BMW per evitare i ritardi, consegna modelli senza Apple CarPlay e Android Auto

È questa la drastica decisione della Casa bavarese, colpita come tutte le altre dalla crisi dei chip

BMW per evitare i ritardi, consegna modelli senza Apple CarPlay e Android Auto

La crisi dei chip, che avanti ormai da parecchio tempo, ha messo a dura prova tutto il settore automotive. Le difficoltà, naturalmente, hanno colpito entrambe le parti: le aziende costruttrici e i clienti. Le Case hanno ormai capito di doversi adattare, cercando di trovare sempre nuove soluzione per risolvere il problema: sono tanti e di peso, infatti, i ritardi nelle consegne delle nuove vetture ed è per questo che marchi come BMW ha preso decisioni importanti. La Casa tedesca sta consegnando modelli al momento sprovvisti della compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay, due funzioni considerate ormai standard dalla maggior parte degli acquirenti.

Si tratta di vetture assemblate nei primi quattro mesi del 2022, destinate a Francia, Spagna, Italia, Regno Unito e Stati Uniti (codice di produzione 6PI).

Problema risolto forse a giugno

Il problema è dovuto al cambio di fornitore dei chip, resosi necessario per completare la produzione in tempi meno lunghi. La modifica in corsa non ha dato il tempo di attivare i software necessari per rendere operative le funzionalità di connessione con gli smartphone.

Un problema temporaneo, ma comunque non banale, i clienti dovranno attendere l’aggiornamento via etere (OTA), atteso per la fine di giugno. Per allora le BMW saranno completamente funzionanti.

BMW X1, il teaser svela qualche dettaglio del restyling

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...