Vibo lascia la Superlega, per Cisterna 8° posto e Play Off

Nell'ultima giornata della stagione regolare la squadra di Baldovin cede in casa a Piacenza e retrocede. Festa per i ragazzi di Soli che con la vittoria su Trento centrano un prestigioso traguardo. Perugia ribadisce la sua superiorità su Civitanova. Successo per Modena su Padova, Milano su Taranto e Verona su Monza
Vibo lascia la Superlega, per Cisterna 8° posto e Play Off© Legavolley

ROMA- L’ultima giornata di Regular Season ha determinato la classifica finale (Anche se c’è da recuperare ancora il match fra Civitanova e Milano), la susseguente griglia dei Play Off e la seconda retrocessione in A2, dopo quella già acclarata da tempo della Consar Ravenna. La squadra che dovrà lasciare la Superlega è la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia che è caduta fra le mura amiche al cospetto della Gas Sales  Bluenergy Piacenza. Indolore la sconfitta della Kioene Padova sul campo della Leo Shoes PerkinElmer Modena. Oggi era in palio anche l’ultimo posta nei Play Off e se lo è preso una scintillante Top Volley Cisterna che ha vinto in tre set la difficile sfida interna contro l’Itas Trentino. Nel big match di giornata, valevole solo per il prestigio visto che le posizioni sono già acquisite, successo in tre set della Sir Safety Conad Perugia sulla Cucine Lube Civitanova. Nelle altre partite successi interni dell’Allianz Milano sulla Prisma Gioiella Taranto e di Verona sulla Vero Volley Monza.

TUTTE LE SFIDE-

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA - GAS SALES BLUENERGY PIACENZA-

Cala il sipario sulla stagione della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia, che perdendo 3-0 contro la Gas Sales Bluenergy Piacenza è costretta a salutare la SuperLega dopo sei stagioni di fila. Obiettivo invece raggiunto per la squadra di Bernardi che consolida il sesto posto in classifica e si proietta ai quarti di finale Play Off dove incontrerà l'Itas Trentino. A colorare l'ultima gara della regular season quasi un migliaio di spettatori giallorossi sugli spalti del PalaMaiata e all’inizio anche l'accoglienza speciale alla formazione vibonese da parte dei ragazzi down dell’Associazione AIPD assieme al presidente Pippo Callipo. Una stagione negativa per i calabresi contrassegnata da troppe contingenze negative, dall'infortunio di Nishida fermo per sei gare, alla fuga inaspettata di Douglas prima della penultima di andata. Coach Baldovin ripresenta Borges al posto di Basic in posto 4, per il resto nessuna novità con la diagonale Saitta-Nishida, i centrali Candellaro-Flavio, Fromm a completare le bande, libero Rizzo. Risponde Bernardi con la diagonale Brizard-Lagumdzija, al centro Caneschi-Holt, schiacciatori Rossard-Recine, il libero è Scanferla. Dal punto di vista tecnico a premiare Piacenza è soprattutto il migliore attacco (51% contro il 42%) in cui Lagumdzija (14) e Recine (10) trascinano la propria squadra nei momenti topici della partita. Al contrario nella Callipo è sempre il solito Nishida (MVP con 21 punti e 5 ace) a tenere a galla la barca giallorossa in cui soltanto Fromm e Flavio, entrambi con 8 punti, contribuiscono alle percentuali realizzative della squadra. Nel primo set dopo l'iniziale parità 6-6 la Tonno Callipo forse per la troppa tensione subisce Piacenza che si porta avanti a +3 (8-11). Baldovin chiama time out e la squadra rientra in campo finalmente determinata con Nishida inarrestabile. L'opposto giapponese infila tre ace di fila (ed in totale 4 nel primo set) che scavano un solco decisivo in questo frangente. Piacenza però non molla e si riporta sotto (17-16 e 21-22). Il finale di set è palpitante e arride alla formazione di Bernardi che dopo 5 set point la chiude 31-29. Nel secondo set aumenta la tensione nella squadra giallorossa che rimane indietro di fronte agli attacchi decisi di Piacenza (13-16 e 18-21). Baldovin tenta con qualche time out di risvegliare i suoi ma al di là del solito Nishida (1 ace ad annullare il secondo set point) è ancora la squadra ospite a vincere portandosi avanti 2-0 decretando di fatto la retrocessione della Tonno Callipo. L'ultimo set assume le sembianze di una mera formalità con Vibo che accusa il colpo lasciando di fatto campo libero a Piacenza (1-5, 3-10). Baldovin chiama in campo le seconde linee che lottano fino alla fine (19-22) ma Piacenza non ha difficoltà a chiudere il set (20-25) e il match con il 3-0 finale.

I PROTAGONISTI-

Filippo Maria Callipo (Vicepresidente Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)- « Resta un grande rammarico perché noi avremmo potuto fare la nostra parte e poi attendere il verdetto delle altre partite. Purtroppo non ci abbiamo creduto fino alla fine e questo è stato il risultato. Da domani penseremo alla prossima stagione in maniera propositiva. La nostra Società è abituata a questi momenti di difficoltà e, senza alcun dubbio, ripartiremo più forti di prima ».

Damiano Catania (Gas Sales Bluenergy Piacenza)- « Oggi è stato un risultato utile che ci serve sia per il morale, che per dare continuità ai risultati, che è quello che è mancato nei mesi scorsi. Ci stiamo preparando per i Play Off e arrivarci con una vittoria come questa ci dà sicuramente fiducia. Sono felice, oggi, di aver potuto dare un contributo alla squadra. I Play Off sono un campionato a sé, Trento ci ha dato filo da torcere in Regular Season, sarà dura, ma vogliamo dare il massimo ».

IL TABELLINO-

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA - GAS SALES BLUENERGY PIACENZA 0-3 (29-31, 23-25, 20-25) 

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Saitta 2, Borges Almeida Silva 1, Resende Gualberto 8, Nishida 21, Fromm 8, Candellaro 2, Condorelli (L), Rizzo (L), Basic 1, Nelli 0, Gargiulo 1, Partenio 0. N.E. Nicotra. All. Baldovin.

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Brizard 4, Rossard 9, Caneschi 8, Lagumdzija 14, Recine 10, Holt 7, Tondo 0, Scanferla (L), Antonov 3, Catania (L), Cester 0, Stern 2. N.E. Pujol, Russell. All. Bernardi.

ARBITRI: Zavater, Caretti.

NOTE - durata set: 38', 28', 26'; tot: 92'.

MVP: Yuji Nishida (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)

Spettatori: 899

LEO SHOES PERKINELMER MODENA - KIOENE PADOVA-

Già certa del quarto posto finale, la Leo Shoes PerkinElmer Modena di Andrea Giani vince al PalaPanini contro la Kioene Padova l’ultima gara della Regular Season, ma i veneti riescono comunque a salvarsi. Modena parte con la diagonale Bruno-Leal con Abdel-Aziz out per infortunio, in banda ci sono Earvin Ngapeth e Van Garderen, al centro Sanguinetti-Stankovic, il libero è Salvatore Rossini. Padova risponde con la diagonale Zimmermann - Weber, in banda ci sono Loeppky e Bottolo, al centro Vitelli e Canella, il libero è Takahashi. Partono fortissimo le due squadre all’insegna di un volley spettacolare davanti al PalaPanini delle grandi occasioni (13-13). Match sul filo dell’equilibrio, si arriva al 23-21 con i gialli che piazzano il break. La Leo Shoes PerkinElmer chiude 33-31 il primo set. Nel secondo parziale Modena è in fiducia e parte forte (9-7), alzando gradualmente i giri del motore (18-13). Bruno e compagni chiudono il parziale 25-19. Nel terzo set la Leo Shoes PerkinElmer va sul 10-8, ma i patavini riescono a imprimere il proprio ritmo al gioco ribaltando la situazione e andando a vincere il parziale in volata (23-25). Il quarto set è una battaglia sportiva punto a punto, si arriva al 15-17 con break Padova, poi è Modena a prendere il largo chiudendo 25-22.

I PROTAGONISTI-

Yoandy Leal (Leo Shoes PerkinElmer Modena)- « Oggi siamo andati bene, ma ora dobbiamo essere pronti perché inizia la fase più importante del Campionato. Le voci su di me? Io non so nulla, ho tre anni di contratto a Modena. Milano squadra pericolosa in difesa e contrattacco ma noi dobbiamo guardare al nostro gioco ».

Jacopo Cuttini (Allenatore Kioene Padova)- « Siamo contentissimi di aver raggiunto l’obiettivo. I ragazzi se lo meritano perché nel periodo più difficile sono stati straordinari. Credo che alla fine, complessivamente, abbiamo disputato un buon campionato. I miei giocatori hanno maturato una grande consapevolezza nel corso della stagione, sono veramente orgoglioso del lavoro svolto ».

IL TABELLINO-

LEO SHOES PERKINELMER MODENA - KIOENE PADOVA 3-1 (33-31, 25-19, 23-25, 25-22) 

LEO SHOES PERKINELMER MODENA: Mossa De Rezende 2, Ngapeth E. 20, Sanguinetti 3, Leal 22, Van Garderen 11, Stankovic 9, Salsi 0, Gollini (L), Mazzone 1, Rossini (L), Sala 0. N.E. Abdel-Aziz, Truocchio R., Ngapeth S.. All. Giani.

KIOENE PADOVA: Zimmermann 1, Loeppky 13, Vitelli 5, Weber 28, Bottolo 15, Volpato 8, Bassanello (L), Takahashi (L), Gottardo, Zoppellari 0, Schiro 1, Canella 0, Petrov 1. N.E. Crosato. All. Cuttini.

ARBITRI: Curto, Vagni.

NOTE - durata set: 36', 25', 29', 30'; tot: 120'.

MVP: Yoandy Leal (Leo Shoes PerkinElmer Modena)

Spettatori: 2.918

ALLIANZ MILANO - GIOIELLA PRISMA TARANTO-

L’Allianz Milano onora l’ultima partita casalinga della Regular Season superando Gioiella Prisma Taranto per 3-1. Un successo non scontato visto che i pugliesi, prima dell’inizio del match, avevano la possibilità di strappare un biglietto per i Play Off in caso di vittoria (sarebbe poi stato comunque del tutto inutile visto il trionfo di Cisterna con Trentino). A Milano resta un ultimo impegno prima dei quarti di finale contro Modena, vale a dire il recupero di mercoledì sera in trasferta a Civitanova, mentre Taranto dovrà attendere l’inizio del Play Off 5° posto per tornare in campo. Milano inizia con Porro-Romanò sulla diagonale principale (Patry è però di nuovo a disposizione dopo lo stop per Covid), Jaeschke-Ishikawa in banda, Piano-Mosca al centro (Chinenyeze a riposo per un indolenzimento muscolare) e libero Pesaresi. Di Pinto risponde con Falaschi al palleggio, Stefani opposto, Randazzo-De Barros Ferreira schiacciatori, Di Martino-Alletti centrali e libero Laurenzano. Primo set dominato dai padroni di casa. La Powervolley non sbaglia un colpo ed è letale al servizio dove pesca la bellezza di 6 ace, tra cui quello di Matteo Staforini (primo punto per lui nella massima serie). Il parziale si commenta da solo: 25-17. Nella seconda frazione c’è molto più equilibrio. Milano sembra condurre senza troppa fatica allungando sul 10-7 con un muro di Mosca su De Barros Ferreira. I pugliesi però non scompaiono dal campo, anzi, tornano sotto e pareggiano i conti a quota 14. Lo strappo decisivo arriva nel finale con l’ex di turno: Fabrizio Gironi, due anni fa nell’organico di Piazza, entra e sigla l’ace che vale il +2 e 21-23. Un attacco di De Barros Ferreira vale il 23-25. Regna la parità anche per buona parte del terzo set, dove Piazza inserisce Patry al posto di Piano, precauzionalmente a riposo. Si decide tutto nel finale, quando Porro vince un duello a rete che vale il 18-15 dopo una lunga consultazione al video check. Subito dopo Romanò piazza due ace che valgono il +5 e il 20-15. La Powervolley deve solo controllare e lo fa bene fino al 25-18 messo a segno da Ishikawa. Nel quarto parziale, dopo un inizio un po’ a rilento, Milano sfrutta un passaggio a vuoto di Taranto e sigla tre punti di fila per andare avanti sul 13-12. Da lì in poi i padroni di casa non si voltano più indietro e chiudono le pratiche sul 25-20.

I PROTAGONISTI-

Matteo Staforini (Allianz Milano)- « La partita è andata molto bene, anche quando dal secondo set in poi siamo andati un po’ in difficoltà e Patry si è improvvisato centrale. Ad ogni modo siamo riusciti a portare a casa molto bene i tre punti e questa è la cosa che più conta. Consolidiamo il nostro quinto posto in classifica, siamo felici e questo è sicuramente il modo migliore per iniziare una nuova e importante settimana. I primi due punti in SuperLega sono stati bellissimi, facendo il libero è un’emozione che non mi sarei mai aspettato di provare: sono molto felice di aver dato un piccolo contributo alla squadra ».

Vincenzo Di Pinto (Allenatore Gioiella Prisma Taranto)- « È stata una partita che ai fini della classifica non serviva a molto. A tratti è stata una buona gara, bisogna fare i complimenti sia a noi che a Milano. La nostra annata è stata strepitosa, due anni fa non esistevamo e adesso ci stiamo consolidando nel campionato più difficile al mondo. Sia i ragazzi che la società sono stati bravi a fare questo capolavoro. Ringrazio i nostri tifosi che anche oggi non hanno fatto mancare il loro apporto, c'è gente che ci segue da tutte le parti d'Italia e di questo siamo felicissimi ».

IL TABELLINO-

ALLIANZ MILANO - GIOIELLA PRISMA TARANTO 3-1 (25-17, 23-25, 25-18, 25-20) 

ALLIANZ MILANO: Porro 3, Ishikawa 14, Mosca 6, Romanò 20, Jaeschke 17, Piano 3, Staforini (L), Pesaresi (L), Maiocchi 0, Daldello 0, Patry 3. N.E. Djokic. All. Piazza.

GIOIELLA PRISMA TARANTO: Falaschi 2, De Barros Ferreira 13, Di Martino 2, Stefani 13, Randazzo 8, Alletti 8, Pochini (L), Dosanjh 0, Gironi 6, Laurenzano (L), Sabbi 5. N.E. Freimanis. All. Di Pinto.

ARBITRI: Cerra, Frapiccini.

NOTE - durata set: 27', 27', 27', 28'; tot: 109'.

MVP: Yuri Romanò (Allianz Milano)

Spettatori: 1705

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - CUCINE LUBE CIVITANOVA-

La Sir Safety Conad Perugia chiude la Regular Season con una vittoria. I Block Devils confermano il primo posto in classifica superando in tre set combattutissimi la Cucine Lube Civitanova che comunque, con i risultati degli altri campi, chiude al secondo posto. Match splendido, con una grande pallavolo da entrambe le parti e con una cornice di pubblico degna di due grandi squadre. Perugia, senza Anderson volato negli States per la nascita della sua secondogenita, la fa sua dopo tre parziali al calore bianco, sfruttando i fondamentali del muro (12 vincenti contro 3 avversari) e del servizio (5 ace contro 2) e trovando colpi vincenti in attacco nei momenti caldi dei tre set. MVP è l’opposto bianconero Kamil Rychlicki, che cresce punto dopo punto e chiude con 20 palloni vincenti e il 53% in attacco, ben spalleggiato dal best scorer della partita Leon (22 con 2 ace, il 56% in attacco e 5 muri) e da Plotnytskyi (13 con 3 ace e 2 muri). La Lube ritrova Juantorena in campo dal primo punto e proprio il capitano biancorosso è il migliore dei suoi con 12 colpi vincenti (52% in attacco) e giocate di gran classe. In casa Civitanova, che limita al massimo gli errori (appena 13, 7 dai nove metri, alla fine), doppia cifra anche per Zaytsev con 10 punti a referto.

I PROTAGONISTI-

Sebastian Solé (Sir Safety Conad Perugia)- « È stata una partita nella quale ci siamo trovati anche sotto contro una Lube in crescita. Ma abbiamo messo in campo una bella pallavolo, abbiamo lavorato tutta la settimana forte perché volevamo vincere ed abbiamo tenuto il giusto atteggiamento. Il pubblico? Bellissimo, quando eravamo sotto nel terzo set i nostri tifosi non hanno mollato e ci hanno dato quell’energia per risalire e vincerlo ».

Jiri Kovar (Cucine Lube Civitanova)- « Ci manca ancora qualcosa, avremmo dovuto portare a casa il terzo set e mi dispiace di aver sbagliato l’ultima palla. Dobbiamo ritrovare la fiducia nei nostri mezzi, riuscire a fare meglio le cose semplici come possono esserlo un’alzata o un appoggio. Sono dettagli che in una partita tirata fanno la differenza. Il mio rientro? Sono contento di non aver dolore al ginocchio, ma essendo tornato in campo da poco serve ancora tanto allenamento per ritrovare la condizione migliore ».

IL TABELLINO-

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-0 (25-21, 25-22, 31-29) 

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Giannelli 1, Plotnytskyi 13, Ricci 5, Rychlicki 20, Leon Venero 22, Solé 7, Piccinelli (L), Ter Horst 0, Colaci (L), Travica 0, Mengozzi 0. N.E. Anderson, Russo, Dardzans. All. Grbic.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco 0, Juantorena 12, Simon 8, Zaytsev 10, Santos De Souza 8, Anzani 2, Marchisio (L), Balaso (L), Garcia Fernandez 1, Diamantini 1, Kovar 4, Yant Herrera 0, Sottile 0. N.E. Jeroncic. All. Blengini.

ARBITRI: Piana, Puecher.

NOTE - durata set: 30', 29', 42'; tot: 101

MVP: Kamil Rychlicki (Sir Safety Conad Perugia)

Spettatori: 2.484

TOP VOLLEY CISTERNA - ITAS TRENTINO-

La Top Volley Cisterna piega in tre set l’Itas Trentino e blinda l’ottavo posto a fine Regular Season, centrando l’accesso ai Play Off Scudetto. Primo set punto a punto, le due squadre si studiano sotto rete, Baranowicz alterna tutti gli attaccanti (10-10). Dirlic ingrana la marcia e mette a terra una bella diagonale, poi Maar trova un ace e nell’azione successiva Zingel mura Cavuto, Cisterna avanti 13-11, Lorenzetti chiama time out. Michieletto trova punti importanti e concretizza tutte le alzate di Sbertoli (16-16). D’Heer trova il punto del primo vantaggio trentino e poi allunga con un ace (20-22). Baranowicz smarca Rinaldi e Raffaelli ristabilendo l’equilibrio (23-23). Il toscano mette a terra la palla con cui Cisterna si aggiudica il set 28-26. Inizio di secondo set fotocopia del primo, con spunti preziosi di Wiltenburg (8-7). Picchio difende bene e Raffaelli spacca il muro avversario, Cisterna va in fuga (14-8) e dilaga a suon di muri con Zingel, poi l’ace di capitan Baranowicz vale il 18-10. Irriducibile Maar, schiacciasassi (22-16). La Top gestisce bene il vantaggio, poi Sperotto sbaglia la battuta (25-19). Cisterna parte bene anche nel terzo set e Maar è protagonista del più tre di vantaggio con due attacchi vincenti da posto quattro (10-7). Raffaelli e Maar si alternano e non sbagliano gli assist millimetrici di Baranowicz (13-9). Trento trova la reazione con Michieletto che non sbaglia (17-14 per i laziali). I biancoblù mantengono il vantaggio grazie a Dirlic e Maar (23-18). Micheletto sbaglia la battuta (25-23), Cisterna prende l’intera posta in palio ed entra di prepotenza nei Play Off Scudetto.

I PROTAGONISTI-

Stephen Maar (Top Volley Cisterna)- « Oggi ero in campo per Domenico Cavaccini che non ha potuto essere al nostro fianco. Dedico a lui questa vittoria. Nonostante tutte le difficoltà abbiamo disputato una grande partita, abbiamo giocato di squadra. Abbiamo preso un buon ritmo e ci è riuscito tutto quello che abbiamo preparato in settimana ».

Angelo Lorenzetti (Allenatore Itas Trentino)- « Sapevamo di poter incontrare molte difficoltà nell’affrontare una partita del genere presentandoci con uno schieramento inedito e mai provato in allenamento, ma avevo chiesto alla squadra di giocare ugualmente con entusiasmo. Ci siamo riusciti nel primo e nel terzo set, perdendo il filo solo nel secondo parziale; a ben vedere abbiamo avuto l’occasione di vincere una frazione solo nel periodo di apertura, ma i giocatori hanno comunque venduto cara la pelle e giocato al massimo, chiudendo con orgoglio e dignità questa prima fase della stagione ».

IL TABELLINO-

TOP VOLLEY CISTERNA - ITAS TRENTINO 3-0 (28-26, 25-19, 25-23) 

TOP VOLLEY CISTERNA: Baranowicz 2, Maar 15, Zingel 7, Dirlic 11, Rinaldi 2, Wiltenburg 4, Picchio (L), Raffaelli 10. N.E. Giani, Bossi, Saadat. All. Soli.

Itas Trentino: Sbertoli 4, Michieletto 22, D'Heer 7, Pinali 6, Cavuto 15, Dell'Osso 0, Zenger (L), De Angelis (L), Sperotto 0, Albergati 3, Parolari 0. N.E. Lavia. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Florian, Simbari.

NOTE - durata set: 33', 27', 27'; tot: 87'.

MVP: Maar (Top Volley Cisterna)

VERONA VOLLEY - VERO VOLLEY MONZA-

Verona Volley trova la salvezza nello scontro con Vero Volley Monza, priva del suo opposto Grozer in un Agsm Forum al massimo della capacità consentita. Nel pre partita, lo schiacciatore sloveno Rok Mozic riceve da Stefano Fanini, presidente Verona Volley il premio Credem Banca MVP di febbraio. Partita combattutissima ed emozionante, con la squadra di Eccheli che riesce a ribaltare lo svantaggio del primo set, chiudendo avanti grazie in particolare alle prove di Grozdanov (14 punti, 2 ace, 4 muri) e Karyagin (13 punti, 2 muri). Dall’altra parte, per i gialloblù, c’è un monumentale Rok Mozic, top scorer di SuperLega con 22 punti messi a terra, e un Mads Jensen che si guadagna il titolo di Mvp con 23 punti, 3 ace e 2 muri. Con la conquista del secondo e del terzo set, complici i risultati dagli altri campi, esplode la festa veronese per la matematica certezza della salvezza, ma la partita rimane accesissima, con Monza che prova a riaprire il quarto set ma subisce la rimonta di Verona negli scambi finali, con la chiusura di Rok Mozic che decide il match.

I PROTAGONISTI-

Raphael (Verona Volley)- « Un’emozione bellissima, sapevamo che il Forum sarebbe stato pieno, i nostri tifosi sono davvero il giocatore in più, vedere gli spalti così e giocare insieme è bello, a loro va il primo ringraziamento per questa vittoria, ci hanno sostenuti nei momenti più difficili. Il primo obiettivo è raggiunto, ora puntiamo ai prossimi, la squadra è carica e lavoreremo ancora di più ».

Marco Gaggini (Vero Volley Monza)- « È stata una gara difficile. Sapevamo che loro volevano vincere per garantirsi la salvezza. Noi abbiamo approcciato il confronto molto bene, ma poi abbiamo subito il loro rientro. Ora il pensiero è tutto per la gara di ritorno della Finale di CEV Cup di mercoledì contro Tours, un appuntamento importantissimo per noi ».

IL TABELLINO-

VERONA VOLLEY - VERO VOLLEY MONZA 3-1 (22-25, 25-19, 25-18, 27-25) 

VERONA VOLLEY: Vieira De Oliveira 0, Magalini 5, Aguenier 3, Jensen 23, Mozic 22, Zanotti 2, Spirito 3, Qafarena 0, Donati (L), Bonami (L), Cortesia 0, Asparuhov 5, Nikolic 5. N.E. Wounembaina. All. Stoytchev.

VERO VOLLEY MONZA: Orduna 1, Davyskiba 10, Grozdanov 14, Karyagin 13, Dzavoronok 10, Galassi 4, Federici (L), Gaggini (L), Calligaro 1, Katic 8, Galliani 2, Beretta 6. N.E. Grozer. All. Eccheli.

ARBITRI: Brancati, Cesare.

NOTE - durata set: 28', 27', 25', 30'; tot: 110'.

I RISULTATI-

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia - Gas Sales Bluenergy Piacenza 0-3 (29-31, 23-25, 20-25)

Leo Shoes PerkinElmer Modena - Kioene Padova 3-1 (33-31, 25-19, 23-25, 25-22)

Allianz Milano - Gioiella Prisma Taranto 3-1 (25-17, 23-25, 25-18, 25-20)

Sir Safety Conad Perugia - Cucine Lube Civitanova 3-0 (25-21, 25-22, 31-29)

Top Volley Cisterna - Itas Trentino 3-0 (28-26, 25-19, 25-23)

Verona Volley - Vero Volley Monza 3-1 (22-25, 25-19, 25-18, 27-25)

Riposa: Consar RCM Ravenna

LA CLASSIFICA FINALE-

1.Sir Safety Conad Perugia 672.

2. Cucine Lube Civitanova 54 (23 partite)

3. Itas Trentino 53

4. Leo Shoes PerkinElmer Modena 51

5. Allianz Milano 41 (23 partite)

6. Gas Sales Bluenergy Piacenza 37

7. Vero Volley Monza 31

8. Top Volley Cisterna 30

9. Verona Volley 27

10. Gioiella Prisma Taranto 26

11. Kioene Padova 24

12. Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 22

13. Consar RCM Ravenna 2

1 incontro in meno: Cucine Lube Civitanova, Allianz Milano.

LA GRIGLIA DEI PLAY OFF-

Sir Safety Conad Perugia - Top Volley Cisterna

Leo Shoes PerkinElmer Modena - Allianz Milano

Cucine Lube Civitanova - Vero Volley Monza

Itas Trentino - Gas Sales Bluenergy Piacenza

LA PRIMA GIORNATA DEI QUARTI PLAY OFF-

Sabato 26 marzo 2022, ore 20.30-

Itas Trentino (3a Regular Season)- Gas Sales Bluenergy Piacenza (6a Regular Season)

Domenica 27 marzo 2022, ore 18.00-

Sir Safety Conad Perugia (1a Regular Season) – Top Volley Cisterna (8a Regular Season)

Leo Shoes PerkinElmer Modena (4a Regular Season) – Allianz Milano (5a Regular Season)

Cucine Lube Civitanova (2a Regular Season) – Vero Volley Monza (7a Regular Season)

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...