Maradona, parla il suo storico medico: "Ha sostituito la droga con l’alcol"

Le parole di Alfredo Cahe: "È nelle stesse condizioni di quando lo portai a Cuba"

Maradona, parla il suo storico medico: "Ha sostituito la droga con l’alcol"© EPA

FLORIDA (ARGENTINA) - "Diego è un paziente molto difficile ma in questa situazione bisogna essere più forti di lui e sapergli dire no". Sono le parole del  neurologo di Diego Armando Maradona, Leopoldo Luque. L'argentino resta dunque ricoverato dopo l'operazione alla testa di martedì sera per rimuovere un ematoma subdurale. Il "Pibe de oro" inoltre "è  stato sottoposto a sedazione - aggiunge il neurologo - a causa di quel quadro di astinenza, legato all'uso di ansiolitici e alcol, che sarebbe all'origine degli "episodi di confusione". 

Maradona, l'amore dei tifosi sotto la clinica
Guarda la gallery
Maradona, l'amore dei tifosi sotto la clinica

"Maradona è ingestibile"

Preoccupazioni legate all'alcolismo confermate da Alfredo Cahe, storico medico di Diego, che ha dichiarato: "Deve sottoporsi al trattamento, così è ingestibile, ha sostituito la droga con l’alcol, si deteriora sempre di più. È nelle stesse condizioni di quando lo portai a Cuba. Ma è il suo futuro l’incognita che mi preoccupa maggiormente". Anche l'avvocato, Matías Morla, ha parlato della permanenza in ospedale del suo assistito: "Ho appena visto Maradona, sta riposando. I medici concordano sul fatto che dobbiamo aspettare l'evoluzione. Vista la situazione attuale, non c'è alcuna possibilità che se ne vada. È sedato e aspetta i risultati".

Abbonati a Tuttosport

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti