Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Liverpool: Sakho trovato positivo al test antidoping del Uefa
© EPA

Liverpool: Sakho trovato positivo al test antidoping del Uefa

Il difensore francese dei Reds non ha superato il controllo dopo il match contro il Manchester United e non sarà convocabile per le prossime garetwitta

sabato 23 aprile 2016

LIVERPOOL (INGHILTERRA) - Mamadou Sakho non ha superato il controllo antidoping della Uefa dopo il match di Europa League contro il Manchester United. Il difensore del Liverpool è stato trovato positivo dopo il test e non sarà convocabile dai Reds nelle prossime partite. Il centrale transalpino avrebbe utilizzato un bruciatore di grassi, a esclusivo interesse personale, per ridurre la propria massa, ma senza conoscerne la composizione chimica. Di comune accordo con la società Sakho ha deciso di sospendersi per provare la propria buona fede, ma la Uefa lo ha messo sotto indagine. Per un caso simile Kolo Tourè aveva rimediato 6 mesi di squalifica, nonostante sostenesse di aver preso per sbaglio un medicinale della moglie. 

IL COMUNICATO DEL LIVERPOOL - «Ieri, venerdì 22 aprile 2016, abbiamo ricevuto una comunicazione formale da parte della Uefa. La Federazione stanno investigando sulla possibile violazione delle regole antidoping da parte di Mamadou Sakho. Il giocatore risponderà alla Uefa in merito alla questione. Il giocatore non è soggetto di nessuna sospensione ufficiale. Tuttavia, il club, in accordo con il giocatore, ha deciso che non sarà selezionabile per le prossime partite. Non ci saranno altri commenti sulla questione».

UN TERZO DEI GIOCATORI DELLA PREMIER NON SI SOTTOPONE A TEST ANTIDPONG

Tags: SakhoDopingLiverpool

Tutte le notizie di Premier League

Approfondimenti

Commenti