Nitto ATP Finals, inossidabile Bopanna: in semifinale a 43 anni

A Torino c’è gloria (e pubblico) anche per i protagonisti del doppio. L’indiano, in coppia con Ebden (Sud Africa), ha brillato nello “spareggio” con Koolhof/Skupsi
Nitto ATP Finals, inossidabile Bopanna: in semifinale a 43 anni© Getty Images

In fase di presentazione, sabato scorso durante l’inaugurazione del Fan Village, i sedici protagonisti del torneo di doppio nelle Nitto ATP Finals di Torino si erano detti onorati di poter competere nel magnifico scenario del Pala Alpitour che già immaginavano completo e suggestivo, per atmosfera e colori. Quanto auspicato sta succedendo, con il pubblico pronto ad applaudire i loro match, anche spettacolari grazie ai tocchi sopraffini che sanno mulinare nei pressi della rete. Incisivi anche i servizi e l’altra arma del doppista in genere, la risposta. Ieri si è completata anche per loro la prima fase, quella dei Gruppi. Nel “rosso” i primi a qualificarsi per le semifinali sono stati i campioni uscenti Ram e Salisbury che nel secondo match del loro percorso hanno sconfitto al long tie-break il tandem composto da Koolhof e Skupski. Ininfluente era ormai la terza contesa, quella di ieri contro gli australiani Hijikata e Kubler, campioni quest’anno nel primo Slam di stagione.La seconda coppia a qualificarsi per le semifinali nel Gruppo rosso è invece uscita ieri dal confronto scattato alle 12 tra Koolhof/Skupski e Bopanna/Ebden, un vero e proprio spareggio. L’esperto Bopanna (43 anni e 6 mesi) ha scritto un’altra piccola pagina di storia della specialità, centrando la semifinale e facendolo da assoluto protagonista. In “barba” all’età ha confermato doti atletiche, in particolare a rete, di grande spessore. Lo stesso dicasi per la reattività e la potenza del servizio, alternata alla precisione. È stato proprio lui a sigillare il primo set al decimo gioco e mettere in mostra colpi e grande concentrazione nel tie-break del secondo set.

Sinner, rifinitura sul centrale: tutto pronto per Medvedev

Il quadro delle semifinali

Nel Gruppo verde i primi a staccare un biglietto per le semifinali sono stati lo spagnolo Granollers e l’argentino Zeballos, che hanno chiuso il gruppo in testa. Nella giornata di giovedì si sono uniti ai due il messicano Gonzalez e il francese Roger Vasselin, secondi al termine della prima fase, che hanno battuto ed eliminato la coppia prima testa di serie Dodig e Krajicek. Un successo meritato per Gonzalez e Vasselin che per la prima volta si sono imposti ai rivali di giornata dopo le quattro sconfitte subite nei precedenti incroci. Spettacolare il match tie-break, conquistato 15-13 dopo quasi 30 minuti di emozioni. Protagonista assoluto Gonzalez, letale al servizio e nelle fasi calde dell’incontro, chiuso sul 6-4 3-6 15-13. Dodig e Krajicek hanno provato a resistere, emblematico un tuffo del croato per rimettere in gioco una palla nella fase cruciale della partita, ma alla fine si sono dovuti arrendere. Pubblico entusiasta e coinvolto nelle vicende di campo, cosa quasi sempre inedita per il doppio anche a livello Slam. Ovviamente anche l’angolo dei vincitori, con papà Vasselin particolarmente caldo e visibilmente felice in conclusione per l’impresa realizzata dai suoi beniamini, che hanno salutato con larghi sorrisi il successo. La loro avventura a Torino continua. Oggi alle 12 prima semifinale tra Bopanna/Ebden e Granollers/Zeballos; alle 18,30 la seconda, con in campo Ram/Salisbury e Gonzalez/Roger Vasselin.

Panatta e i consigli per Sinner

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...