Tuttosport.com

A1 Femminile, vittoriose Conegliano, Scandicci e Trento

0

Tre le partite giocate questa sera per la 4a giornata dopo gli anticipi di ieri. L'Imoco vola a punteggio pieno dopo il successo su Brescia, derby alla squadra di Barbolini sul campo di Firenze, riscatto per la squadra di Barbolini che supera 3-0 Bergamo

A1 Femminile, vittoriose Conegliano, Scandicci e Trento
© Imoco Conegliano
domenica 11 ottobre 2020

ROMA- Nelle tre partite giocate questa sera, valevoli per la quarta giornata di andata di A1 Femminile, da registrare il quarto netto successo di fila dell’Imoco Conegliano che va a vincere con il massimo punteggio sul campo della Banca Valsabbina Brescia. Altrettanto netta la vittoria della Savino Del Bene Scandicci nel derby sul campo del Il Bisonte Firenze. Torna alla vittoria la Delta Despar Trentino che batte 3-0 la Zanetti Bergamo.

TUTTE LE SFIDE-

IL BISONTE FIRENZE – SAVINO DEL BENE SCANDICCI-

Per il quarto turno del campionato di Serie A1 di pallavolo femminile va in scena al Mandela Forum di Firenze il derby gigliato tra le padrone di casa de Il Bisonte Firenze e la Savino Del Bene Scandicci di coach Barbolini. 13esimo derby di Serie A1 tra le due formazioni toscane, che tornano ad affrontarsi dopo la sfida dello scorso 23 febbraio, quando le due squadre scesero in campo per quella che, a causa dell’esplosione della pandemia di Covid 19, fu l’ultima partita del campionato 2019-2020.

In un clima di incertezza, ancora dovuta al coronavirus, torna dunque la gara per il dominio di Firenze. Coach Mencarelli, ex della gara, schiera le sue ragazze con Cambia al palleggio, Enweonwu da opposto, Guerra e Van Gestel in banda, con la capitana Alberti, pure lei ex dell’incontro, e Belien da centrali. Venturi il libero.

Coach Barbolini, dopo le fatiche dei preliminari di Champions League e dopo la qualificazione raggiunta in settimana eliminando le ucraine del Khimik Yuzhny, punta invece su di un 6+1 con Malinov da alzatrice, Drewniok come opposto, Stysiak e Courtney in banda, Lubian e Popovic da centrali e Merlo da libero.

Nel primo set la Savino Del Bene è protagonista di una partenza lampo. Due ace consecutivi di Drewniok consentono a Scandicci di piazzare il primo tentativo di fuga (2-6) e costringono Mencarelli al primo time out dell’incontro. La Savino Del Bene non cala la sua intensità e per Il Bisonte sono guai. Sul 5-13 Mencarelli deve nuovamente fermare il match. Con 8 punti di vantaggio la squadra scandiccese sembra pienamente in controllo del set, ma a causa di qualche errore di troppo e per effetto delle buone giocate di Guerra, Il Bisonte rientra sul -5 e obbliga Barbolini a chiamare il suo primo time out (11-16). Nonostante la rimonta de Il Bisonte, la Savino Del Bene mantiene la “distanza di sicurezza”, ma la formazione di Mencarelli, trascinata dalle giocate di Guerra, Alberti e Belien, riduce il gap. Il primo set si chiude comunque con l’affermazione della Savino Del Bene, che con Stysiak chiude il set sul 23-25.

Il secondo set prende il via nel segno di un maggiore equilibrio. La Savino Del Bene amplia il gap fino al +3 generato da Popovic (5-8). Drewniok segna il 6-10 e allunga ulteriormente per le sue, ma Il Bisonte riesce a tornare sul -2 (10-12). Barbolini si può comunque affidare a Stysiak e Courtney che segnano con continuità e spingono la Savino Del Bene sul +5 (11-16). Mencarelli ricorre dunque al time out, ma la sua squadra al rientro dalla pausa non riesce a recuperare e anzi, Scandicci con un ace di Popovic fa 14-20. Il Bisonte si rifugia in un nuovo time out ed alla ripresa dei giochi Enweonwu, Guerra e si caricano la squadra in spalla, riducendo il gap fino al 17-20. Barbolini a questo punto chiama a raccolta le sue ragazze con un time out. Il finale di secondo set è però una sfida punto a punto e sul 20-22 il tecnico di Scandicci ferma di nuovo la gara. Il Bisonte riesce ad arrivare in parità, prima con ace di Belien (22-22), poi con una giocata di Alberti (23-23), ma gli ultimi due punti del set li segna una Courtney sempre più importante per la Savino Del Bene (23-25).

Courtney è calda anche in avvio di terzo set e segna il 4-6. Splendido invece il muro di Drewniok con cui Scandicci segna il 7-11. La giovane tedesca è grande protagonista della terza frazione: con una battuta insidiosa genera il punto del 9-14 segnato da Malinov, con un altro servizio velenoso piazza invece l’ace del 9-15. Courtney è invece la giocatrice a segnare il +7 (11-18). Il Bisonte Firenze non riesce a rispondere alle iniziative della Savino Del Bene e nonostante l’ingresso in campo di Nwakalor non riesce a riproporre la rimonta vista nei set precedenti, sul 17-23 Mencarelli così deve chiamare un time out. Enweonwu con l’ace del 19-24 prova ad allungare la gara, ma la Savino Del Bene si porta a casa anche il terzo set. L’ultima frazione termina 19-25 e per la Scandicci arriva la terza vittoria in campionato, la prima per 3-0. Quello di questa domenica è il 12esimo successo in A1, su 13 match disputati, contro le cugine de Il Bisonte.

I PROTAGONISTI-

Marco Mencarelli (Allenatore Il Bisonte Firenze)– « È mancato un po’ di cinismo sul finire dei primi due set: nel primo, su una rotazione a noi molto favorevole, abbiamo commesso un’ingenuità che ha inaspettatamente regalato un cambio palla, e questo ha facilitato a Scandicci la conclusione del parziale. Nel secondo invece le ingenuità sono state sparse in tutto il set, ma il resto lo ha fatto Savino con la sua bravura: Scandicci ha fatto Scandicci e questo gli va riconosciuto. Con una squadra che gioca così bene noi dovevamo fare la partita perfetta: ci stavamo riuscendo in alcune fasi, su alcune situazioni di muro-difesa siamo stati perfetti e questo ci ha permesso di recuperare quando siamo stati bravi a sfruttare i turni al servizio vantaggiosi ».

Massimo Barbolini (Allenatore Savino Del Bene Scandicci)- « Abbiamo giocato bene. Sono stato contento perchè in questo inizio di campionato avevamo avuto sempre partenze da “diesel” e se avessimo iniziato in quel modo oggi avremmo avuto difficoltà nel giocare contro Il Bisonte, invece soprattutto nel primo set siamo partiti molto forte. Abbiamo fatto una discreta partita, forse una delle migliori fino ad adesso. Firenze è un’ottima squadra, ma noi abbiamo fatto bene, abbiamo sbagliato poco, anche se nei primi due set abbiamo avuto un po’ di calo, ma è stato però merito anche di Firenze. Portare a casa il secondo set, quando loro ci avevano recuperato e avevano la palla per il sorpasso, è stato molto importante. Vincere queste partite ci fa crescere. Vincere, ottenere un risultato positivo, è sempre importante e lo è ancora di più quando si comincia a vedere anche un buon gioco ».

IL BISONTE FIRENZE – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 0-3 (22-25 23-25 19-25)

IL TABELLINO-

IL BISONTE FIRENZE: Guerra 9, Alberti 9, Enweonwu 10, Van Gestel 8, Belien 10, Cambi 2, Venturi (L), Nwakalor 2, Hashimoto, Panetoni. Non entrate: Lazic, Kone. All. Mencarelli.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Courtney 11, Popovic 7, Drewniok 12, Stysiak 13, Lubian 7, Malinov 4, Merlo (L), Carocci, Bosetti, Markovic. Non entrate: Samadan, Cecconello, Camera, Pietrini. All. Barbolini.

ARBITRI: Talento, Cesare.

NOTE – Durata set: 26′, 26′, 23′; Tot: 75′.

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO-

Imoco Conegliano sempre a punteggio pieno dopo il netto successo sul campo della Banca Valsabbina Brescia, dove la squadra di Santarelli passa per 0-3 in casa di una squadra infarcita di ex con le vecchie conoscenze gialloblù Bechis, Botezat e Nicoletti. Coach Mazzola dopo il turno di riposo presenta Bechis-Decortes, Berti-Veglia, Cvetnic-Jasper, libero Parlangeli. Coach Santarelli rivoluziona parzialmente il sestetto facendo partire dall’inizio Wolosz-Egonu, al centro con Fahr c’è Butigan, in banda assieme a Sylla l’azzurrina Omoruyi e libero De Gennaro.

Nel primo set il sestetto inedito schierato dallo staff gialloblù ci mette poco a  carburare e prende subito il largo (3-8, 7-16), con la croata Bozana Butigan che si presenta all’esordio in A1 con 4 muri punto tutti nel primo set. Nella seconda parte spazio anche per la diagonale Gennari-Gicquel, ma il ritmo non cala anzi c’è una nuova accelerazione delle Pantere che difendono tutti i palloni e volano irraggiungibili (10-21). Bechis e compagne provano a rendere meno amara la pillola, ma la notizia positiva per coach Santarelli è che anche con le “riserve”, se così si possono chiamare, la squadra veneta non cala di intensità e continua a fare ottime cose a muro (2 anche per Fahr).La chiusura è affidata a Miriam Sylla per il 15-25.

Nel secondo set dopo una prima fase con Brescia arrembante sale in cattedra Egonu e l’Imoco vola via (6-11), poi anche Brescia sulla pressione delle Pantere forza troppo e concede qualche errore che spiana ancor di più la strada a Conegliano (6-12). Jasper e soprattutto Decortes provano a tenere a galla la Banca Val Sabbina (9-15), ma una vivace Omoruyi e i missili in battuta di Paola Egonu ricacciano indietro le padrone di casa. Sul 9-16 coach Santarelli ripropone il duo Gennari-Gicquel. Brescia reagisce ancora con Berti e Decortes e risale a -3 (13-16) con un bel break di 4-0 che consiglia il time out alla panchina gialloblù. Con maturità al rientro in campo le Pantere riprendono il bandolo della matassa e allungano (13-18, poi 14-20) con Fahr inarrestabile sotto rete (5 punti e oltre l’80% in attacco nel set!). Entra anche Caravello e l’Imoco non fa più cadere un pallone, rigiocando poi veloce senza scampo per le avversarie: ancora Fahr chiude di prepotenza per il 15-22. La chiusura è affidata a Loveth Omoruyi (5 punti e 71% in attacco nel set) che sigla il 16-25 con una bella parallela.Anche il terzo set non ha storia sul piano del punteggio se non nella prima parte (8-9) dove le lombarde si dimostrano combattive, ma appena arriva l’accelerazione giusta le Pantere di Conegliano avanzano subito decise verso la vittoria. Un parziale di 4-0 scava il solco (8-13), Butigan e Fahr, 40 anni scarsi in due, dominano sottorete (4 punti a testa nel set) e di lì a poco arriva l’ondata che spazza via le difese della squadra di casa, che cede le armi rassegnata per il netto 13-25 che chiude la contesa e ragala un’altra vittoria all’Imoco Volley.

I PROTAGONISTI-

Enrico Mazzola (Allenatore Banca Valsabbina Brescia)- « È sempre difficile affrontare l'Imoco, anche se sono dispiaciuto più per la prestazione che per il risultato finale, che era al quanto prevedibile. Il nostro rammarico più grande è quello di essere scese in campo con la testa ad una gara impossibile, anche se sicuramente si poteva dare di più. Contro queste corazzate è plausibile effettuare più errori, in quanto l'asticella è più alta e bisogna spingere di più. Il rischio era altissimo, perciò è matematico che il numero degli sbagli sia più elevato ».

IL TABELLINO-

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 0-3 (15-25 16-25 13-25)

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Jasper 4, Veglia 1, Decortes 10, Cvetnic 3, Berti 5, Bechis 2, Parlangeli (L), Biganzoli 2, Botezat 1, Bridi, Pericati. Non entrate: Sala, Nicoletti, Angelina. All. Mazzola.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Wolosz, Sylla 8, Fahr 15, Egonu 10, Omoruyi 8, Butigan 9, De Gennaro (L), Gicquel 5, Gennari, Caravello. Non entrate: Adams, De Kruijf, Hill, Eckl. All. Santarelli. ARBITRI: Verrascina, Oranelli.

NOTE – Spettatori: 700,

Durata set: 22′, 26′, 21′; Tot: 69′.

DELTA DESPAR TRENTINO – ZANETTI BERGAMO-

Dal Sanbàpolis non si passa. Dopo aver sconfitto Brescia nell'esordio stagionale, il palazzetto di Trento si conferma inespugnabile anche nel match casalingo con Bergamo, un importante scontro diretto in chiave salvezza vinto in tre soli set dalle gialloblù. Una prova superlativa di tutto il collettivo, in cui spiccano però le prestazione sopra le righe delle centrali Fondriest e Furlan: devastante in attacco la capitana della Delta Despar (10 su 14), brillante a muro la collega di reparto con ben 7 block personali (oltre a due ace). Grazie ai tre punti conquistati la formazione di Bertini incrementa ulteriormente il proprio margine di vantaggio sulla zona rossa della classifica, presentandosi nella miglior condizione fisica e psicologica possibile ad un altro impegno casalingo, quello previsto per mercoledì sera contro Perugia.
Rosa al completo per la Delta Despar Trentino, in campo con Cumino in regia, Piani opposto, Melli e D'Odorico in banda, Fondriest e Furlan al centro e Moro libero. Turino risponde con Valentin al palleggio, Luketic opposto, Enright e Loda schiacciatrici, Moretto e Dumancic al centro e Fersino libero.
Il primo set si apre con una Delta Despar impeccabile in ogni aspetto del suo gioco: Furlan va a segno con il servizio, Melli trova il diagonale che vale il primo break (4-2) ma a sigillare lo strappo del sestetto di Bertini ci pensano Fondriest, particolarmente ispirata in fast e Piani, imprendibile per il muro bergamasco (12-17). Turino prova a invertire la rotta inserendo Prandi e Faucette e successivamente anche Lanier, ma il muro di Melli su Faucette vale il 21-15 in favore della Delta Despar. Loda prova a tenere in carreggiata la Zanetti (21-17), ma nel finale è ancora Fondriest a mettersi in evidenza con due fast vincenti (23-19), prima dell'errore al servizio di Luketic che chiude la prima frazione (25-20).
Turino conferma in sestetto Lanier ma l'avvio è nuovamente di marca gialloblù con l'ace di Piani che segna il 5-1. Il turno al servizio dell'opposto di casa manda in tilt la ricezione ospite, Melli da posto-4 non perdona e al centro della rete sale in cattedra Furlan con la sua specialità, il muro (10-5). Cumino trova l'ace con l'aiuto del nastro, gli ingressi di Prandi, Mio Bertolo e Faucette non mutano l'inerzia della gara con la Delta Despar assoluta padrona del campo, con Furlan nuovamente protagonista a muro (16-10). La reazione della Zanetti giunge nel finale di set con Lanier e Enright (20-18) ma il lungolinea di Piani, il muro di Furlan e lo smash di D'Odorico riportano Trento a distanza di sicurezza (23-18). Lanier ha un guizzo in pipe ma il muro di D'Odorico spedisce la Delta Despar sul doppio vantaggio (25-21).
Tutto all'insegna delle centrali trentine l'allungo gialloblù in avvio di terzo set: Fondriest è una sentenza in attacco, Furlan è una piovra a muro e in un batter d'occhio Trento vola 12-6, grazie anche all'ottimo contributo di D'Odorico. Ancora centrali eccellenti nella fase cruciale del set: Fondriest firma il muro del 15-8, Furlan l'ace del 16-8. La Zanetti non reagisce, con Melli che si prende l'onere e l'onore di chiudere l'incontro con i due attacchi del definitivo 25-15.

