Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Volley: Mondiali 2018, l'Italia mette ko anche la Slovenia, a Milano con 15 punti
© Fivb
0

Volley: Mondiali 2018, l'Italia mette ko anche la Slovenia, a Milano con 15 punti

Il successo per 3-1 (23-25; 25-19; 25-13; 25-18) sulla squadra di Kovac mette gli azzurri nelle condizioni migliori per affrontare la seconda fase della rassegna iridata

martedì 18 settembre 2018

FIRENZE- Quinta vittoria consecutiva per gli azzurri che superano la Slovenia per 3-1 (23-25; 25-19;. 25-13; 25-18), davanti al solito tutto esaurito del Mandela Forum di Firenze (8330 spettatori sugli spalti), e suggellano la qualificazione alla seconda fase conquistando altri tre punti che saranno fondamentali nel proseguo della manifestazione, visto che gli azzurri se li porteranno nel girone di Milano dove dovranno confrontarsi con Olanda, Russia e Finlandia, tre avversarie da prendere con le molle, soprattutto le prime due.

Stasera non è stato facile ma abbiamo superato con testa e cuore le tante difficoltà. Gli azzurri hanno fornito una prestazione non all’altezza delle precedenti, subendo probabilmente la pressione psicologica di dover fare bene ad ogni costo.

Come con l’Argentina, la partenza è in salita. La Slovenia offre il meglio del suo repertorio nel primo set e l’Italia, giocando a strappi nell’abbrivio del match, è costretta a cedere agli avversari il primo parziale.

La squadra di Kovac, che pure ha lottato per rendere la vita difficile a Zaytsev e compagni, poi è calata e alla fine si è arresa 3-1 (23-25; 25-19;. 25-13; 25-18).

Il pubblico di Firenze saluta la nazionale che va oltre, verso il grande obiettivo. Il tifo del Mandela Forum è stato un’arma determinante. Giannelli e soci ringraziano.

LA CRONACA DEL MATCH-

Blengini non vuole correre rischi, si affida al collaudato schieramento titolare. Giannelli in regia, Zaytsev opposto, Lanza e Juantorena martelli-ricevitori, Anzani e Mazzone centrali, Colaci libero.

Solita partenza diesel per gli azzurri che, nonostante trovino efficacia nel fondamentale del muro (quattro vincenti), giocano in maniera discontinua subendo il servizio molto efficace e ficcante di Gasparini e compagni. Giriamo in vantaggio 16-14 al secondo time out tecnico ma Cebulj e soci non mollano. C’è il break decisivo per gli uomini di Kovac che rimontano e tengono fino alla fine imponendosi 23-25.

Si riprende con la medesima inerzia. La Slovenia fa subito il break portandosi avanti 1-4. Ma l’Italia tira fuori gli attributi, risale pian piano la china crescendo in tutti i fondamentali. Blengini da respiro a Pippo Lanza inserendo Maruotti e, con un finale in cui finalmente giochiamo quasi a pieni giri, ristabiliamo la parità ed operiamo il sorpasso. Il suggello lo mette Anzani opportunamente smarcato da Giannelli.

Nel terzo set l’Italia riparte con Maruotti in campo. La resistenza della Slovenia sembra sgretolarsi sotto i colpi al servizio degli azzurri e sulla maggiore attenzione in ricezione e in difesa dei nostri. Gli uomini di Kovac abbassano i ritmi e commettono più errori rispetto ai parziali precedenti. Gli azzurri arrivano al secondo time out tecnico sul 16-8 e poi amministrano senza difficoltà fino alla fine del set. Nel finale doppio muro di Anzani che poi mette iancora a terra la palla che decide il parziale con un perfetto primo tempo.

Nel quarto set la Slovenia torna a lottare ma senza lo smalto iniziale. L’Italia sporca la prestazione con qualche errore di troppo in attacco ma l’inerzia non cambia, guadagniamo un discreto margine che possiamo gestire con pochi patemi fino al punto decisivo. Lo firma, come nei precedenti Simone Anzani allungando le mani sulla rete, coronando al meglio la sua splendida partita.

Chiudiamo con tredici muri vincenti. Il fondamentale che non voleva funzionare adesso è l’arma in più per gli azzurri. In vista delle sfide che contano servirà, eccome !

I PROTAGONISTI-

Gianlorenzo Blengini (Allenatore Italia)- « È stata una vittoria durissima, perché la Slovenia ha disputato una gran partita. A inizio gara sono stati capaci di battere benissimo, a livello delle prime formazioni al mondo e questo ci ha creato diversi problemi. Sono molto soddisfatto di come i ragazzi hanno reagito, riuscendo a venir fuori alla distanza. Chiudere con cinque vittorie e il massimo dei punti era il nostro obiettivo, adesso poco importa chi affronteremo perché tutte le avversarie sono di altissimo livello. Dobbiamo continuare a pensare una partita alla volta ». 

Gabriele Maruotti (Italia)-  « Queste giornate a Firenze sono state bellissime, grazie a un pubblico stratosferico. La partita di stasera era la più importante, cosi adesso potremo passare due giorni tranquilli in attesa delle gare di Milano. Sono contento di aver potuto dare il mio supporto alla squadra, spero che vada così anche le prossime volte. Sino a questo momento abbiamo fatto un bel percorso, ma nella prossima fase dovremo ricominciare da capo ».

Simone Anzani (Italia)- « E’ andata decisamente bene. Nel primo set abbiamo forse preso sotto gamba la partita ma poi siamo andati in scioltezza. Il pubblico è stato ancora una volta meraviglioso e ci ha aiutato tanto. Abbiamo vendicato la sconfitta del 2015 subita nella semifinale degli Europei. A Milano sarà difficile, l’Olanda è cresciuta molto, la Russia è sempre una delle squadre più forti del mondo ma noi faremo la nostra parte ».

IL TABELLINO-

ITALIA-SLOVENIA 3-1 (23-25, 25-19, 25-13, 25-18)

ITALIA: Zaytsev 18, Juantorena 13, Mazzone 11, Lanza 3, Anzani 11, Giannelli 2. Libero: Colaci. Candellaro, Maruotti 6, Nelli, Rossini (L). N.e: Randazzo, Cester, Baranowicz. All. Blengini

SLOVENIA: Cebulj 10, Kozamernik 5, Ropret 1, Urnaut 11, Pajenk 6, Gasparini 14. Libero: Kovacic. Sket 3. N.e: Stern, Pavlovic, Vincic, Stalekar, Klobucar, Toman (L), All. Kovac

Arbitri: Macias (Mes) e Shaaban (Egi).

Spettatori: Durata set: 33', 32', 28’, 31’.

Italia: 5 a, 15 bs, 13 m, 25 et.

Slovenia: 3 a, 18 bs, 8 m, 34 et.

Mondiali 2018 Firenze Italia Slovenia Blengini Zaytsev Lanza Jantorena

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina