Tuttosport.com

Milano si candida ad ospitare i giochi invernali del 2026, Malagò: «Possiamo giocarcela»
© ANSA

Milano si candida ad ospitare i giochi invernali del 2026, Malagò: «Possiamo giocarcela»

«La nostra credibilità è stata rinforzata da come è finita la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024» ha aggiunto il presidente del Conitwitta

mercoledì 15 marzo 2017

TORINO - "La nostra credibilità non solo è intatta ma paradossalmente è stata rinforzata da come è finita la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024". Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò che a Milano, insieme al sindaco, Giuseppe Sala, e al presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, presenta il dossier per la candidatura della città ad ospitare la Sessione del Comitato Olimpico Internazionale che nel settembre 2019 eleggerà la città sede dei Giochi invernali del 2026. Quella di Roma 2024 "è una ferita che non si potrà rimarginare, ma la partita non l'abbiamo giocata - ha aggiunto il presidente del Coni -. Questa possiamo giocarcela con compagni di cui sono orgoglioso. Secondo rumors certificati, quando hanno visto la candidatura di Milano due o tre città importanti nelle ultime ore si sono sfilate - ha aggiunto Malagò -. Tutti vogliono gareggiare, ma nessuno vuole perdere".

TUTTE LE NOTIZIE SUGLI ALTRI SPORT 

GIOCHI 2028 - Per quanto riguarda una possibile candidatura della città lombarda come sede dei Giochi del 2028, rilanciata sia dal sindaco che dal presidente della regione, Malagò ha affermato: "Ho il dovere di dire di aspettare un attimo, vediamo con molta serenità cosa succede a settembre - riferendosi a quando verrà assegnata la Sessione del Cio 2019 - poi si farà una valutazione complessiva. Fa molto piacere che ci sia questo tifo affettuoso da parte di Maroni e di Sala. Ma io ho il dovere di dire di aspettare un attimo. Poi ci sono comunque delle componenti che riguardano il Governo centrale. Chi ha orecchie per intendere, intenda". "Non vorrei essere scortese ma ho avuto sindaci di città come Palermo, Venezia, Bari, della Magna Grecia, della Calabria che avevano manifestato la disponibilità di candidare il comune capoluogo di regione - ha osservato Malagò -. Io dico che oggi tutto questo deve passare per il Comitato olimpico, anche perché lo prevedono le stesse regole del Cio". "Quello che è sicuro è che ripartiamo - ha continuato il presidente del Coni -. Fermo restando che, visto quanto sta succedendo per le candidature del 2024, penso che Roma abbia perso un'occasione più unica che rara". Per quanto riguarda l'assegnazione dei Giochi del 2024 afferma: "Vincerà Parigi? Non lo so. Da qui a settembre ne vedremo delle belle".

PAROLA DI SALA - "Se Parigi vince la candidatura per il 2024 ad ospitare le Olimpiadi non credo che sia realistico immaginare per Milano una candidatura per il 2032. Ma se vince Los Angeles ci penseremo, e ci penseremo anche in fretta a candidarci per il 2028" ha affermato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala rispondendo ai cronisti che gli hanno chiesto se questa occasione rappresenta una prova tecnica per un'eventuale candidatura di Milano ad ospitare giochi olimpici in futuro. "La città che si candida per ospitare la sessione del Cio non può ufficialmente essere candidata per le Olimpiadi - ha concluso -. Quindi al momento non posso permettermi nemmeno di pensarlo. Fino a settembre bisogna stare assolutamente fermi".

Tags: Giochi invernali 2026

Tutte le notizie di Olimpiadi

Approfondimenti

Commenti