I PROTAGONISTI-

Matteo Bertini (Allenatore Delta Despar Trentino)- «Siamo molto soddisfatti di quanto stiamo facendo in palestra, dei risultati che stiamo ottenendo e soprattutto dell'atteggiamento che sappiamo trasportare in campo. I risultati sono il premio per il grande lavoro che stiamo svolgendo in palestra. Le centrali? Bravissime, così come è stata brava Cumino ad innescare la fast di Silvia che sapevamo avrebbe potuto fare la differenza. Sono felice per loro, Eleonora sta crescendo moltissimo a muro e sono felice che oggi entrambe abbiamo saputo ritagliarsi un ruolo importante».

Daniele Turino (Allenatore Zanetti Bergamo)-«Complimenti a Trento che ci ha messo una grande pressione addosso e non ci ha fatto esprimere come volevamo. Cosa è funzionato? Poco o nulla, salvo la crescita di Lanier e il buon ingresso di Prandi. Per il resto non c'è veramente nulla da salvare nella nostra prestazione, abbiamo faticato molto nella fase break con il muro e con la difesa ma nemmeno al servizio siamo stati sufficientemente incisivi».

IL TABELLINO-

DELTA DESPAR TRENTINO – ZANETTI BERGAMO 3-0 (25-20 25-21 25-15)

DELTA DESPAR TRENTINO: D’Odorico 7, Furlan 12, Piani 15, Melli 11, Fondriest 11, Cumino 1, Moro (L), Bisio, Ricci, Trevisan. Non entrate: Marcone, Pizzolato. All. Bertini.

ZANETTI BERGAMO: Dumancic 2, Valentin, Enright 4, Moretto 3, Luketic 12, Loda 9, Fersino (L), Mio Bertolo 5, Lanier 4, Faucette Johnson 1, Prandi, Marcon. Non entrate: Faraone. All. Turino.

ARBITRI: Spinnicchia, Rolla.

NOTE – Spettatori: 154, Durata set: 25′, 29′, 22′; Tot: 76′.

I RISULTATI-

Saugella Monza-Igor Gorgonzola Novara 3-1 (26-24, 25-21, 22-25, 25-20) Giocata ieri

Vbc E’piu’ Casalmaggiore-Bartoccini Fortinfissi Perugia 3-0 (25-17, 25-20, 25-17) Giocata ieri

Il Bisonte Firenze-Savino Del Bene Scandicci 0-3 (22-25, 23-25, 19-25)

Bosca S.Bernardo Cuneo-Reale Mutua Fenera Chieri 3-2 (28-26, 27-29, 23-25, 25-21, 15-11) Giocata ieri

Banca Valsabbina Millenium Brescia-Imoco Volley Conegliano 0-3 (15-25, 16-25, 13-25)

Delta Despar Trentino-Zanetti Bergamo 3-0 (25-20, 25-21, 25-15)

Ha Riposato: Unet E-Work Busto Arsizio

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 12; Delta Despar Trentino 9; Bosca S.Bernardo Cuneo 8; Savino Del Bene Scandicci 8; Igor Gorgonzola Novara 6; Vbc E’piu’ Casalmaggiore 6; Saugella Monza 6; Reale Mutua Fenera Chieri 4; Unet E-Work Busto Arsizio 3; Bartoccini Fortinfissi Perugia 3; Il Bisonte Firenze 2; Banca Valsabbina Millenium Brescia 1; Zanetti Bergamo 1.

IL PROSSIMO TURNO-14/10/2020 Ore 20.30-

Banca Valsabbina Millenium Brescia – Unet E-Work Busto Arsizio

Igor Gorgonzola Novara – Bosca S.Bernardo Cuneo

Savino Del Bene Scandicci – Vbc E’piu’ Casalmaggiore

Reale Mutua Fenera Chieri – Saugella Monza

Zanetti Bergamo – Il Bisonte Firenze Si gioca il 13/10/2020 Ore 20.45

Delta Despar Trentino – Bartoccini Fortinfissi Perugia

Riposa: Imoco Volley Conegliano

A1 femminile Il Bisonte Savino Del Bene Banca Valsabbina Imoco Delta Despar Zanetti

Caricamento...