Motori

Due Ruote

Motodays: 145.100 visitatori per il 2015

Il Salone della Moto e dello Scooter in Fiera Roma ha totalizzato 145.100 visitatori. Ospiti, novità di mercato, show e prove nelle aree esterne: la formula dei "giorni della moto" si conferma vincentetwitta

mercoledì 11 marzo 2015

441 le aziende presenti, 52.000 i metri quadri a disposizione di espositori e visitatori nelle aree interne, all’esterno 30.000 mq dedicati alle prove delle novità, 116 mezzi in prova, di cui buona parte all’esterno del quartiere, e altri 25.000 mq per gli show e le esibizioni.  

"Chiudiamo con soddisfazione la settima edizione di Motodays - sottolinea l'amministratore unico di Fiera Roma Mauro Mannocchi - una manifestazione che ormai caratterizza non solo Fiera di Roma ma l'intera città. Anche quest'anno abbiamo avuto un riscontro importante di visitatori da tutta Italia e, soprattutto, un primo positivo riscontro da parte delle aziende sulle attività svolte in questi 4 giorni. Tutti i principali leader di mercato sono stati presenti, forti di una situazione di settore che oggi sembra fare meno paura di qualche tempo fa. Insomma i nostri Motodays si affermano sempre più come evento che accende le luci sulla nuova stagione economica del settore due ruote a motore, ai primi di marzo, e con la possibilità di provare i mezzi in maniera pienamente soddisfacente. Certifichiamo quindi il claim e la sfida con cui abbiamo lanciato il progetto Motodays, un progetto che… mette in moto il mercato!"    

La macchina organizzativa vede dietro le quinte di Motodays un gruppo coeso che lavora da 8 anni per far evolvere il Salone della Moto, confrontandosi per tutto l'anno con gli espositori e con il pubblico per trovare la direzione migliore. 

I numeri parlano chiaro e confermano l'impressione visiva: soprattutto nel weekend i visitatori si sono accalcati fin dalle prime ore della mattina ai cancelli d'ingresso, hanno colmato ogni corridoio libero fra gli stand, sono saliti su tutte le moto e gli scooter in esposizione, hanno affollato le aree esterne per gli spettacoli e hanno provato le novità nella riding school. 

LE CASE - Numerose le adesioni della Case, tutte in forma ufficiale. Honda ha scelto Motodays per presentare in anteprima mondiale l'SH 300,  BMW, leader nel mondo delle sport-tourer ma ora sempre più anche fra le sportivissime, ha schierato tutte le novità lanciate al Salone Internazionale di Monaco: dalle R 1200R alla S1000RR; reginetta dello stand Ducati la nuovaMultistrada 1200, dotata dell’innovativo propulsore Testastretta DVT; Scrambler ha catturato l'attenzione con il nuovo marchio presente in tutte le declinazioni; il Gruppo Piaggio ha partecipato con i brand Vespa, Piaggio e Aprilia, e quindi con tutte le versioni dello scooter più venduto al mondo, ma anche con il tre ruote MP3 e con la sportivissiva Aprilia RSV4 RF, replica stradale della moto che corre in Superbike; gli amanti del fuoristrada - ma anche dei lunghi viaggi - hanno sgranato gli occhi davanti alle novità di KTM, presente anche con la Freeride elettrica; i più nostalgici hanno ammirato la nuova Elettra, relalizzata da Rondine Motor, marchio glorioso degli anni Venti e oggi ricostituito; Kymco ha posto al centro dell'attenzione il nuovissimo Downtown 350i, che deriva dal modello da 300 cc presentato per la prima volta nel 2009; il marchio Norton è tornato a Roma dopo anni di assenza, con la sua gamma di Commando artigianali,  e  anche  Royal Enfield  ha  fatto sognare  gli  amanti delle  cromature; Fantic ha schierato le sue nuove, agili off-road anche racing e il marchio francese Mash Motors ha esposto tutta la “lineup” di veicoli dallo stile retrò; meraviglia allo stand Moto di Ferro, con i modelli completamente realizzati a mano, ma anche in MV Agusta, con le nuovissime Stradale 800 e Turismo Veloce 800; il marchio Triumph è stato presente con tutte la gamma Tiger 800 ma anche con le Factory Special; Kawasaki  ha posto al centro dell'attenzione la Ninja H2, prima moto dotata di Supercharger prodotta in serie; Suzuki ha puntato i riflettori sulle novità della gamma GSX, anche in livrea replica MotoGP, tante novità anche per Yamaha, dalla MT-09 Tracer alla adventure T1200Z Super Ténéré anche in versione Worldcrosser; curiosità anche intorno a Quadro, con la sua nuova gamma scooter a tre e quattro ruote; 

ANTEPRIMA MONDIALE HONDA - Allo stand della Casa dell'Ala ha troneggiato il nuovo SH300, presentato in anteprima mondiale proprio a Motodays. Presenti anche svariati modelli dell'SH, che hanno consentito di ripercorrere visivamente la storia del popolare scooter, che quest'anno festeggia i trent'anni: era infatti il 1984 quando il primo SH50 ha debuttato nel panorama motoristico. 

 

OSPITI - Durante i quattro giorni di Motodays davvero tanti i VIP che si sono avvicendati sulla passerella di Fiera Roma: da Fabrizio Frizzi e Annalisa Minetti a Max Giusti, che ha persino gareggiato su una KTM. Tra i piloti, bagno di folla per il portacolori della Ducati ufficiale in Superbike Davide Giugliano, ma anche per Michel Fabrizio, che si è presentato nel suo nuovo ruolo di team manager, e per il dottor Claudio Costa, che ha presentato il suo libro su Marc Marquez. Fugace apparizione per il pilota della MotoGP Andrea Iannone, che ha siglato tanti autografi ma poi è scappato via anzitempo, deludendo i fan che lo attendevano sotto il palco di Dimensione Suono Roma per sentirlo raccontare la sua nuova esperienza da ufficiale Ducati in un incontro da tempo programmato e annunciato.

Un bellissimo rapporto con il pubblico di Motodays lo hanno instaurato i piloti Aprilia Superbike Leon Haslam e Jordi Torres: nonostante non parlino l'italiano, hanno conquistato tutto il pubblico di Motodays rendendosi disponibili da venerdì a domenica e accontentando ogni richiesta di foto e autografi dei loro fans. Anche ieri dal palco di Dimensione Suono Roma, al microfono del giornalista di La7 Fabrizio Calia, hanno continuato a rispondere alle domande sul successo del team Red Devils nella gara di apertura del mondiale in Australia.

Protagonista di un "A tu per tu" sul palco centrale di Motodays anche Nicola Dutto, presente per tre giorni. Il pilota motociclista è divenuto paraplegico dopo un brutto infortunio in gara nel 2010: soltanto tre anni dopo ha terminato al terzo posto assoluto l’estenuante gara di Baja 1000 in Messico, una maratona di circa 30 ore  no-stop nel deserto in sella ad una KTM.

Ospiti allo stand dell'Aeronautica Militare il sergente Paolo Pizzo, campione del mondo nel 2011 nella scherma,  l'aviere Paolo Ottavi, medaglia d'argento a squadre nei Giochi del Mediterraneo e il sergente Luca Pignori, vincitore di diversi titoli nella sciabola.

A Motodays sono approdati anche i piloti delle quattro ruote: Giancarlo Fisichella, ex pilota di Formula 1 e attuale collaudatore Ferrari, Emanuele Pirro, cinque volte vincitore della 24 Ore di Le Mans. Presenti anche Eddie Cheever jr, attualmente impegnato nella Nascar europea, e Carlotta Fedeli, pilota della Castrol Cupra Cup, tutti capitolini.

