Play Off: Verona sbanca Civitanova, Modena e Trento vincono al quinto

Tre splendide partite hanno completato Gara 1 dei Quarti. Gli scaligeri vincono in tre set all'Eurosole. Battaglie al Pala Panini, dove gli uomini di Giani superano Piacenza, e alla BLM Arena, dove Trento alla fine doma Monza. Mercoledì 22 si gioca Gara 2
Play Off: Verona sbanca Civitanova, Modena e Trento vincono al quinto© Legavolley

ROMA- Sarà battaglia fino alla fine in questi Play Off che portano allo scudetto. Questo ha detto Gara 1 dei Quarti, partite bellissime che tengono tutto aperto verso le semifinali. Fa storia a sè la Sir Safety Susa Perugia che ha vinto nettamente ieri la sfida contro l’Allianz Milano. Clamoroso il colpo centrato dalla WithU Verona che è  andata a vincere in tre set, anche se tutti conclusi ai vantaggi, all’Eurosole contro i Campioni d’Italia della Cucine Lube Civitanova. Le altre due partite sono finite entrambe al tie break, a testimonianza dell’equilibrio fra le contendenti, con le vittorie delle squadre di casa, Itas Trentino e Valsa Modena, rispettivamente su Vero Volley Monza e Gas Sales Bluenergy Piacenza. Mercoledì 22 si gioca Gara 2 a campi invertiti.

LE TRE SFIDE-

VALSA GROUP MODENA - GAS SALES BLUENERGY PIACENZA-

Gara 1 dei Play Off Scudetto va a Modena brava a sfruttare ogni occasione che la partita gli ha presentato, brava a non perdersi d’animo anche nel tie break quando era sotto 5-1. In casa Gas Sales Bluenergy  Piacenza troppi errori in battuta e qualche contrattacco non chiuso a dovere come nel terzo set quando in tante occasioni si poteva e doveva fare meglio sia in attacco che in ricezione.

Modena parte col sestetto composto da Bruno-Lagumdzija in diagonale principale, Ngapeth-Rinaldi di banda, Stankovic-Sanguinetti al centro con Rossini libero. Piacenza schiera Brizard-Romanò, schiacciatori Leal-Lucarelli, centrali Simon-Caneschi con Scanferla libero. L’inizio del match è nella bolgia del PalaPanini, punto a punto con Piacenza che ribatte colpo su colpo, 8-8. Simon risponde con l’ace al punto di Ngpaeth, 11-11. Bruno prende per mano i gialli nel cuore del set, ace, 16-15. Piazza il break Modena, che spacca il parziale con Sanguinetti, 22-17. La Valsa Group chiude il primo set 25-19. Parte forte Modena nel secondo parziale, 6-4. Restano avanti i gialli che si portano sul 12-11 col muro di Sanguinetti su Leal. Non si ferma la Valsa Group che resta avanti, 19-18. Piacenza scappa via e chiude il set 23-25. Nel terzo set parte fortissimo Piacenza, 6-8 e Simon protagonista. Lagumdzija riporta Modena avanti, 11-10 e match tiratissimo. Ngapeth e Leal salgono in cattedra, scambi di classe e 15-14 poi è Modena a mettere il break. Si arriva al 20-16 con Modena che alza i giri del motore. La Valsa Group chiude 25-19 il parziale. Nel quarto set è Piacenza ad alzare il livello di gioco, 7-8. Resta avanti la Gas Sales che si porta sul 15-16 con un ottimo Lucarelli. Si arriva al 18-21 con Piacenza che resta avanti. Chiude 20-25 il set la Gas Sales, è tie-break. Modena chiude 15-11 il quinto set e 3-2 il match.

I PROTAGONISTI-

Andrea Giani (Allenatore Valsa Modena)- « E’ stata una partita complicata contro una squadra che al completo sa giocare davvero ad alto livello, Ha vinto una Coppa Italia battendo 3-0 sia Perugia che Trento. Hanno un lotto di battitori importanti. Siamo stati bravi nelle situazioni complicate. Abbiamo giocato male il secondo set subendo 7/8 contrattacchi, nel quarto invece dovevamo essere più cinici, come all’inizio del tie break nel quale siamo andati sotto 0-4. Siamo rimasti in partita ed abbiamo recuperato. Comunque il livello dei play off è questo e ci devi saperci stare in qualsiasi condizione. Lo abbiamo fatto e questo ci lascia ben sperare per le prossime sfide ».

Massimo Botti (Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza)- « Ci è stato ancora una volta fatale il tie break, eravamo avanti ma ci siamo incastrati in alcune situazioni sia in ricezione che in attacco. Sapevamo che qui a Modena non era facile, abbiamo giocato alla pari e la serie è ancora molto lunga, questa era solo la prima partita. Dobbiamo però essere bravi a specchiarci un po’ meno ed essere più concreti, nel terzo set, che abbiamo perso, almeno dieci occasioni le abbiamo avute per chiudere a nostro favore l’azione e non ci siamo riusciti ».

IL TABELLINO-

VALSA GROUP MODENA – GAS SALES BLUENERGY PIACENZA 3-2 (25-19, 23-25, 25-19, 20-25, 15-11)

VALSA GROUP MODENA: Mossa De Rezende 3, Ngapeth 20, Sanguinetti 10, Lagumdzija 20, Rinaldi 12, Stankovic 7, Rossini (L), Sala 0, Bossi 0, Pope 0, Marechal 0. N.E. Gollini, Salsi, Krick. All. Giani.

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Brizard 3, Santos De Souza 16, Simon 7, Romanò 12, Leal 17, Caneschi 10, Scanferla (L), Recine 0, Basic 0, Gironi 0. N.E. Hoffer, Alonso, De Weijer, Cester. All. Botti.

ARBITRI: Zavater, Lot.

NOTE – durata set: 25′, 31′, 30′, 28′, 19′; tot: 133′.

MVP: Bruno Mossa de Rezende (Valsa Group Modena)

Spettatori: 3.102

CUCINE LUBE CIVITANOVA - WITHU VERONA-

Esordio da incorniciare nei Quarti di Finale dei Play Off Scudetto per la WithU Verona, che sul campo della Cucine Lube Civitanova sfodera una prestazione incredibile e si aggiudica il primo round della serie. Ritmo, intesa di gioco e capacità di reazione sono stati i fattori che hanno fatto la differenza sul taraflex dell’Eurosuole Forum per i ragazzi di coach Stoytchev, capaci di archiviare la pratica in tre set combattuti, terminati tutti quanti ai vantaggi. Nel mezzo di una grande prova corale, è salito in cattedra Keita, autore di 16 punti che gli sono valsi la nomina di MVP della sfida. Il tempo per festeggiare è poco, perché già da domani la testa è rivolta al prossimo appuntamento: mercoledì sera alle 20.30 al Pala AGSM AIM andrà in scena Gara 2.

Lube in campo con De Cecco al palleggio per l’opposto Zaytsev, Yant e Bottolo in banda, Anzani e Chinenyeze al centro, con Balaso libero.  Stoytchev si affida a Spirito in cabina di regia, con Sapozhkov a completare la diagonale, mentre in banda viene confermata la coppia formata da Mozic e Keita. Al centro spazio a Mosca e Grozdanov, con Gaggini come libero.

La gara si apre con l’attacco vincente di Mozic. Con un monster block,Mosca regala il secondo punto ai suoi, poi i padroni di casa effettuano il sorpasso, ma l’ottima intesa tra Spirito e Grozdanov in posto tre vale il pari (5-5). I cucinieri trovano il primo allungo grazie al muro di Chinenyeze, ma ci pensa Keita a rimettere il match sui binari giusti. Verona risponde ai colpi degli avversari con il solito Keita, bravo a trovare il pertugio in diagonale (12-12). L’errore di Yant permette agli ospiti di tornare avanti nel punteggio (15-16). Complici alcuni errore sottorete della Lube, la truppa scaligera infila il break, portandosi sul 16-20 con un Mosca ancora in grande spolvero a muro. Keita piazza la sfera nei tre metri per il ventunesimo punto. Dopo l’ace di Zaytsev, il muro di De Cecco vale il sorpasso, ma la WithU rimette la faccia avanti e con il muro di Mozic si aggiudica il primo parziale.

Al rientro in campo, la partita si conferma equilibrata. La Lube va avanti nel punteggio e prova a mantenere il vantaggio minimo. Da posto due Keita chiude il polso e timbra il -1. Bottolo trova il mani-out per l’8-6 dei suoi. Uno scambio prolungato viene messo a terra da Sapozhkov, che si ripete nell’azione successiva riducendo il gap con gli avversari (9-8). Verona gioca bene e con un tocco morbido di Mosca ritrova il pari (10-10). Break di Civitanova grazie al doppio muro dell’ex di turno Anzani, con cui tenta la fuga. Sapozhkov esplode la sua potenza su suggerimento di Spirito, siglando il punto del 17-15. Dai nove metri Zaytsev è ancora efficacie e incrementa il vantaggio (20-15), ma il muro di Keita tiene vive le speranze veronesi. Sapozhkov difende una palla impossibile, Mozic infila un ace col mirino e la WithU prima la riprende e poi sorpassa (20-21). Le due squadre rispondono colpo su colpo e portano la sfida ai vantaggi. Verona annulla svariate set ball avversarie e con il muro di Grozdanov inverte il trend (29-30) e poi chiude i conti. 



Verona parte avanti anche in avvio di terza frazione, ma i cucinieri trovano l’immediata reazione grazie a una buona serie al servizio di Nikolov, bravo a siglare anche l’ace del 5-2. Gli ospiti restano in scia, trovano la nuova parità e ribaltano il risultato (5-6), prima di volare sul +2 con il monster block di Sapozhkov. Cambia l’inerzia della gara e i ragazzi di Stoytchev non lasciano cadere una palla. L’ace di Keita dà il via al tentativo di fuga, a cui si unisce Sapozhkov (6-10). La compagine marchigiana, però, mantiene la lucidità e si rimette in carreggiata. Il gigante russo e un preciso Mozic ridanno slancio agli scaligeri, poi è Keita a firmare il triplo vantaggio con un colpo ben calibrato (12-15). Assistito dalla buona sorte, Nikolov riapre i giochi dai nove metri e il match torna in equilibrio (15-16). Verona prende ritmo e sale sul 17-20. Con l’ace di Bottolo la Lube rinsavisce e la contesa è di nuovo in equilibrio. Al primo tempo di Mosca risponde Garcia, Nikolov manda avanti i suoi, ma l’ace di Spirito cambia ancora la conduzione del parziale. Poi la WithU Verona mette il sigillo sulla sfida e fa sua Gara 1.  

I PROTAGONISTI-

Luciano De Cecco (Cucine Lube Civitanova)- « Sapevamo che a fare la differenza sarebbe stato un pallone, stasera purtroppo il divario è stato a favore dei nostri avversari. La sfida è stata combattuta, abbiamo avuto le nostre chance ma possiamo sicuramente giocare meglio. Ora concentriamoci su Gara 2, in programma mercoledì. Dovremo avere un po’ più di fiducia e realizzare ciò che sappiamo fare, consapevoli dei nostri mezzi ».

Dario Simoni (2° allenatore WithU Verona)- « Da questa gara abbiamo ottenuto quello che volevamo. Siamo venuti qua per giocare la nostra partita e dimostrare le nostre qualità individuali e di squadra e credo che stasera sia emerso proprio il lavoro di squadra. Ci sono dei momenti in cui si decide la partita, come è successo con la ricezione di Magalini, che è stata determinante. Dobbiamo continuare a lavorare come abbiamo fatto fino ad adesso, mettendo il solito impegno ».”.

IL TABELLINO-

CUCINE LUBE CIVITANOVA - WITHU VERONA 0-3 (24-26, 29-31, 24-26)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco 1, Yant Herrera 9, Anzani 7, Zaytsev 13, Bottolo 13, Chinenyeze 6, Garcia Fernandez 3, Balaso (L), Nikolov 7, D’Amico (L), Diamantini 0. N.E. Ambrose, Gottardo, Sottile. All. Blengini.

WITHU VERONA: Spirito 2, Keita 16, Grozdanov 3, Sapozhkov 14, Mozic 9, Mosca 6, Gaggini (L), Vieira De Oliveira 0, Magalini 0. N.E. Bonisoli, Zanotti, Cavalcanti, Jensen, Cortesia. All. Stoytchev.

ARBITRI: Simbari, Vagni.

NOTE – durata set: 29′, 38′, 33′; tot: 100′.

MVP: Noumory Keita (WithU Verona)
Spettatori: 1.843

 ITAS TRENTINO - VERO VOLLEY MONZA-

In Gara 1 dei quarti di finale dei Play Off Scudetto una bella Vero Volley Monza sfiora il colpaccio sul campo dell'Itas Trentino, cedendo ai padroni di casa, solo al termine di un tie-break infuocato per 3-2 (25-16, 25-21, 13-25, 18-25, 15-13). La squadra di Lorenzetti, in vantaggio 2-0, ha subito la reazione di Grozer che hanno dominato i successivi parziali. Michieletto e compagni hanno trovato la forza di reagire nel quinto set e hanno chiuso a proprio favore un match che si era messo davvero male per i trentini, portandosi in vantaggio 1-0 nella serie.

Per la terza partita in sette giorni alla BLM Group Arena, Lorenzetti conferma lo schieramento tipo, con Sbertoli in regia e Kaziyski opposto, Michieletto e Lavia in banda, Lisinac e Podrascanin al centro e Laurenzano nel ruolo di libero. La Vero Volley Monza risponde con Zimmermann alzatore, Grozer opposto, Maar e Davyskiba laterali, Beretta e Galassi al centro, Federici libero. L’avvio regala cambiopalla in serie sino al 4-3, poi Davyskiba sbaglia due diagonali in fotocopia e costringe Eccheli a spendere il primo time out sul 6-3; alla ripresa il muro di Lisinac, che poi trasforma anche una free ball, e la ricostruita vincente di Lavia allargano ulteriormente la forbice (9-3, altra interruzione del gioco da parte degli ospiti). Il tecnico brianzolo inserisce allora Hernandez al posto del martello bielorusso, che però subisce subito un ace; sul 12-4 (break point di Michieletto) il set è già pesantemente indirizzato e l’Itas Trentino può giocare senza ansie la seconda parte del parziale (14-7 e 17-9) nonostante gli avversari provino a cambiare le carte in tavola (dentro Kreling e Szwarc per Zimmerman e Grozer), senza però ottenere risultati di rilievo. L’1-0 interno arriva già sul 25-16, perché la Vero Volley è molto fallosa al servizio e la coppia Lisinac-Michieletto è ispiratissima in attacco.
Nel secondo set Eccheli riparte dalla diagonale palleggiatore opposto di riserva, salvo poi tornare sui suoi passi già sul 7-6 gialloblù, dopo che la squadra era riuscita a recuperare un iniziale svantaggio di tre lunghezze (da 5-2 a 5-5). Trento riparte con Kaziyski (9-7) e in seguito allunga con l’ace di Lisinac (11-8) ed il contrattacco di Michieletto (15-11); la situazione ideale per giocare con la mente libera ed offrire una bella pallavolo ai propri tifosi (17-13 e 19-15). Monza ci crede sino al 20-18 (ace di Davyskiba su Lavia) e poi anche in ripresa (da 22-18 a 23-21) con un’altra battuta punto, stavolta di Grozer, ma poi rialza la testa lasciando spazio all’acuto di Lavia (attacco e muro sullo stesso tedesco per il 25-21).
L’Itas Trentino soffre inizialmente questa verve avversaria (2-5 e 4-7), prova a riavvicinarsi con Michieletto (7-9) ma condiziona il suo tentativo con qualche errore di troppo e con difficoltà nel tenere costante la propria fase di cambiopalla (8-14). Lorenzetti ha già inserito Nelli al posto di Kaziyski e speso i due time out a disposizione nella prima metà della frazione; sull’11-18, dopo un attacco out di Lisinac c’è spazio anche per Cavuto, Džavoronok e Pace che però non riescono ad opporre la giusta resistenza. Sull’11-21 l’eventualità del quarto set si è già di fatto materializzata ed arriva sul 13-25.
Le difficoltà dei gialloblù proseguono anche nel periodo successivo (4-6), ma questa volta i padroni di casa non mollano la presa (7-7) ed ingaggiano la battaglia punto a punto, prima che Maar non affondi di nuovo il colpo (da 8-9 a 9-12). Nella parte centrale l’Itas Trentino perde ulteriore contatto (12-16, muro di Beretta su Kaziyski); Lorenzetti spende l’ultimo time out a disposizione e grazie alle affilate battute di Sbertoli ottiene la risposta che voleva dai suoi. Lavia guida il tentativo di rimonta (15-16), che però si arresta subito dopo a causa di un passaggio a vuoto di Kaziyski (muro subito e successivo attacco out, 15-19). La fase di cambiopalla torna ad essere problematica e Monza ne approfitta per scappare nuovamente via (16-21) e conquistare la possibilità di giocare il tie break (18-25).
Nel quinto set Nelli resta in campo al posto di Kaziyski e trova subito due punti (attacco e ace) che valgono l’iniziale 3-1; i brianzoli rispondono subito con Galassi (anche lui a segno col servizio per il 3-3), ma poi subiscono per colpe proprie un altro break (6-4). Serve una fiammata di Davyskiba per invertire nuovamente la tendenza (6-7, ancora in battuta); il muro di Lisinac su Galassi garantisce il vantaggio interno per 9-8 ma Grozer replica ancora col servizio (9-10). Il finale regala tantissime emozioni (13-13); decide l’errore di Davyskiba sul 14-13.

I PROTAGONISTI-

Riccardo Sbertoli (Itas Trentino)-« Nei Play Off conta solo vincere, non come si ottiene il successo. Siamo quindi contenti della vittoria e felici della reazione che abbiamo avuto nel quinto set. Non era facile ritrovare le energie necessarie per affrontarlo al meglio, ma ce l'abbiamo fatta ».

Thomas Beretta (Vero Volley Monza)- « E’ stata una bella prova per noi, ma nei Play Off conta vincere. Ci siamo andati vicino ma anche questo non basta. Ora ci aspetta Gara 2 mercoledì in casa e poi domenica ancora qui per un’altra sfida tutta da vivere. Abbiamo dimostrato che ce la possiamo giocare alla pari: sarà però importante sfruttare meglio quell’entusiasmo che ci ha permesso di risalire dopo i primi due set. Stasera c’è del rammarico, nonostante l’ottima prova messa in campo. Non è una Trento invincibile e noi dobbiamo sbagliare qualcosa in meno e giocare meglio, perché sappiamo farlo ».

IL TABELLINO-

ITAS TRENTINO – VERO VOLLEY MONZA 3-2 (25-16, 25-21, 13-25, 18-25, 15-13)

ITAS TRENTINO: Sbertoli 3, Lavia 12, Lisinac 10, Kaziyski 11, Michieletto 19, Podrascanin 7, Pace (L), Laurenzano (L), D’Heer 0, Cavuto 0, Nelli 4, Dzavoronok 2. N.E. Berger, Depalma. All. Lorenzetti.

VERO VOLLEY MONZA: Zimmermann 0, Davyskiba 10, Beretta 7, Grozer 29, Maar 14, Galassi 7, Hernandez 4, Szwarc 3, Kreling 0, Federici (L), Magliano 0. N.E. Pirazzoli, Di Martino, Marttila. All. Eccheli.

ARBITRI: Boris, Brancati.

NOTE – durata set: 23′, 29′, 23′, 25′, 22′; tot: 122′.

MVP: Riccardo Sbertoli (Itas Trentino)

Spettatori: 2.448

 GARA 1 QUARTI PLAY OFF I RISULTATI-

Sir Safety Susa Perugia-Allianz Milano 3-0 (25-22, 25-15, 25-18) Giocata ieri;

Cucine Lube Civitanova-WithU Verona 0-3 (24-26, 29-31, 24-26);

Itas Trentino-Vero Volley Monza 3-2 (25-16, 25-21, 13-25, 18-25, 15-13); Valsa

Valsa Modena-Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-2 (25-19, 23-25, 25-19, 20-25, 15-11)

IL PROSSIMO TURNO GARA 2 QUARTI DI FINALE PLAY OFF-22/03/2023 Ore: 20.30-

Allianz Milano-Sir Safety Susa Perugia;

WithU Verona-Cucine Lube Civitanova;

Vero Volley Monza-Itas Trentino;

Gas Sales Bluenergy Piacenza-Valsa Group Modena

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...