MotoGp, Agostini: «Rossi ha perso la testa»

La leggenda delle due ruote giudica in maniera severa l'episodio tra Valentino e Marquez nel Gp della Malesia

ROMA - «Le immagini le abbiamo viste tutti, è innegabile che Valentino abbia sbagliato, sicuramente si è sentito provocato ma non doveva reagire a quel modo. Ora per il mondiale si fa dura, resta ancora aperto ma il favorito, che prima era lui ora, è Lorenzo». Giacomo Agostini, leggenda del Motomondiale, commenta così il contatto tra Valentino Rossi e Marc Marquez al settimo giro del Gp della Malesia costato la caduta allo spagnolo e la sanzione per il pesarese, che partirà ultimo nel Gp di Valencia dove si giocherà il titolo iridato con il compagno di squadra Lorenzo. «Valentino - prosegue Agostini - ha perso la testa, si vede come prima del contatto allarga la traiettoria, cala i giri del motore lo aspetta, lo sfida invece di concentrarsi nell'inseguimento di Lorenzo».

NESSUNA FRENATA Il 15 volte campione del mondo, inoltre, non condivide nemmeno la teoria che Marquez abbia "frenato" con la sua azione il pilota di Tavullia: «Lo dimostra il fatto che una volta caduto il pilota della Honda non è che il suo passo sia migliorato e infatti non è riuscito a rientrare su Pedrosa e Lorenzo. La lotta serrata tra piloti che di certo non si amano è normale nelle gare di moto». Insomma, secondo Agostini, Rossi non avrebbe dovuto aspettarsi un altro trattamento da Marquez: «È ovvio che rimanere freddi durante una gara in cui ci si gioca il mondiale non è facile, però non è che poteva aspettarsi che Marquez gli spalancasse la porta. Lo spagnolo è un pilota orgoglioso, anche se non può lottare più per il mondiale vuole dimostrare di essere il migliore».

Guarda la classifica piloti della MotoGp

Guarda il calendario delle gare in MotoGp

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...