Fontana: “L’oro a metà con mio marito”

L'azzurra sul successo nello short track: "Avevo pensato di smettere dopo Sochi, spero che questo risultato aiuti il movimento a crescere"
Fontana: “L’oro a metà con mio marito”© ANSA

PYEONGCHANG - “Il contributo di mio marito in questi giorni è stato determinante, ringrazio sia le Fiamme Gialle che il Coni per aver fatto sì che mi fosse vicino: senza di lui non avrei avuto quello stimolo in più per riuscire a conquistare la medaglia". Non è stato un percorso senza ostacoli quello di Arianna Fontana, oro nello short track alle Olimpiadi di Pyeongchang.

UNA MEDAGLIA PER DUE - “Mi ha aiutato nella preparazione fisica e nel mettermi sempre in discussione - ha spiegato l’azzurra a Casa Italia - studiando esercizi mirati per farmi reagire. Dei battibecchi ci sono stati, ma era sempre nella ricerca dello stesso obiettivo. È stata dura per entrambi, questa medaglia è anche sua”.

“AVEVO PENSATO DI SMETTERE” - Per Arianna Fontana la gioia è arrivata nei primi giorni delle Olimpiadi invernali, adesso ci saranno altre gare in cui andare a caccia di medaglie: “Spero che quest’oro sia una carica in più per tutti noi, aspettavo molto questa vittoria che credevo potesse arrivare già a Sochi. Avevo pensato di smettere, ma alla fine mi sono rimessa in gioco e non posso che esserne contenta”.

LE ALTRE GARE - Una staffetta da giocarsi in finale, poi i 1000 e i 1500: l’avventura può essere solo all’inizio con tre capitoli ancora da scrivere. “Amo lo short track, spero che questo mio risultato aiuti a creare un movimento per far conoscere questo sport anche ai più piccoli”. 

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...