Che ci fa una Fiat 500 tutta di marmo sul letto del Po? La storia è incredibile

La scultura in marmo di Carrara si chiama Old Lady e sta facendo davvero catturando tutti i torinesi: ecco perché

Che ci fa una Fiat 500 tutta di marmo sul letto del Po? La storia è incredibile

La Fiat 500 è uno dei simboli della cultura motoristica italiana, ma anche della città di Torino, dove è stata fondata l’industria degli Agnelli. La 500 è una delle vetture più iconiche e rappresentative dell’Italia anche all’estero e non ci si può stupire se possa essere trasformata in un’opera d’arte, per di più come “veicolo” di un messaggio sociale importantissimo.

Scultura in marmo di Carrara

È proprio la 500 che l’artista Nazareno Biondo ha installato nelle acque del Po, proprio nel capoluogo piemontese, l’1 e 2 novembre. La sua opera, chiamata “Old Lady” è una scultura in marmo di Carrara e da ora al 21 novembre sarà esposta presso la mostra “Polvere d’artista” organizzata dall’associazione Barock. La Fiat, dopo essere stata “a mollo” nel Po è stata trasportata all’esposizione personale dello scultore, all’ex teatro Paesana di Torino - oggi Palazzo Saluzzo Paesana. La mostra è visitabile gratuitamente fino a domenica 21 novembre

Messaggio ambientale

Per realizzare la sua “Vecchia Signora” (traduzione in italiano del nome dell’opera, ogni riferimento alla Vecchia Signora del calcio italiano potrebbe non essere casuale) Biondo - 36 anni - ha lavorato per due anni su un blocco di marmo di 15 tonnellate. Una volta finita, è stata immersa nel Po per omaggiare la storia automobilistica di Torino, ma anche per far riflettere su tutto quello che buttiamo al fiume: il consumo estremo e facilone, la noncuranza, l’inquinamento ambientale. La Fiat 500 è stata ripescata dal letto acquoso, sarebbe bene ripescare tante altre cose.

Wanda Nara scatenata senza Icardi: festa di lusso tra champagne e Lamborghini

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...