Tuttosport.com

L'Imoco Conegliano vince il derby d'Europa con Modena
© Cev

L'Imoco Conegliano vince il derby d'Europa con Modena

l'Imoco supera la Liu Jo Nordmeccanica al tie-break. Le bianconere dovranno ottenere almeno due set martedì prossimo contro il Chemik Police per qualificarsi matematicamente ai Playoffs 6twitta

giovedì 23 febbraio 2017

TREVISO, 22 febbraio - Chi pensava che l'Imoco Volley Conegliano, qualificata di diritto alla Final Four di CEV Volleyball Champions League in qualità di Club organizzatore, potesse affrontare i restanti impegni della fase a gironi senza particolare ardore, si è dovuto ricredere. Le pantere di Davide Mazzanti infliggono alla Liu Jo Nordmeccanica Modena la prima sconfitta europea stagionale: al PalaVerde le gialloblù hanno la meglio 18-16 al tie-break, al termine di una vera e propria battaglia. Le bianconere di Marco Gaspari, avanti 2-1 nel conto set, si procurano un match point nel quinto parziale (sul 15-16, dopo aver annullato tre palle match alle avversarie), ma escono sconfitte. 

LA CLASSIFICA - La classifica della Pool A vede le emiliane in ogni caso in prima posizione con 4 vittorie e 12 punti, mentre il Chemik Police è secondo con 3 vittorie e 9 punti, stesso bottino di Conegliano. Fra sei giorni, martedì 28 febbraio, sarà decisivo lo scontro diretto tra Modena e le polacche, in programma al PalaPanini: Jovana Brakocevic e compagne dovranno vincere almeno due set - e quindi conquistare un punticino - per essere certe del primo posto e del passaggio del turno. In caso di sconfitta per 0-3, il Chemik passerebbe davanti per migliore quoziente set; mentre in caso di 1-3 si dovrebbe ricorrere addirittura al confronto tra i quozienti punti, che già ora premia le polacche.

SESTETTI - Primo set. Per coach Gaspari questa sera c'è Marcon al fianco di Ozsoy dall'inizio in posto quattro, poi Ferretti al palleggio, Brakocevic opposta, Heyrman e Belien al centro con Leonardi libero. Dall'altra parte della rete la diagonale principale vede Skorupa e Ortolani, poi Fawcett e Robinson sono i posti quattro, De Kruijf e Folie al centro con De Gennaro libero.

PRIMO SET VENETO - Grande intensità sui primi palloni del match, difese in grande spolvero da ambo le parti e le azioni si allungano subito: due errori in attacco bianconeri poi si chiude subito il gap con l'ace del 2-2 di Belien e si sorpassa 4-5 con il colpo dai nove metri di Brakocevic che si ferma sul nastro e cade nella metà campo avversaria. Conduce Modena anche al time out tecnico 6-8, poi al rientro in campo una serie di errori che porta avanti 10-8 Conegliano e allora ferma tutto Gaspari. Buona scelta perché ad incepparsi dopo lo stop sono le padrone di casa: pipe out di Robinson, muro di Brakocevic e si arriva fino all'11-14 con la fast out di Folie. Ferma Mazzanti, Modena è ancora avanti 13-16 al secondo stop tecnico, poi la sfida diventa in grande equilibrio ancor più della prima fase. Punti importanti dal muro per l'Imoco, Modena riesce a ricostruire e in contrattacco fa male. Brakocevic fa 20-20 per dare il via allo sprint finale di un set che si chiuderà ai vantaggi con il primo che si annulla grazie alla battuta out di Folie. Ozsoy ha palla per il sorpasso, ma non riesce a trovare l'attacco vincente su un pallone che deve andare a prendere in posizione davvero scomoda e poi grande difesa sul pallonetto di Brakocevic, con Fawcett che in pipe punisce e regala il 26-24 alle sue.

SUPER BRAKOCEVIC - Secondo set. Partenza a razzo delle bianconere che vogliono subito rimettere in parità le cose. Battuta di Ozsoy che mette in grosso affanno la ricezione di Conegliano e allora con due punti di Marcon, un errore di Folie e il muro di Brakocevic è 0-4. Time out subito per Mazzanti, ma c'è ancora un ace di Ozsoy prima che Conegliano trovi il cambio palla grazie all'attacco out di Brakocevic, già a dieci punti realizzati a questo punto del match. E' un set che vede Modena molto presente anche con Heyrman e il vantaggio si dilata fino al 6-14 sull'attacco out di Fawcett, senza tocco del muro. Ma contro un avversario del genere non c'è mai da rilassarsi e allora trova un cambio palla complicato De Kruijf, che poi crea grandi difficoltà dai nove metri. Brakocevic sbaglia due attacchi e poi mette a terra il cambio palla dell'11-15 prima che Belien ristabilisca un +5 per il secondo time out tecnico del set. Il gioco delle bianconere, però, si è completamente bloccato e gli errori riportano a contatto Conegliano, che non deve nemmeno mettere a terra di suo i palloni per ricucire. Sull'errore di intesa fra Heyrman e Ferretti si arriva al 16-17 e prima di essere riagganciati coach Gaspari ferma tutto in maniera provvidenziale perché poi si carica sulle spalle la squadra capitan Brakocevic: attacco e turno al servizio che mette pressione e aiuta a scavare il nuovo break, questa volta decisivo. L'ultimo pallone a cadere è quello attaccato out da De Kruijf per il 19-25 in favore di Modena.

