Tuttosport.com

Olimpiadi Sochi, ritardi e stanze fantasma: sono i Giochi del caos

Impianti super, ma la macchina olimpica è tutta a ostacolitwitta

martedì 4 febbraio 2014

SOCHI (RUSSIA) - Impianti super, nuovi di zecca: una vetrina da 50 miliardi di dollari, ma la macchina olimpica a Sochi fa fatica a decollare. A tre giorni dal via ufficiale dei Giochi invernali, l'avvicinamento al grande show a cinque cerchi è tutto a ostacoli. Il bellissimo parco olimpico costruito di sana pianta sul Mar Nero è il biglietto da visita di queste Olimpiadi russe, visibile ancora prima di atterrare: la vista della Las Vegas sportiva soprattutto in notturna è scintillante. Ma è appena si mette piede a terra che le Olimpiadi diventano un'Odissea. Voli in costante ritardo (di ore) e bagagli che non arrivano.

PROBLEMA HOTEL - Ma è sugli hotel che il ritardo è imbarazzante: gli alloggi sono stati costruiti fuori dalla città, a una trentina di chilometri da Sochi, ad Adler a ridosso del parco olimpico. Logistica perfetta, sulla carta: peccato che tra stanze fantasma, assenza di corrente e quindi di riscaldamento, calce e bagni ancora work in progress la sistemazione per molti è stata un miraggio. Diverse stanze, in queste cittadelle con parco giochi per bimbi ma ceck point militari intorno alla rete di recinzione, sono state "vendute" anche a due persone diverse e ancora prima di cominciare il sistema è andato in tilt. Elettricisti al lavoro per far funzionare ascensori e caloriferi. Insomma non un "welcome" speciale per la famiglia olimpica che si è data appuntamento a Sochi, per riportare in Russia i Giochi a 34 anni da Mosca '80.

Tutte le notizie di Olimpiadi Invernali

Approfondimenti

Commenti