Tuttosport.com

Hayden, la famiglia: «Orgogliosi di lui»
© ALDO LIVERANI

Hayden, la famiglia: «Orgogliosi di lui»

Il fratello dello sfortunato pilota ha scritto un messaggio per ringraziare i tifosi del supporto
twitta

martedì 23 maggio 2017

CESENA - «È stato di grande conforto per tutti noi, sapere che Nicky ha toccato la vita di così tante persone in modo positivo. A nome della famiglia vorrei ringraziare tutti per i loro messaggi di sostegno». Scrive così Tommy Hayden, fratello dello sfortunato campione del mondo 2006 MotoGP spirato all'Ospedale Bufalini di Cesena cinque giorni dopo il suo incidente stradale con la bici.

RINGRAZIAMENTI - «Anche se questo è ovviamente un momento triste, vorremmo ricordare a tutti Nicky nel suo momento più felice, in sella a una moto. Da bambino ha sognato di essere un pilota professionista e non solo lo ha realizzato ma è riuscito a raggiungere l'apice del suo sport, diventare campione del mondo. Siamo tutti così orgogliosi di questo -  scrive Tommy Hayden - A parte questi ricordi 'pubblici', avremo anche molti ricordi di grande felicità di Nicky a casa in Kentucky, nel cuore della famiglia. A noi tutti mancherà terribilmente. È anche importante ringraziare tutto il personale dell'ospedale per il loro incredibile supporto, sono stati molto gentili. Con l'ulteriore sostegno delle autorità nei prossimi giorni speriamo di avere Nicky a casa presto», conclude il fratello del campione statunitense.

IL RICORDO DELLA SORELLA - «Oggi non solo ho perso il mio fratello maggiore, ho perso il mio migliore amico. Risposa in pace Tricky, finché non ci incontriamo ancora», il tweet della sorella Kathleen, che accompagna il messaggio con un'immagine che la ritrae insieme a Nicky. Roger, il fratello minore, ha dedicato a 'Kentucky Kid' un lungo post sul suo profilo Instagram. «Sei stato campione del mondo per un motivo. Non ho mai incontrato qualcuno con il desiderio di correre in moto come te. Non dimenticherò mai il lunedì mattina dopo la tua vittoria nel Mondiale - ha scritto - mi svegliasti per andare a correre. E' questo che ti differenziava da tutti gli altri e che ha fatto di te una leggenda».

L'addio a Hayden dal mondo dello sport

Tags: Sbkhayden

Tutte le notizie di Superbike

Approfondimenti

Commenti