MODENA BISSA - Terzo set. Di nuovo in campo con i sestetti d'inizio gara, entra maggiormente in partita Robinson per Conegliano e anche il muro torna più efficace, ma è comunque solo 8-7 al primo time out tecnico sul mani fuori della stessa schiacciatrice americana. Pareggia subito Belien in grande spolvero nel terzo parziale e le squadre riescono anche a costruirsi qualche occasioni per contrattacchi importanti, ma la risposta da una parte e dall'altra è sempre pronta. A sparigliare le carte, allora, ci prova Belien che trova un gran ace per il 14-16 che porta al secondo stop tecnico e al rientro il muro di Heyrman. Sembra una spallata importante, ma Conegliano si aggrappa al set con un paio di difese e coperture impossibile e trova il pari sul 20-20 con l'ace di Cella che entrata come nel set prima per Fawcett punisce dai venti metri. Ferma tutto Gaspari e poi Brakocevic implacabile sui punti che contano e l'ace di Ferretti su Cella per il 20-22. A stoppare tutto adesso è Mazzanti poi Brakocevic trova le unghie del muro, un tocco che solo il videocheck riesce a vedere per il +3. Di nuovo time out, cambio palla di Ortolani e muro di Robinson su Ozsoy, ma ancora Brakocevic in mani fuori e poi l'ace della schiacciatrice turca chiudono i conti 22-25 e portano avanti Modena.

L'IMOCO RISORGERE - Quarto set. Set decisivo in un senso o nell'altro per entrambe le squadre, subito il punto di Marcon che poi non trova le mani del muro al termine di una lunga azione. Brakocevic regala l'1-3 poi rientra Conegliano ed è avanti 8-7 con Folie al primo stop tecnico. Primi tempi importanti di Belien, poi Conegliano va avanti 12-10, ma arriva il controbreak e il sorpasso con la pipe di Osoy che chiude l'ennesima lunga azione. Time out e bomba dai nove metri di Brakocevic al rientro in campo per il +2 che permane anche al secondo stop tecnico sancito dalla fast di Heyrman dopo un'altra serie di difese impossibili. Due muri sfiorati da Modena tengono a contatto Conegliano che rientra sul turno di servizio di Folie e sorpassa con il muro su capitan Brakocevic, adesso davvero controllata come pericolo numero uno tra le bianconere. Time out per Gaspari, riprende ritmo il sestetto modenese e ha la palla del sorpasso sul 20-19, ma il muro riesce ancora a fermare Brakocevic che intanto ha raggiunto i trenta palloni messi a terra. Poi la pipe di Ozsoy e il muro su Marcon per il +3 Conegliano e nuovo time out di coach Gaspari. Prova a forzare dal servizio Modena con Brakocevic e Bianchini, entrata per Marcon, ma senza risultati e allora l'Imoco chiude 25-21 portando la contesa al quinto set.

TIE BREAK - Quinto set. Servono servizi pesanti per scardinare la ricezione delle padrone di casa e mettere in difficoltà Skorupa allora Ozsoy ci prova subito trovando il primo ace a cui seguirà quello di Brakocevic per il 3-4. Ferma subito Mazzanti, ma le squadre sono in campo con la massima concentrazione e non concedono nulla da entrambe le parti. Il cambio campo vede avanti Modena 8-7 con l'attacco di Ozsoy poi Ortolani firma il sorpasso 11-10. Primo stop di Gaspari e poi arriva sul secondo quando le padrone di casa si prendono il break per il 13-11. Ozsoy in pipe ricuce, poi Folie regala due set point con una magia sotto rete. Il primo lo annulla Heyrman fermando Robinson a muro, il secondo se lo cancella Fawcett attaccando out a fondo campo. Bianchini entrata, sul 14-13, batte in rete, poi ancora Ozsoy a cancellare e Brakocevic a girare il match point per Modena che poi sull'azione successiva a tre attacchi, uno solo pulito, per chiudere, ma non ce la fa. Ne approfittano allora le padrone di casa con De Kruijf che firma il 18-16 finale.

PARLA MODENA - Il coach Marco Gaspari: «Se devo analizzare la partita tecnicamente posso dire che siamo stati imprecisi in molti frangenti, ma oggi mi sento di fare un plauso alle ragazze perché nonostante svariate problematiche abbiamo tirato fuori tutto quello che avevamo e abbiamo avuto anche tre palle per portare a casa la qualificazione anticipata in un girone molto difficile. A Conegliano faccio i complimenti, hanno giocato senza lo stress di dover portare a casa la vittoria perché già qualificate alla Final Four, ma un plauso credo vada ad entrambe perché a tratti si è vista davvero una bella pallavolo, a tratti invece ci sono stati troppi errori diretti. Per quanto ci riguarda stiamo tenendo ritmi importanti anche dopo due ore di gioco, dispiace perché una palla poteva permetterci martedì di far rifiatare qualche atleta, ma a questo punto dovremo tirarci su le maniche e portare a casa almeno due set».

 

IL TABELLINO IMOCO VOLLEY CONEGLIANO - LIU JO NORDMECCANICA MODENA 3-2 (26-24, 19-25, 22-25, 25-21, 18-16). IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Skorupa 5, Fawcett 10, Folie 11, Ortolani 14, Robinson 14, De Kruijf 21, De Gennaro (L), Fiori (L), Cella 2, Barazza 1, Costagrande, Malinov. N.E. Danesi. All. Mazzanti.  LIU JO NORDMECCANICA MODENA: Ferretti 2, Ozsoy 15, Belien 14, Brakocevic Canzian 35, Marcon 7, Heyrman 13, Leonardi (L), Bosetti, Valeriano, Garzaro, Bianchini. N.E. Caracuta. All. Gaspari.  ARBITRI: Knizhnikov, Nastase.  NOTE - durata set: 26', 28', 29', 26', 22'; tot: 131'.

Tags: Champions League femminileLiu Jo NordmeccanicaImoco Conegliano

Tutte le notizie di Coppe

Approfondimenti

Commenti