Tuttosport.com

Svelata la nuova Peugeot 208, anche elettrica
0

Svelata la nuova Peugeot 208, anche elettrica

A Parigi abbiamo visto in anteprima la nuova city car del Leone che sarà in vendita in autunno (ma si potrà prenotare da marzo). Il modello sarà lo stesso per ogni alimentazione, compresa quella a zero emissioni che avrà motore con batteria da 50 kWh, 136 cv di potenza, 260 Nm di coppia e un'autonomia di 340 km (ciclo WLTP). Ma il salto di qualità è totale, tra design, tecnologia di ultima generazione, con il moderno i-cockpit e la guida autonoma di 2° livello

 Pasquale Di Santillo lunedì 25 febbraio 2019

Nella tana del Leone per scoprire l’ultimo segreto Peugeot, la sua svolta elettrica, misteriosa fino ad un certo punto, ma sempre emozionante. Ed eccola là, la nuova 208. Al centro ADN, il “laboratorio” parigino dove nascono le “star” del Leone. La tengono coperta e in disparte, accanto alla mitica 205 GTI del 1983, l’inizio della storia, una storia di successo. Poi, all’improvviso il telo cade e i gridolini di stupore si moltiplicano. Fotografi, cameramen, truccatori: tutti intorno a lei. La trattano alla stregua di un’attrice pronta a salire sul palcoscenico per ricevere l’Oscar e lei fa di tutto per essere al centro dell’attenzione. Bellissima, giovane, avvenente e futuristica, alla facia delle piattaforme che sfornano macchine tutte uguali. È vero, la…parentela con 508 non si può far finta che non esista, ma ragazzi. Questa è una macchina che farà strage nel segmento B. Per come è fatta (è solo 5 porte), per quello che propone e per il suo livello tecnologico. Vedrete, è nata una stella.

POTERE DI SCELTA. Uno stesso modello, tre alimentazioni diverse, zero dubbi. Il Leone graffia alla sua maniera e a poco più di una settimana dall’anteprima mondiale al Salone di Ginevra svela la nuova Peugeot 208, per la prima volta anche con motorizzazione elettrica ma esattamente uguale - a parte qualche minimo dettaglio sulla griglia e sui cerchi - alle versioni con motori benzina o Diesel. Una filosofia precisa per rassicurare i clienti ancora diffidenti verso le vetture ad emissioni zero. E per rafforzare un concetto che diventerà claim: “the power of choice”, la possibilità di scelta. Ma nuova Peugeot 208 è destinata a sorprendere in ogni aspetto. Dal design, completamente rinnovato, che la rende, se possibile, ancora più azzeccata dell’ultima versione. Proporzionata e scolpita con quel parabrezza inclinato che fa allungare il cofano e regala alla 208 un aspetto ben oltre il segmento B di appartenenza. Come la next technology di cui è dotata, a cominciare dal secondo livello di guida autonoma con un head up display praticamente a ologrammi, con informazioni dinamiche che si allontano o avvicinano all’occhio del guidatore a seconda dell’importanza e dell’urgenza. Tutto rigorosamente inserito nella nuova generazione dell’i-cockpit.

NORMALITA’ ELETTRICA. Figlia della nuova piattaforma del Gruppo PSA, CMP - motore e batterie sono analoghi a quelli impiegati nella crossover elettrica DS 3 Crossback E-Tense e della futura Opel Corsa - modulare per dimensioni e motorizzazioni come del prototipo Fractal, la nuova Peugeot e-208, l’elettrica, ha un motore con 100 kW cioè 136 cv di potenza e una coppia di 260 Nm e la sua batteria (sistemata sotto il pianale) è di quelle di ultime generazione, con grande capacità - 50 kWh - che regala alla vettura 340 km di autonomia reale secondo il protocollo di omologazione WLTP (450 km con quello NEDC) ed è garantita per 8 anni (o 160.000 km). Numeri importanti generati da un sistema che la collega al circuito di raffreddamento del veicolo. Si ricarica da una presa domestica in 16-23 ore; da una wall box in 5 ore 15’ o 8 ore, dipende se trifase o monofase; in 30’ per l’80% da una colonnina di ricarica pubblica da 100 kW. La 208 elettrica offre tre modalità di guida: Eco, Normale e Sport e due modalità di frenata (moderata o aumentata) per controllare meglio la decelerazione e recuperare più energia. Le altre motorizzazioni? I benzina sono i gtre cilindri da 1.2 da 75 (solo cambio manuale), 100 (manuale e automatico EAT8 a 8 rapporti) e 130 cv (solo EAT8). Per il Diesel, c’è il motore 4 cilindri 1.5 da 100 cv con cambio manuale a 6 rapporti-

