Tuttosport.com

Volley: A1 Femminile, Busto travolge Brescia nel derby
© Legavolley Femminile
0

Volley: A1 Femminile, Busto travolge Brescia nel derby

La squadra di Mencarelli trionfa con un netto 3-0 (25-18 25-20 25-18) nella sfida con la Banca Valsabbina

domenica 3 marzo 2019

BUSTO ARSIZIO (VARESE)- Festeggia il Palayamamay per la splendida vittoria dell'Unet E-Work Busto Arsizio nel derby contro la Banca Valsabbina Brescia nell'anticipo della 22a giornata di serie A1 Femminile giocato davanti alle telecamere di Rai Sport. Le ragazze di Mencarelli si impongono per 3-0 (25-18, 25-20, 25-18) e riconquistano così provvisoriamente il quarto posto in classifica, in attesa degli incontri di domenica. La squadra bresciana resta invece nona a quota 24 punti. La partita vede una netta supremazia della squadra bustocca, che in tutti e tre i set guadagna subito un vantaggio importante sulle avversarie: le bresciane provano in extremis a rientrare nel terzo set, ma la rimonta si ferma sul 15-13 grazie alle super difese di Giulia Leonardi. Il libero è grande protagonista del match insieme a Britt Herbots, top scorer con 16 punti, e Kaja Grobelna, premiata come MVP, mentre sul fronte della Banca Valsabbina la migliore è Jessica Rivero con 12 punti personali. Domani pomeriggio alle 17 altre quattro gare in diretta streaming su LVF TV; il turno si concluderà martedì 5 marzo con il posticipo tra Il Bisonte Firenze e Club Italia Crai.

LA CRONACA DEL MATCH-

La Unet E-Work si presenta con Orro in palleggio, Grobelna opposto, Bonifcaio e Berti centrali, Gennari e Herbots schiacciatrici e Leonardi libero. La Banca Valsabbina deve rinunciare a Washington per un problema alla caviglia e schiera Di Iulio in regia, Nicoletti opposto, Miniuk e Veglia al centro, Villani e Rivero schiacciatrici e Parlangeli con la maglia del libero.

L’avvio di gara è molto combattuto e le due squadre danno vita a un avvincente botta e risposta: il primo break della serata lo mette a segno Di Iulio con un muro vincente su Gennari (5-7). Berti pareggia i conti con un altro muro, e proprio sul servizio della centrale è Busto a provare la fuga dell’11-8, costringendo Mazzola al time out. Due attacchi consecutivi di Herbots permettono alla Unet E-Work di allungare (13-9) e Bonifacio mantiene il vantaggio sul 15-11; la squadra di casa aumenta poi il gap fino al 18-12 grazie all’errore di Rivero. La battuta di Gennari regala il 22-14 alla formazione di Mencarelli, che gestisce senza problemi il vantaggio sino al muro conclusivo di Bonifacio (25-18).

Anche il secondo set inizia in equilibrio: la Banca Valsabbina aggredisce le avversarie, ma le farfalle sono superlative in difesa (8-7). La prima a staccarsi è proprio la UYBA, che con Herbots e Bonifacio piazza il break dell’11-9; le bresciane però non mollano e riconquistano la parità sul 12-12. Provano allora Berti e Gennari a far volare le padrone di casa (15-13) e stavolta la Millenium non riesce a rientrare: il capitano bustocco a muro firma il 17-13. Brescia sbaglia troppo in battuta, concedendo il 19-16 e il 20-17; la Unet E-Work ne approfitta con l’ace di Herbots (22-18) e il parziale si chiude con un altro errore al servizio di Nicoletti per il 25-20.

Busto Arsizio fa subito la voce grossa nel terzo set, scappando avanti 4-0 sul servizio di Gennari e costringendo Mazzola all’immediato time out. Herbots dilaga in attacco per l’8-2, le ospiti provano a resistere con due vincenti di Rivero (9-6) ma Grobelna tiene saldamente al comando la UYBA (13-9). Nella squadra di casa rientra anche Samadan; Nicoletti prova a guidare la reazione della Banca Valsabbina (15-13), ma un super salvataggio di Leonardi le nega il terzo punto consecutivo ed è Gennari a chiudere uno scambio chiave. Dal 16-14 la Unet E-Work firma un altro parziale di 4-0, chiuso da Orro, e si invola verso la conquista dei tre punti: un muro vincente della stessa Orro vale il 23-16, l’errore di Nicoletti concede 8 match point e Herbots chiude al terzo tentativo per il 25-18.

I PROTAGONSITI-

Giulia Leonardi (Unet E-Work Busto Arsizio)- « Un risultato che ci voleva, siamo partite carichissime perché sapevamo che Brescia è una squadra che può metterci in difficoltà, così come era stato all’andata. Importante anche aver chiuso in fretta perché domani saremo di nuovo in palestra per preparare la semifinale di CEV di martedì. Il mio recupero nel terzo set? Non so se sia il più bello del campionato, ma i lunghi applausi del Palayamamay mi hanno emozionato ».

Enrico Mazzola (Allenatore Banca Valsabbina Millenium Brescia)- « Da un po’ di tempo stiamo facendo fatica a ritrovare quello che era il nostro normale ritmo di gara. Salvarsi con così tanto anticipo per noi è stato un grandissimo risultato e devo ammettere che c’è il rischio di accontentarsi di questo traguardo. Ho provato a dare nuova linfa alle motivazioni proponendo un nuovo obiettivo, quello della conquista dei playoff, ma il calendario ci sta proponendo una serie di partite una più difficile dell’altra e noi siamo un po’ in calo dal punto di vista della tensione agonistica, che per la nostra squadra è decisiva ».

IL TABELLINO-

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA 3-0 (25-18 25-20 25-18)

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 9, Berti 5, Orro 4, Herbots 16, Bonifacio 6, Grobelna 12, Leonardi (L), Botezat, Samadan. Non entrate: Cumino, Peruzzo, Piani, Meijners. All. Mencarelli.

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Rivero 12, Miniuk 3, Di Iulio 2, Villani 10, Veglia 6, Nicoletti 9, Parlangeli (L), Biava 3, Norgini, Bartesaghi, Manig. Non entrate: Pietersen. All. Mazzola.

ARBITRI: Zanussi, Goitre.

NOTE – Spettatori: 2228, Durata set: 23′, 26′, 25′; Tot: 74′.

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano* 49; Igor Gorgonzola Novara 46; Savino Del Bene Scandicci* 44; Unet E-Work Busto Arsizio 39; èpiù Pomi’ Casalmaggiore 38; Saugella Team Monza 37; Il Bisonte Firenze 32; Bosca San Bernardo Cuneo* 27; Banca Valsabbina Millenium Brescia 24; Zanetti Bergamo 24; Lardini Filottrano* 14; Reale Mutua Fenera Chieri* 5; Club Italia Crai* 2.
* una partita in meno 

A1 femminile Unet E Work Banca Valsabbina Mencarelli Leonardi Mazzola Rivero

Commenti