Tuttosport.com

BMW M1, un mese per vedere l'auto dipinta da Andy Warhol
0

BMW M1, un mese per vedere l'auto dipinta da Andy Warhol

Direzione Milano, BMW Urban Store. In mostra per tutto luglio la vettura tedesca che ha fatto la storia non solo delle quattro ruote ma anche dell'arte, diventando la più cara al mondo e un esemplare unico che porta la firma del genio della pop art

lunedì 8 luglio 2019

Amanti della pop art, è giunto il momento di un viaggio a Milano. Per tutto il mese di luglio, il BMW Urban Store ospiterà un esemplare più unico che raro. La mitica BMW M1 Gr. 4 dipinta a mano dal genio della pop art Andy Warhol quarant'anni fa.

Stabilirne il valore economico può risultare un’operazione assai complicata - potrebbe sicuramente superare le cifre record di 9mila euro per opere come il barattolo di Campbell Soup, o i 22mila euro della copia firmata di ritratti di Marilyn Monroe - , sia per la storia della vettura stessa e sia per il lavoro di Warhol.

Velocità massima 262 km/h

La M1 venne sviluppata dalla BMW nel 1978. Di serie, sì, ma con caratteristiche da auto da corsa. Il progetto nacque per competere contro le Porsche nel campionato GT. E fu proprio la divisione motorsport di BMW a realizzare la macchina, coadiuvati dalle idee di Giorgetto Giugiaro per quanto riguardava il design della carrozzeria.

BMW M1, esemplare unico messo all'asta

Il 6 cilindri alimentato a iniezione permetteva alla M1 di sprigionare una velocità massima di 262 km/h, proprio come un esemplare da competizione. E la pista divenne presto il suo sbocco naturale. Già nel 1979, quando gareggiò anche a Le Mans, arrivando sesta in classifica assoluta con alla guida il pilota tedesco Manfred Winkelhock e i francesi Marcel Mignot ed Hervé Poulain. Tra i grandi piloti della F1 a sedersi sopra di essa, nomi del calibro di Niki Lauda, Nelson Piquet, Didier Pironi e Elio De Angelis.

Firma sul paraurti

Nel 1979 Andy Warhol infuse il suo genio sull’auto, dipingendola di vari colori, tra cui rosso, verde, giallo e azzurro. Leggenda narra che lavorò improvvisando, spinto dall'improvvisazione e impiegando poco meno di mezz’ora per finire il tutto. Apponendo anche la sua firma sul paraurti posteriore con un dito. Il tutto con il pennello, anche se in certe parti ha usato solo le dita, rimanendo pienamente soddisfatto della sua “opera d’arte”. Ed è così che lo store BMW di Milano si è trasformato in una sorta di “museo”.  

BMW m1 Andy Warhol

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...