IDENTITA’ FORTE. La scultura e le proporzioni di cui parlavamo prima sono tutte nelle linee tese e pulite che spostano lo stile della nuova Peugeot 208 sul versante sportivo senza perdere in eleganza. E’ più lunga di 8-9 cm rispetto alla generazione precedente, quindi supera i 4,08 metri; più larga quasi di un cm (1.74) e più bassa, 1.43 contro 1,46 proprio per completare quell’arretramento del parabrezza che se fa allungare il cofano fa scendere il tetto spiovente sul posteriore. La riconoscibilità è immediata anche grazie alla firma luminosa a 3 artigli dei proiettori Full LED mentre il paraurti anteriore è disegnato in una un’unica linea e ingloba la calandra. Stessa cura maniacale negli interni con la creazione di un’infinità varietà e quantità di vani portagoggetti: sotto il  bracciolo dei sedili anteriori, davanti alla leva del cambio e sulla consolle centrale. Quest’ultimo si sdoppia in una comodissima molteplicità di utilizzi. Da una parte il dock per la ricarica a induzione dello smartphone; dall’altra, la parte posteriore del coperchio, un piano da appoggio per lo stesso smartphone che così in teoria diventa il terzo display della vettura. Un ambiente, complessivamente votato al comfort totale del gjuidatore (anche 8 scelte di colori per l’illuminazine ambientali). Dotazioni, insomma da segmento D:

TECNOLOGIA DI QUALITA’. Stesso discorso per tecnologia e la connettività. La  nuova generazione dell’i-cockpit si presenta con la chicca del nuovo cluster 3 D del quadro strumenti che anticipa ed evidenzia le info in una sorta di  ologramma visibile e e molto comprensibile. Mentre il touch screen da 5, 7 o 10 pollici (in base all’allestimento) dispone della funzione Mirror Screen compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, senza dimenticare la 3D Connected Navigation con servizi Tom Tom Traffic. Al resto penso gli infiniti sistemi di ausilio alla guida che trasforma questa city car in una sorta di macchina che guida da sola (livello2). Sono infatti presenti l’adeguamento automatico della distanza dal veicolo che precede, fino alla fermata d’emergenza; il mantenimento automatico del veicolo in carreggiata; la gestione di sterzo, acceleratore e freno per entrare e uscire dai parcheggi; la frenata automatica di emergenza di ultima generazione con allerta rischio collisione e rilevazione di pedoni e ciclisti, giorno e notte,d a 5 a 140 km/h; l’avviso di superamento involontario di corsia con correzione di traiettoria da 65 km/h; l’a vviso al guidatore in caso di distrazione o stanchezza; lettura dei cartelli stradali per limiti di velocità, stop e senso vietato; monitoraggio dell’angolo cieco, freno di stazionamento elettrico. La gamma di nuova Peugeot 208 ha cinque livelli di allestimento: Like, Live, Allure, GT Line e GT (per l’elettrica). In Italia, dopo il debutto a Ginevra, sarà commercializzata nel prossimo autunno ma potrà essere prenotata on-line (sia in versione termica che elettrica) dai primi giorni di marzo attraverso un portale dedicato. A voi la scelta. Di certo, è nata una stella.

Peugeot 208 elettrica

Commenti