Come together: Fabio Grosso e Kappa ricordano il giorno in cui l'Italia si è sentita una vera squadra

Il campione del mondo firma il manifesto di fine campagna con un messaggio che ci riporta al 9 Luglio 2006

Come together: Fabio Grosso e Kappa ricordano il giorno in cui l'Italia si è sentita una vera squadra

Quella notte tutti ricordiamo dove eravamo. Probabilmente con le persone a noi più vicine, nei nostri posti del cuore, perché anche le vittorie vale la pena festeggiarle insieme.

Kappa chiude la campagna Come Together che ha visto come protagonisti Emis Killa, Chadia Rodriguez e FreshMula con una voce d'eccezione, che ricorda un momento unico della storia dello sport e del nostro paese: Berlino, 9 Luglio 2006, la finale di Coppa del Mondo. E a farlo è proprio chi quella coppa l'ha vinta, calciando l'ultimo rigore che ha fatto sognare tutto il paese e che riporta alla luce ricordi di una felicità condivisa comune, perché "quel pallone lo abbiamo calciato tutti". Fabio Grosso, campione del mondo e nome indimenticabile della storia del calcio italiano è l'ultimo nome che prende parte a questo importante progetto dedicato allo spirito di squadra e lo fa attraverso un video emozionale che porta lo spirito di quella sera nei gesti complici dei ragazzi di oggi, che hanno raccontato la propria partita a fianco di chi la gioca ogni giorno con loro.

Un messaggio forte e profondo, che tratta un momento storico così importante per la memoria collettiva con la forza del linguaggio digitale e rompe le barriere del tempo.

Ci ricorda che fare parte di un team unisce le persone nella condivisione di un ricordo, che è sempre la vittoria più grande per ciascuno di noi.

Il video è online sui canali del brand dal 23/11 concludendo il viaggio di Kappa tra le squadre degli idoli della Generazione Z.

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti