Tuttosport.com

A1 Femminile, vittorie per Trento, Scandicci e Chieri

0

Nelle tre partite della quinta giornata giocate stasera la squadra di Bertini supera Perugia e va in testa alla classifica, la formazione di Barbolini supera Casalmaggiore in quattro set, quella di Bregoli batte Monza dopo cinque set di durissima battaglia

A1 Femminile, vittorie per Trento, Scandicci e Chieri
© Legavolley Femminile
giovedì 15 ottobre 2020

ROMA- Rinviate per Covid-19 Igor Novara-Banca San Bernardo Cuneo e Banca Valsabbina Brescia-Unet E-Work Busto Arsizio, la quinta giornata di A1 Femminile ha mandato in scena tre match. Con il successo sulla Bartoccini Perugia la Delta Despar Trentino ha consentito di tornare in vetta alla classifica, sia pure con una partita in più dell'Imoco Conegliano che oggi ha riposato. Successi anche per la Savino Del Bene Scandicci, che ha superato in casa la E' più Casalmaggiore, e per la Reale Mutua Fenera Chieri, che ha vinto al tie break la battaglia contro la Saugella Monza.

TUTTE LE SFIDE-

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE-

Passato e presente al PalaRialdoli. Il titolato in rosa Barbolini incontra Carlo Parisi, il coach che a Scandicci ha lasciato il segno, ma sulle panchine opposte. Da Scandicci però non si passa perché la Savino Del Bene mette in scena una sinfonia che, a parte un primo set sottotono, ha visto la squadra del Patron Nocentini dominare in tutti i fondamentali.

Parisi sceglie Marinho opposta a Montibeller, Partenio e Vasileva in banda con Melandri-Stufi e Sirressi libero. Barbolini tira fuori il carico pesante con Malinov-Stysiak sull’asse palleggiatrice-opposta, Samadan-Popovic al centro, torna Pietrini affiancata a Courtney in banda è il libero.

E’ proprio Pietrini a dare il via alla partita dopo uno scambio lunghissimo, Casalmaggiore risponde con Montibeller (1-2), ma la Savino Del Bene torna sotto. Le ragazze di Parisi sono efficaci a muro su Samadan ma Pietrini risponde subito presente (3-4) salvo poi sbagliare il servizio successivo. Le casalasche spingono mettendo in difficoltà la difesa scandiccese (5-8). Barbolini ferma tutto e, lo stop, aiuta visto che Courtney va a segno.

E’ notte fonda a Scandicci che tra Vasileva ed errori vari cade sul 6-13 salvo poi trovare la solita e provvidenziale Courtney per il 7-14. Scandicci prende ancora tempo ma il canovaccio è sempre uguale con Casalmaggiore che va fino al 7-17. Pietrini, alla fine di un lungo scambio ci prova con una diagonale (8-17) ma è solo un fuoco fatuo perché le locali sbagliano tutto. (8-20).

Ciarrocchi spara out, ma Stufi trova il 9-21 e Montibeller fa il ventiduesimo punto. Pietrini riprova a tornare avanti, Malinov la segue (12-23) ma Vasileva decide di imporsi e le rosa chiudono il set.

Dopo la notte arriva il giorno, ma non per la Savino Del Bene che trova una Casalmaggiore in serata (1-4); Stysiak suona la carica (2-5) ma Vasileva è una sentenza (3-5). Scandicci prova a restare agganciata, ma le lombarde sono precise sia a muro che in difesa. Sul 5-7 entra in servizio Markovic e la sua rotazione porta sul pari Scandicci.

Popovic alza la voce (8-8), Casalmaggiore risponde ma Lubian carica la banda toscana.

Per il 10-9. Si va avanti punto a punto, anche quando si innesca un flipper infernale che riporta il pari sul 11-11.

Il ritmo di gara è sempre lo stesso, solo che Scandicci prova a ruggire fino al 13-13 quando Casalmaggiore torna avanti grazie all’orchestra carioca Marinho-Montibeller. Stysiak torna alla carica (15-16) mette la freccia e poi sorpassa.

Le ragazze di Barbolini vogliono il set e insistono (19-16), Montibeller vola ma Lubian risponde per ben due volte (21-18). Il triplo vantaggio però va alle ortiche a causa di due errori offensivi anche se poi è sempre Lubian a ruggire.

Stysiak dice ventitre (23-22) e Scandicci vola verso la fine del set con un ottimo lavoro a muro (25-23).

Il terzo set è aperto da Elena Pietrini, ma l’equilibrio vince su tutto. Da una parte c’è Montibeller e Vasileva, dall’altra Stysiak e Lubian che macinano fino al 5-4. Le locali tornano avanti, ma Casalmaggiore fa pari colpendo una disattenta difesa. Il 6-7 E’Più è firmato da un altro errore toscano, ma Pietrini è funambolica in aria e fa pari nuovamente.

Markovic entra in servizio e la sua battuta è mortifera per la difesa lombarda. (10-7). Stysiak decide che è l’ora di finire presto volando in diagonale; Pietrini la segue dalla parte opposta (13-7).

Il canovaccio del set è simile con la Savino Del Bene efficace dalle mani di Stysiak e Pietrini mentre Casalmaggiore, molto più sporca rispetto a prima, grazie a una scatenata Vasileva.

Le toscane però non ci stanno più ad abbassare la testa e vanno sul 18-12 con Stysiak ma le ragazze di Parisi accorciano vistosamente a causa dei soliti errori e sul 19-15, Barbolini è costretto a fermare tutto.

Markovic risponde presente in quattro ma le ospiti usufruiscono di due palle out firmate Stysiak e Popovic. La Savino Del Bene però con una Mina Popovic eccezionale e l’intelligenza di Malinov arrivano sul ventitresimo punto concedendo qualcosa alle rivali serali. Il set si chiude sul 25-19 grazie ancora alla centrale serba.

Il quarto set è la copia del primo con le ospiti decisamente gagliarde e, infatti, allungano subito sul 1-4. Scandicci torna vicino (3-5), Markovic suona la campana con un tocco a muro, ma Stysiak spara due cannonate fuori e fa allungare Casalmaggiore (4-8) ma sul nono punto ospite inizia una danza infernale tra Malinov e la neontrata Drewniok che, insieme a Popovic, riportano la Savino Del Bene sul 11-12.

 Casalmaggiore è sempre lì, ma Markovic firma il 12-13. Il pari è made in Lubian al servizio ma il set continua a regalare una sfida punto a punto (14-14).

Sul break point rosa Scandicci pareggia con Drewniok ma è subito un errore a riportare avanti le ospiti. Lo spiraglio di luce si apre sul 17-17 quando Popovic suona l’assolo di Mina e fa il 18esimo punto.

 Partenio spara out (19-17) e la Savino vola sulle ali dell’entusiasmo (21-17). Parisi aziona la girandola dei cambi ed accorcia ma Drewniok trova un mani-out essenziale per il +5.

La fine della partita è una dolce festa per Scandicci che chiude sul 25-19 una lunga partita contro una diretta rivale.

IL TABELLINO-

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE 3-1 (12-25 25-22 25-19 25-19)

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Courtney 3, Popovic 9, Stysiak 17, Pietrini 13, Samadan, Malinov 4, Merlo (L), Lubian 11, Drewniok 7, Markovic 5, Bosetti. Non entrate: Cecconello, Camera, Carocci. All. Barbolini.

VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE: Partenio 13, Melandri 10, Montibeller 12, Vasileva 14, Stufi 8, Marinho 1, Sirressi (L), Bajema, Ciarrocchi, Vanzurova, Kosareva, Bonciani. Non entrate: Maggipinto. All. Parisi.

ARBITRI: Carcione, Noce.

NOTE – Durata set: 21′, 30′, 31′, 31′; Tot: 113′.

REALE MUTUA FENERA CHIERI – SAUGELLA MONZA-

Dopo due ore e 8 minuti di gioco la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 batte 3-2 la Saugella Monza. Si tratta della prima vittoria in A1 contro la squadra brianzola, team di prima fascia che pur in una serata un po’ fallosa ha confermato la sua forza. Un aspetto, questo, che dà ulteriore valore alla vittoria fortemente voluta e ottenuta dalle biancoblù al termine di una partita a tratti bellissima, a tratti giocata sul filo della stanchezza e del nervosismo, sempre molto intensa.
Le ragazze di Bregoli si sono aggiudicate primo, terzo e quinto set, perdendo gli altri due sul filo di lana. Tanti i progressi nel gioco e nell’atteggiamento rispetto alle ultime uscite contro Novara e Cuneo. Il servizio più incisivo è stato il primo anello di una catena sviluppata a dovere anche nelle successive fasi di gioco.
Migliori realizzatrici da un lato Grobelna e Perinelli (16), dall’altro Van Hecke (22) e Orthmann (17). Il premio di MVP è andato ad Alessia Mazzaro ma è giusto sottolineare il prezioso contributo arrivato da tutte le chieresi chiamate in causa, compreso chi era inizialmente in panchina, da Mayer a Frantti, da Alhassan a Laak, da Meijers a Gibertini, per una vittoria appagante come lo sono le vere vittorie di squadra.

Avvio all’insegna dell’equilibrio, con un avvincente e intenso punto a punto e splendide giocate su entrambi i fronti. L’incertezza dura fino all’11-10. Qui la gara cambia volto: la schiacciata vincente di Villani manda in battuta Zambelli e il turno di servizio della centrale prosegue fino al 17-10, con le biancoblù che continuano a macinare gioco e le ospiti che vanno un po’ fuori giri iniziando a sbagliare. Con un ritmo molto regolare la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 non si fa più avvicinare e concretizza la prima palla set con muro di Zambelli su Van Hecke. Fra le statistiche finali il dato che più spicca è il 60% di efficacia chierese in attacco.

Nel secondo set dopo un buon inizio chierese (3-1, Villani) il punteggio gira a favore della Saugella Monza che strappa a 3-7. Bregoli prima chiama time-out, poi inserisce Frantti per Villani. La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 si riprende e un punto break alla volta torna a contatto sfiorando una prima volta la parità sull’11-12 quando il contrattacco di Grobelna termina fuori di poco. Dopo l’ingresso di Orthmann per Meijners la squadra di Gaspari risale a 11-16 (tap-in di Heyrman su ricezione lunga). Time-out Chieri, rientro di Villani, e Grobelna e Mazzaro riportano sotto la loro squadra (14-16). Sul 18-21 Bregoli mette dentro Mayer mandandola in battuta: il suo ficcante servizio vale il sorpasso a 22-21 proprio con un ace diretto della palleggiatrice. Nel concitato finale le biancoblù non gestiscono al meglio un paio di scambi. Dopo una prima palla set per le ospiti grazie a un’invasione (23-24) la neo entrata Alhassan realizza il 24-24. I due scambi successivi vengono finalizzati da Orthmann che chiude la frazione 24-26. Le migliori realizzatrici del set sono le centrali Mazzaro e Heyrman, entrambe con 6 punti e l’80% in attacco.

Partenza del terzo set con Chieri contratta, Monza parte forte. Dopo il time-out di Bregoli sul 4-7 le biancoblù tornano a contatto, ritrovando la parità sul 12-12 con un ace sporco di Grobelna. Begic e Orthmann riportano avanti la brianzole (12-15), seguono due giocate di Zambelli che valgono il 15-15. Con un rocambolesco scambio le padrone di casa passano in vantaggio sulla difesa di Bosio che cade dall’altra parte della rete (17-16). Un’altra difesa, stavolta di De Bortoli, dà alla Reale Mutua Fenera Chieri ’76 il 21-18. Perinelli, Zambelli e Grobelna firmano infine il 25-19. Il set di Monza sta tutto in due dati: i 9 punt di Van Hecke, ma anche i 10 errori punto (di cui ben 6 al servizio).

Nel quarto set la Saugella Monza prende subito qualche lunghezza di margine e le mantiene senza problemi per metà set. Sull’11-17 Bregoli inserisce Frantti, Mayer e Laak per Villani, Bosio e Grobelna. La mossa scuote la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 che torna sotto, realizzando il 17-19 con un fortunoso e rocambolesco rimpallo sul volto di Perinelli. Nel finale le biancoblù commettono tre pesanti errori in battuta; sul 20-24 annullano due palle set, infine l’attacco di Orthmann vale il 22-25.

Nel tie break sul 3-3 due attacchi di Perinelli e Grobelna e un muro di Perinelli danno un primo break alla Reale Mutua Fenera Chieri ’76. Time-out della Saugella Monza e al rientro in campo Orthmann da posto 4, un muro di Begic e un ace di Orthamann fanno 6-6. Si prosegue poi punto a punto con le biancoblù avanti di un mini break finché l’ace di Orthmann porta in vantaggio le ospiti 12-13. Dopo il time-out di Bregoli è ancora ace di Orthmann, ma il videocheck capovolge il punteggio in 13-13. Un’invasione dà il primo match point alla squadra di Gaspari: Grobelna in pipe lo annulla. Nell’azione successiva un nuovo videocheck dà ragione a Chieri su attacco di Grobelna: è 15-14. Tocca infine al muro di Villani su Orthmann far scender i titoli di coda sulla gara.

I PROTAGONISTI-

Alessia Mazzaro (Reale Mutua Chieri)- «Credo che oggi abbia fatto la differenza il servizio. Le scorse partite abbiamo faticato molto nel muro-difesa perché battevamo troppo facile. Oggi ci siamo prese qualche rischio e pur sbagliando un po’ di più ci è servito tantissimo per tenere la loro ricezione staccata, siamo riuscite a costruire il gioco e tirare i nostri colpi in attacco. Personalmente sono molto contenta di essere riuscita dopo un duro lavoro in preparazione a dare il mio contributo».

Anna Danesi (Saugella Monza)- « Siamo mancate di cinismo sia nelle fasi cruciali del match e che quando siamo state avanti rispetto al nostro avversario. Questo è un problema che abbiamo avuto nell’ultimo periodo. Qualche errore di troppo? Abbiamo forzato molto al servizio per evitare che Chieri esprimesse il suo gioco veloce con palla precisa. Sicuramente dovremo limitare gli errori in generale, ma ci stiamo lavorando. Evidentemente dovremo farlo di più ».

IL TABELLINO-

REALE MUTUA FENERA CHIERI – SAUGELLA MONZA 3-2 (25-15 24-26 25-19 22-25 16-14)

REALE MUTUA FENERA CHIERI: Mazzaro 14, Grobelna 15, Perinelli 16, Zambelli 13, Bosio 3, Villani 10, De Bortoli (L), Laak 4, Frantti 2, Mayer 1, Alhassan 1, Gibertini (L), Meijers. Non entrate: Marengo. All. Bregoli.

SAUGELLA MONZA: Heyrman 11, Orro 1, Begic 10, Danesi 8, Van Hecke 21, Meijners 2, Parrocchiale (L), Orthmann 19, Squarcini 2, Carraro 1, Davyskiba. Non entrate: Negretti, Obossa. All. Gaspari. ARBITRI: Marotta, Rossi.

NOTE – Spettatori: 170, Durata set: 21′, 29′, 26′, 29′, 22′; Tot: 127′.

DELTA DESPAR TRENTINO – BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA-

Se vi è una legge che dal lontano maggio 2019 non viene infranta è la “legge del Sanbàpolis”. A questa dura legge si deve infatti arrendere anche la Bartoccini Fortinfissi Perugia, società che nel mercato estivo si è resa davvero protagonista allestendo un roster di prima fascia con giocatrici come Ortolani, Angeloni, Havelkova e Carcaces.

Una Delta Despar Trentino che si conferma sempre più protagonista nel massimo campionato di A1 ottenendo la quarta vittoria in cinque incontri e volando al primo posto in classifica in coabitazione con Conegliano e, soprattutto, allontanandosi sempre più dalla “zona rossa” della graduatoria. Una vittoria giunta al termine di tre set molto combattuti con protagonista assoluta la solita Vittoria Piani, autrice di 20 punti. Da circoletto rosso, però, è l’intera squadra di coach Bertini che, nonostante alcuni passaggi a vuoto, non ha mai distolto il focus dal match recuperando anche da svantaggi importanti. Nelle file umbre a nulla bastano i 15 punti di Ortolani.

Cumino in regia, Piani opposto, Melli e D'Odorico in banda, Fondriest e Furlan al centro e Moro libero per la Delta Despar Trentino di coach Bertini. Bovari, tecnico da quattro stagioni della Bartoccini Fortinfissi Perugia, risponde con Di Iulio al palleggio, Ortolani opposto, Havelkova e Angeloni schiacciatrici, Koolhaas e Aelbrecht al centro e Cecchetto libero.

Parte forte la Delta Despar Trentino con Melli infallibile in attacco a discapito di una Perugia troppo fallosa in attacco; l’errore di Angeloni vale il +4 Trento (9-5). Ortolani non ci sta e inizia a prendersi la squadra sulle spalle a suon di diagonali vincenti (13-12). Il sorpasso Bartoccini arriva poco dopo con un attacco di capitan Angeloni e successivamente il muro di Havelkova su Piani vale il doppio vantaggio (15-17). Bertini ferma il gioco e al rientro in campo è il turno al servizio di Furlan a rovesciare nuovamente la situazione con un break di quattro punti (19-17). Koolhaas con un muro annulla il primo set point ma, nel punto successivo, è bravissima Furlan a mettere a terra il primo tempo alzato da Cumino (25-23).

Bovari cambia le carte inserendo Agrifoglio in cabina di regia e Mlinar per una spenta Havelkova. I cambi danno subito nuova linfa alle ospiti che fanno valere la maggiore fisicità soprattutto in attacco e muro (5-8). Le gialloblù faticano ad entrare in ritmo sbagliando tanto anche in attacco e non riuscendo ad opporre resistenza alle umbre, guidate da un’ispirata Agrifoglio (7-11). Due attacchi sbagliati dalla centrale Aelbrecht riportano la Delta Despar a contatto (12-14) fino all’ace di Mlinar su Melli che vale il +3 (16-19). Proprio quando i giochi sembravano fatti arriva l’ennesima conferma dell’enorme cuore trentino: Piani concretizza una super difesa di Moro e l’ace di D’Odorico su Mlinar vale il pareggio (19-19). Per il sorpasso bisogna attendere il punto successivo quando l’arbitro ferma il gioco per la doppia di Agrifoglio (20-19). Il pallonetto chirurgico di Melli e l’attacco out di Angeloni portano le trentine al set point, concretizzato da un favoloso ace di Piani (25-21).

L’entusiasmo delle gialloblù è alle stelle anche ad inizio terzo set. Piani mette a terra quattro dei primi sei punti mentre dall’altra parte della rete la Bartoccini Perugia fatica a trovare continuità nel proprio gioco (9-5). Bovari si gioca la carta della cubana Carcaces per Mlinar in posto -4 e proprio una seria in attacco della neo entrata permette a Perugia di impattare il risultato (17-17). Una difesa acrobatica incredibile di Moro e il successivo attacco out di Ortolani portano al nuovo break della Delta Despar Trentino (20-18). Il finale è un assolo gialloblù, Melli ferma a muro Carcaces facendo scoppiare in festa i 95 del Sanbàpolis. Lo smash vincente di Furlan mette la parola fine all’incontro (25-19), facendo volare la Delta Despar Trentino al primo posto in classifica.

I PROTAGONISTI-

Matteo Bertini (Allenatore Delta Despar Trentino)- « Un'altra prova incredibile, una prestazione di grande spessore dove sono emerse le qualità di tutto il gruppo. Mi è piaciuto soprattutto il temperamento dimostrato dalle ragazze perché anche quando ci siamo trovati in difficoltà siamo sempre riusciti a reagire e ad uscirne positivamente. In questo momento è difficile trovare altre parole, ma stiamo giocando davvero bene e sono molto contento ».

Fabio Bovari (Allenatore  Bartoccini Fortinfissi Perugia)- « Il nostro rammarico è sicuramente quello di non essere riuscite a sfruttare le occasioni di contrattacco. Trento ha vinto perché ha osato e avuto coraggio nel provare certi colpi, mentre a noi sicuramente sono mancati cinismo e lucidità ».

IL TABELLINO-

DELTA DESPAR TRENTINO – BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA 3-0 (25-23 25-21 25-19)

DELTA DESPAR TRENTINO: D’Odorico 10, Furlan 4, Piani 20, Melli 12, Fondriest 6, Cumino 1, Moro (L), Trevisan, Bisio, Ricci. Non entrate: Marcone, Pizzolato. All. Bertini.

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Angeloni 10, Koolhaas 6, Ortolani 15, Havelkova 2, Aelbrecht 5, Di Iulio 1, Cecchetto (L), Mlinar 4, Casillo 4, Carcaces 3, Agrifoglio 2. Non entrate: Rumori, Scarabottini. All. Bovari.

ARBITRI: Bassan, Giardini.

NOTE – Spettatori: 95, Durata set: 30′, 28′, 27′; Tot: 85′

I RISULTATI-

Banca Valsabbina Millenium Brescia-Unet E-Work Busto Arsizio Rinviata

Igor Gorgonzola Novara-Bosca S.Bernardo Cuneo Rinviata

Savino Del Bene Scandicci-Vbc E’piu’ Casalmaggiore 3-1 (12-25, 25-22, 25-19, 25-19)

Reale Mutua Fenera Chieri-Saugella Monza 3-2 (25-15, 24-26, 25-19, 22-25, 16-14)

Zanetti Bergamo-Il Bisonte Firenze 1-3 (24-26, 16-25, 25-21, 20-25) Giocata ieri

Delta Despar Trentino-Bartoccini Fortinfissi Perugia 3-0 (25-23, 25-21, 25-19)

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 12; Delta Despar Trentino 12; Savino Del Bene Scandicci 11; Bosca S.Bernardo Cuneo 8; Saugella Monza 7; Igor Gorgonzola Novara 6; Vbc E’piu’ Casalmaggiore 6; Reale Mutua Fenera Chieri 6; Il Bisonte Firenze 5; Unet E-Work Busto Arsizio 3; Bartoccini Fortinfissi Perugia 3; Banca Valsabbina Millenium Brescia 1; Zanetti Bergamo 1.

IL PROSSIMO TURNO- 18/10/2020 Ore 17.00-

Igor Gorgonzola Novara – Banca Valsabbina Millenium Brescia Si gioca il 17/10/2020 Ore 20.45

Vbc E’piu’ Casalmaggiore – Reale Mutua Fenera Chieri

Il Bisonte Firenze – Delta Despar Trentino

Bosca S.Bernardo Cuneo – Zanetti Bergamo

Bartoccini Fortinfissi Perugia – Imoco Volley Conegliano

Unet E-Work Busto Arsizio – Savino Del Bene Scandicci

A1 femminile Savino Del Bene E Più Reale Mutua Saugella Delta Despar Bartoccini

Caricamento...