Tuttosport.com

MotoGp, l'avvocato di Iannone: "È come custodia cautelare sportiva"

0

Antonio De Rensis, legale del pilota abruzzese, torna a discutere della squalifica a due giorni dall'udienza al Tas

MotoGp, l'avvocato di Iannone:
© /Agenzia Aldo Liverani S.a.s.
martedì 13 ottobre 2020

ROMA - "Lo slittamento dei tempi ha mortificato la liturgia processuale. Per fortuna il valore di chi giudica andrà oltre queste difficoltà logistiche". Così Antonio De Rensis, legale di Andrea Iannone, a due giorni dall'udienza al Tas riguardo la squalifica inflitta al pilota abruzzese. "Noi avevamo richiesto un'udienza pubblica. C'era stato accordato. I tempi si sono dilatati e il Tas ha dovuto revocarla. In ogni vicenda più luce c'è, più tutti siamo tranquilli. La Wada ha usato formalmente in in maniera corretta ciò che poteva utilizzare, anche a causa dell'emergenza sanitaria. Pensare che consulenti di altissimo livello debbano ridursi all'ultimo secondo dell'ultimo giorno lo ritengo altamente improbabile", ha spiegato in conferenza stampa nella sede di LaPresse a Milano. "Il processo doveva svolgersi prima dell'estate, ne eravamo convinti. Ma siamo arrivati a metà ottobre. Chiederemo che il dispositivo venga notiziato il prima possibile. Spero, visto che le argomentazioni sono chiare, che nel giro di qualche giorno il dispositivo possa essere reso noto. Per le motivazioni ci vorrà più tempo. L'udienza purtroppo non vedrà tutte le parti a Losanna e questo - ha aggiunto - è un grande dispiacere".

"Come una custodia cautelare sportiva"

"Senza drammatizzare, dico che questa è una custodia cautelare sportiva. Andrea, in attesa di una sentenza definitiva, è sospeso. Non c'è una sentenza definitiva. Questo meccanismo va assolutamente modificato, ma non per il caso Iannone, per tutti gli sportivi. C'è una giustizia che non può essere scalfita e deve interessare tutti", ha terminato De Rensis.

Rivola: "Non vediamo l'ora di rivedere Iannone in moto"

Motogp Aprilia iannone

Caricamento...