Internazionali, Federer: «Tornare a Roma è sempre bello»
© Getty Images
0

Internazionali, Federer: «Tornare a Roma è sempre bello»

Le sensazioni di King Roger alla vigilia del debutto: «Sono molto motivato, la mia eccitazione non potrebbe essere più grande»

martedì 14 maggio 2019

ROMA - «Sono molto felice di essere qui. Sono motivato a giocare bene e la mia eccitazione non potrebbe essere più grande. Nel momento in cui sono atterrato a Roma ieri, ero così felice, amo questa città». Così Roger Federer alla vigilia del suo debutto agli Internazionali d'Italia di tennis. Il campione svizzero, che ieri si è allenato col 17enne azzurro Sinner e questa mattina con l'altro italiano Seppi, manca al Foro Italico da tre anni ma ricorda che «mi è sempre piaciuto giocare in Italia, da junior credo di aver giocato più tornei qui che in qualunque altra nazione». Federer si sofferma anche sul caso del 'caro biglietti' legato alla sua presenza sulla terra rossa capitolina. «Ho saputo che hanno alzato il prezzo dei biglietti dopo che ho annunciato la mia partecipazione e ho sentito che alcuni tifosi ovviamente non erano contenti - spiega King Roger -. E' deludente sentirlo. L'hanno fatto come se avessero premiato i tifosi che hanno comprato prima i biglietti, il che è un po' strano, ma va bene. Questo però non toglie il fatto che sono davvero felice di essere qui. Spero ci sarà una buona atmosfera».

Internazionali Roma: il programma di oggi

Commenti

La Prima Pagina