LA REGINA DI MOTODAYS  - Sono stati oltre 100 i preparatori di special custom, cafè racer e scrambler che si sono sfidati a colpi di “personalizzazioni” al padiglione Kromature di Motodays.Al suo interno, infatti, per la prima volta hanno avuto luogo le tappe di ben tre campionati nazionali unici nel loro genere, dedicati a Bike Show, all’Aerografia e alle Kustom Cars. Dopo il successo dello scorso anno, con quasi 100 special iscritte al Bike Show e più di 20 aerografisti al Custom Painting Show, il contest di Motodays è entrato a far parte dell'Italian Motorcycle Championship, il primo ed unico Campionato Italiano di Custom Bike Show organizzato da Terre di Moto Srl e dalle riviste Bikers Life, Kustom World/Aero Art Action e Cruisin' Magazine. Incoronata "Regina" di Motodays 2015 la bagger "Adrenaline 26" preparata da Vallese Garage: lunga più di tre metri, verniciata in blu e nero, è stata realizzata partendo da una base Harley-Davidson Road King ed impreziosita con numerosi particolari personalizzati. "Nonostante la lunghezza e la mole - hanno spiegato sul palco i preparatori di Latina - il cliente la utilizza tutti i giorni per andare a lavoro o per fare la spesa ed è una bella soddisfazione perché oltre ad essere bella e originale, vuol dire che la 'Adrenaline' è anche maneggevole". 

Sabato sera il padiglione delle Special ha ospitato anche la prima Bikers Night dedicata agli appassionati di musica e due ruote.

GUINNESS WORLD RECORD - Da quest'anno Motodays è anche entrato nel World Guinness per aver ospitato una singolare sfida: il pilota romano Marcello Sarandrea, 32 anni, è salito in sella ad una Yamaha Tricker 250 e ha battuto un curioso record, indirizzando la propria motocicletta con il solo uso del busto attraverso un tracciato di 1.230 metri articolato in 6 curve, che ha percorso per 222 km, ovvero 180 tornate senza toccare il manubrio con le mani e mettere i piedi a terra su di un circuito guidato. Il precedente record apparteneva al motociclista colombiano Manrique Saez Cruz che nel febbraio del 2001 era riuscito a percorrere 213 km nelle stesse condizioni.

AREE ESTERNE - Tante le attività nelle aree dedicate agli spettacoli e alle gare, all'interno del quartiere fieristico, organizzate con la preziosa collaborazione di Bardhal: dalle esibizioni di freestyle, con evoluzioni al limite della fisica, agli incredibili stuntman, che si sono cimentati in sella a moto da strada opportunamente modificate, ma anche sui ciclomotori, come il popolare Nicola l'Impennatore. 

RIDING EXPERIENCE - Nelle aree esterne è stato possibile anche provare tante novità del mercato, grazie alla Riding Experience, realizzata sempre con il supporto di Bardhal. Si tratta dell’iniziativa che permette ai visitatori di salire in sella alla propria moto dei sogni, grazie alla collaborazione dinumerose Case che come da tradizione hanno messo a disposizione del pubblico i nuovi modelli di moto e scooter, per dei "riding test" nei dintorni della Fiera. Quest’anno in prova le novità di Piaggio, Kawasaki e Triumph, ma anche Yamaha, Honda, Suzuki. 

COPERTINE E STRIP ANNI OTTANTA - Al padiglione 5, grande successo per l'esposizione "La passione fa '80" dedicata alle moto di un decennio importante sia dal punto di vista delle scelte estetiche che per la ricerca tecnologica e meccanica applicate al mondo delle due ruote. Ad accompagnare le moto esposte sulle pedane di Motodays Vintage (tra queste la Suzuki Katana, la Honda Super Bol d'Or e la rarissima Honda NR a pistoni ovali), alcune delle copertine più significative della rivista "La Moto" di quegli anni e le strisce del famoso vignettista Stefano Disegni, pubblicate sul mensile e dedicate ai temi più caldi del periodo. Un'iniziativa che ha voluto rendere omaggio allo storico direttore del periodico romano, Claudio Porrozzi, scomparso nel 2014: personaggio fra i più attivi e stimati del motociclismo italiano e internazionale, manager, dirigente della FMI, ma soprattutto grande appassionato delle corse, è stato un giornalista di rara competenza e autore di oltre quaranta volumi dedicati alle due ruote, compresi gli annuari ufficiali del mondiale Superbike.

