Mirror: "Djokovic rischia cinque anni di carcere"

Il quotidiano britannico sostiene che il serbo, qualora si accertasse la falsità delle sue dichiarazioni sulla positività al Covid, potrebbe essere sanzionato con una pena detentiva
Mirror: "Djokovic rischia cinque anni di carcere"© EPA

MELBOURNE (Australia) - Novak Djokovic, qualora le dichiarazioni sulla sua positività al Covid-19 (rilasciate per ottenere il visto per entrare in Australia) dovessero rivelarsi false, potrebbe dover scontare cinque anni di carcere: è quanto afferma il quotidiano britannico Mirror. Il tennista serbo ha infatti ammesso di aver mentito sul suo modulo di dichiarazione di ingresso e di aver avuto relazioni con altre persone mentre era consapevolmente infetto dal coronavirus. In una dichiarazione giurata del tribunale su cui si basa la Corte del Circuito Federale, il 34enne ha ammesso di aver scoperto di essere positivo al Covid il 16 dicembre. Djokovic ha dichiarato: "Il 16 dicembre 2021, mi è stato testato e diagnosticato il SARS-CoV-2". Tuttavia, in seguito, il serbo ha affermato in una dichiarazione pubblica di aver saputo la notizia il 17 dicembre. Secondo l'Australia's Crimes Act, fornire informazioni fuorvianti alla corte è un crimine punibile con cinque anni di carcere.

Djokovic, infrante regole Covid in Serbia

Djokovic ha ammesso di aver infranto le regole Covid della Serbia, essendo stato visto in giro nonostante fosse consapevolmente risultato positivo. Il primo ministro Ana Brnabic ha recentemente dichiarato alla BBC che uscire di casa dopo un test positivo è stata una "chiara violazione". Ai sensi dell'articolo 248 - "Mancata azione ai sensi delle norme sanitarie durante l'epidemia" - chiunque non rispetti le regole rischia una pena massima di tre anni di carcere. L'Australian Border Force sta indagando su Djokovic a seguito delle sue dichiarazioni in cui il tennista afferma di non aver viaggiato per due settimane prima del suo volo per l'Australia. I post sui social media sembrano mostrare il serbo a Belgrado il giorno di Natale prima di volare dalla Spagna il 4 gennaio. Un post su Twitter di un giornalista di tennis portoghese, Jose Morgado, sembra mostrare che Djokovic era a Belgrado a Natale, in posa con la stella della pallamano Petar Djordjic.

Djokovic, si indaga su una dichiarazione sospetta
Guarda il video
Djokovic, si indaga su una dichiarazione sospetta

Djokovic: "Il mio agente ha spuntato la casella errata"

Djokovic ha commentato la dichiarazione, sostenendo che si tratta di un "errore amministrativo" commesso dal suo agente. "Il mio agente si scusa sinceramente per l'errore amministrativo nel spuntare la casella errata sul mio precedente viaggio prima di venire in Australia", ha detto Djokovic. "Questo è stato un errore umano e certamente non deliberato". A questo punto, il destino di Djokovic sarà deciso dal ministro dell'immigrazione Alex Hawke, che può intervenire personalmente e decidere di annullare comunque il suo visto - il che vedrebbe Djokovic bandito dall'Australia per tre anni: una decisione è attesa per giovedì.

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...