ritirato dalla MotoGp dove ha dato filo da torcere a Rossi, Marquez e Pedrosa. Salvo poi una breve parentesi da collaudatore, Lorenzo ha completamente abbandonato le due ruote. Complici paure e pressioni troppo forti da gestire per lui sul lungo termine: "Queste cose non mi mancano affatto. Con gli infortuni che sono il peggio", ha detto.

Le parole di Lorenzo

"Mio padre - racconta Lorenzo - aveva il sogno di diventare pilota professionista. Io lo sono diventato a 15 anni e da allora faccio parte dell'1% della gente che non deve lavorare per vivere. Sono stato molto fortunato". Il rovescio della medaglia è però una vita fatta di velocità estreme e tanto dolore e paura quando si cade: "Nel 2008 mi sono spaventato. Ho perso conoscenza dopo una botta alla schiena e non ricordo cosa sia successo. A casa ora sono felici che io non corra più questi rischi". L'asfalto però dopo 18 stagioni nel Motomondiale fa ormai parte di te: "Provare le parti da montare sulla moto, milgiorarsi nei decimi, la vittoria sono queste le cose che mi mancano. Non allenamenti di 7 ore, non la dieta ferrea e nemmeno pressione con gli sponsor. Svegliarsi finalmente senza la sveglia è fantastico", ha ammesso Lorenzo.

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...