 

SUPERCAR - Giancarlo Fisichella. Il pilota romano popolare per le sue imprese in Formula 1 nonché testimonial di Supercar - altro grande evento di Fiera Roma dedicato ai motori,  è stato ospite allo stand di Roma Auto Show e si è reso disponibile ai fan per foto e autografi per poi salire sul palco di Dimensione Suono Roma. 

"Supercar è stato presentato l'anno scorso qui a Motodays e ha avuto un gran successo", ha detto 'Fisico'. "E visto che ci ha portato fortuna, ora lanciamo dal palco di Motodays anche la seconda edizione di Supercar, che si svolgerà qui dal 9 all'11 ottobre, anzi, vi do già appuntamento! Ci piace questo binomio che si è creato fra le due e le quattro ruote. Fra l'altro sono appassionato di moto anche io: guardo le gare di MotoGP e Superbike, sono molto amico di Max Biaggi e guido una Harley-Davidson V-Rod. Alla moto però preferisco dare sempre del 'lei': non ho la stessa confidenza che ho con le auto, e proprio per questo ne ho scelta una da passeggio... " 

SICUREZZA STRADALE - E' una tematica costantemente al centro dell'attenzione di Motodays ed è stata sviscerata in varie occasioni: dalle 'lezioni' tenute dalla Polizia Stradale ai convegni "I motociclisti parlano di moto", ma anche le dimostrazioni dell'airbag organizzate quotidianamente da Dainese.

ISTITUZIONI - Nei vari padiglioni di Motodays l’Aeronautica Militare, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Polizia Penitenziaria e la Polizia Stradale hanno presentato nei loro stand le loro attività a favore dei cittadini. La Polizia Penitenziaria ha effettuato anche dimostrazioni per il pubblico con i cani antidroga, mentre la Polizia Stradale si è impegnata in iniziative relative alla sicurezza. L’Aeronautica è stata presente con il simulatore di volo delle Frecce Tricolori. 

VINTAGE - Moto d’epoca protagoniste attraverso l’area tematica dedicata alle due ruote del passato, realizzata in collaborazione con il Moto Club Yesterbike. Tra le iniziative, il One to One, spazio destinato ai privati che desiderano mettere in vendita la proprio moto, il Moto Village, area dedicata all'esposizione e vendita dell'usato "moderno” e la Mostra Scambio, con tutto il necessario per il restauro delle moto d'epoca ma anche modellismo e oggettistica “in tema” e la ricostruzione di un Barber Shop anni Cinquanta. 

Ospite al padiglione vintage anche Mauro Pica Villa, figlio del famoso cantante, notoriamente appassionato di moto: la Kawasaki e la tuta del padre sono state infatti esposte nella mostra "La passione fa '80".

LE PIU' CARE - Nel padiglione 5, dedicato alle moto che hanno scritto la storia delle due ruote, per la prima volta si sono viste insieme vedere insieme due autentiche rarità legate da un filo conduttore: la Otto Cilindri realizzata da Moto Guzzi nel 1956, e la Honda NR Pistoni Ovali, soluzione meccanica ideata dalla Casa dell'Ala nel 1987 proprio per raggiungere gli stessi risultati prestazionali della Otto Cilindri, architettura nel frattempo vietata dai regolamenti. La Honda NR è visibile nel Motor Village, dedicato alla compravendita delle moto "moderne", ed è in vendita a € 100.000,00: una cifra giustificata anche dal fatto che di questa moto sono stati importati soltanto trecento esemplari in Europa. 

