Australia, Lamborghini Diablo distrutta in un crash

Il guidatore, rimasto illeso, ha perso il controllo del mezzo, facendolo scivolare giù da un terrapieno. E la macchina, un esemplare vintage della supercar degli anni Novanta capace di erogare 492 CV, ne è uscita disintegrata

Australia, Lamborghini Diablo distrutta in un crash

In Australia, il proprietario di una Lamborghini Diablo primissima serie del 1990, bolide da 492 CV capace di raggiungere anche i 325 km/h, è riuscito a schiantarsi e a distruggere la sua supercar pochi giorni dopo l'acquisto.

Lamborghini Diablo: gli scatti
Guarda la gallery
Lamborghini Diablo: gli scatti

LA PERDITA DI CONTROLLO DELL'AUTO

A riportare la vicenda, la pagina Facebook "Australia crash investigation unit", che ha documentato il tutto con tanto di foto. Il guidatore, che aveva al suo fianco un altro passeggero, avrebbe perso il controllo della sua Diablo lungo Fowler Road, nella cittadina di Illawong, nella zona sud dell'hinterland di Sidney. La macchina è così uscita fuori di strada, scivolando giù da un terrapieno e finendo tra i cespugli.

Pilota e passeggero sono rimasti per fortuna illesi, ma a subire i maggiori danni è stata la Diablo. La vettura è infatti rimasta praticamente distrutta soprattutto nella parte anteriore, con cofano e parabrezza disintegrati. Anche tetto, portiere e uno dei pannelli posteriori sono ormai un ricordo.

UNA DIABLO NUOVA DI ZECCA

Non si conosce ancora il motivo dell'incidente, di certo si sa che la Lamborghini in questione era stata acquistata da poco. Alcuni passanti infatti si sono trovati sul posto, hanno cominciato a scattare foto e udito il conducente urlare "E' nuova! E' nuova!".

Fortunato a essere rimasto in vita, certo. Ma nessuno osa immaginare la sensazione di acquistare una Diablo e vederla distrutta nel giro di qualche giorno.

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti