Australian Open a rischio. Dubbi anche sull'avvio di stagione

La situazione del Coronavirus nel paese ha allarmato organizzatori e autorità

© EPA

MELBOURNE - L'avvio del 2021 e soprattutto i tornei preparativi all'Australian Open sono a rischio. Gli organizzatori si sono detti scettici a causa delle difficoltà per l'arrivo dei giocatori nel paese. "Durante le discussioni con Tennis Australia nelle ultime 24 ore, abbiamo appreso che sono sorte nuove difficoltà riguardo alle date di arrivo previste (nel paese) per i giocatori e le loro squadre". Sono queste le parole usate dall'ATP in un messaggio inviato ai giocatori e twittato da Lukas Lacko. Lo slovaccho ha anche spiegato che i giocatori non potranno rientrare in Australia a dicembre.

Il piano era di far arrivare verso la metà di dicembre più di cinquecento giocatori nello stato di Victoria, dove i tornei inizialmente in programma a Sydney, Brisbane, Perth, Hobart, Adelaide e Canberra dove si dovrebbero giocare prima dell'inizio a Melbourne dell'Australian Open.I giocatori si sarebbero dovuti mettere in quarantena per 14 giorni e allenarsi lì prima dell'inizio della stagione. "Comprendiamo che l'inizio della stagione 2021 sia incerto e stiamo lavorando il più duramente possibile per fornire il miglior programma possibile", ha aggiunto L'ATP.

Commenti