CHARLIE GNOCCHI - lo showman-artista conduttore radiofonico e personaggio televisivo, nonché compositore di canzoni rock demenziali, è tornato Motodays per esporre i suoi quadri e disegni di soggetti motociclistici creati con l'originale tecnica del «moto moka», ovvero utilizzando il caffè. Gnocchi ha distribuito 2.000 stampe di un suo quadro creato appositamente per Motodays e il ricavato verrà devoluto all’associazione Peter Pan Onlus.

 

TURISMO - Ampio spazio anche alle iniziative per vivere le due ruote in viaggio: dalla presenza di grandi globetrotter in moto, come Giampiero Pagliochini, autore anche di diversi libri sulle sue imprese internazionali in solitaria, alla rivista Mototurismo, che organizza anche workshop e pacchetti-viaggio per girare il mondo in sicurezza in sella alla propria moto.

PASSIONE SENZA FRONTIERE - Oltre alla presenza del campione di enduro Nicola Dutto, divenuto paraplegico nel 2010 ma tornato a correre, Motodays ha ospitato la Onlus Di.Di. Diversamente Disabili, protagonista con diverse iniziative, a cominciare dalla tavola rotonda "Due ruote: Patente A Speciale, la conquista di un diritto"sul palco Dimensione Suono Roma, con la presenza dell'atleta paralimpica Annalisa Minetti. E' stato presentato poi il Team Di.Di., formato esclusivamente da piloti diversamente abili che si cimenteranno nel contesto sportivo nazionale e non solo. Nelle aree esterne, la "Scuola Guida Di.Di." ha riportato in sella tanti appassionati: anche chi ha perso l'uso delle gambe ha ripreso in mano il manubrio, grazie alla Di.Di.Bike, una Honda adattata con apposite rotelline laterali.

MOTODAYS E LE SCUOLE - Come da ormai diversi anni Motodays ha organizzato incontri con le scolaresche: nei giorni di giovedì 5 e venerdì 6 circa 300 ragazzi delle scuole medie e superiori contattati anche grazie alla collaborazione della Federazione Motociclistica Italiana sono stati ospiti del Salone della Moto e dello Scooter, dove hanno partecipato ad un percorso a loro dedicato.  I temi sono stati quelli della Sicurezzacon la Polizia Stradale, Educazione alla Legalità con la Guardia di Finanza, Problematiche dell'uso degli stupefacenti e Dimostrazioni con i cani antidroga con Polizia Penitenziaria.

RASCEL JR - E’ stato presente per la prima volta a Motodays Custom Cez, al secolo Cesare Ranucci Rascel, figlio dell’indimenticato artista Renato. Con una laurea in composizione jazz al Berklee College di Boston e due colonne sonore cinematografiche all’attivo, Cesare è anche un video maker, autore del web reality Roma Custom Bike: in ogni puntata viene radicalmente rielaborata e personalizzata una motocicletta. Nel suo stand dedicato alla Custom Kulture ha esposto le sue moto, mentre nello stand ufficiale Triumph ha esposto la Street Triple trasformata in collaborazione con Cristian Laoreti di Motostyle Roma.

FIRST-HAND - Anche per questa edizione, le due e le quattro ruote si sono incontrate grazie alla Mercedes-Benz Italia con l’iniziativa FirstHand. Si tratta del programma di usato selezionato e certificato della Casa della Stella che, in collaborazione con Mercedes-Benz Roma, presenta una selezione di ben 90 vetture usate Mercedes-Benz e Smart, di cui la maggior parte garantite fino a quattro anni e disponibili anche per i test drive. Tra i protagonisti dell’area FirstHand anche la smart ebike, la bici elettrica che gli ospiti del Salone hanno provato su una pista dedicata. Si raggiungere Fiera Roma anche bordo di car2go, l’innovativo car sharing firmato Smart: si paga solo per il tempo utilizzato e si chiude il noleggio parcheggiando gratuitamente negli spazi riservati, all'interno del quartiere fieristico. 

Tutte le notizie di News Motori

Approfondimenti

Commenti