Motori

Due Ruote
Germania, bocciato il pedaggio in autostrada solo agli stranieri
© ANSA

Germania, bocciato il pedaggio in autostrada solo agli stranieri

l pedaggio delle autobahn sarebbe stato pagato da tutti ma i tedeschi avrebbero poi avuto un sconto di pari valore sulla tassa di circolazionetwitta

venerdì 24 marzo 2017

 Alessandro Vai

TORINO - La bocciatura era attesa e puntualmente è arrivata. Nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha respinto la proposta tedesca di richiedere un pedaggio sulle autostrade nazionali ma solo per gli automobilisti stranieri. Il provvedimento sarebbe entrato in vigore nel 2019, con un artificio burocratico. Il pedaggio delle autobahn – che sono completamente gratuite – sarebbe stato pagato da tutti ma i tedeschi avrebbero poi avuto un sconto di pari valore sulla tassa di circolazione. Peccato che una decisione del genere sarebbe contraria ai principi di libera circolazione su cui si fonda l’Unione europea.

BOCCIATO - Lo avevano fatto notare gli altri paesi dell’UE con la confinante Austria in testa e già a settembre 2016, la Commissione europea, proprio con questa motivazione, aveva rinviato la Germania davanti alla Corte di giustizia dell'UE. E il voto di ieri ha confermato con larga maggioranza la natura discriminatoria di un provvedimento del genere: i voti favorevoli sono stati 510, 126 i contrari e 55 le astensioni. Ma come avrebbe dovuto funzionare, nella pratica, il sistema messo a punto dai tedeschi?

PEDAGGIO - Il pagamento, così come previsto dalla normativa emanata dal ministro dei Trasporti tedesco, Alexander Dobrindt, avrebbe dovuto avvenire con un bollino da esporre sul parabrezza, che avrebbe avuto un costo annuo variabile da 67 ai 130 euro, a seconda della cilindrata e delle emissioni di CO; e sarebbe stato acquistabile anche con validità di 10 giorni da 2,50 a 25 euro, sempre secondo lo stesso criterio. La ragione della bocciatura, dunque, sta proprio nel fatto che il costo del bollino sarebbe risultato detraibile dalla tassa di circolazione per le vetture immatricolate in Germania.

Tags: Germaniaautostrade

Tutte le notizie di Mondo motori

Approfondimenti

Commenti