Florentino Perez sulla Superlega: "È libertà e trasparenza!"

Il numero uno dei Blancos ribadisce, ancora una volta, la solidità del progetto attaccando Ceferin: "Si ricordi chi è il Real Madrid"

8. Florentino Perez© AFPS

MADRID (Spagna) - Il presidente del Real Madrid Florentino Perez ha nuovamente difeso con personalità il progetto della Superlega scoccando anche qualche frecciatina verso la Uefa di Aleksander Ceferin. In occasione dell'assemblea de Soci del Real Madrid Perez ha dichiarato: "La Superlega è libertà. A causa della pandemia abbiamo cercato di cambiare le dinamiche del calcio affinché non muoia. La Superlega è libertà, trasparenza, fairplay finanziario e solidarietà. È il progetto che finalmente proteggerà il FFP".

Perez: "La Uefa ricordi chi è il Real"

Motto d'orgoglio del numero uno dei Blancos che ci ha tenuto a ricordare cosa e chi è il Real Madrid: "L'Uefa ricordi chi è il Real, la sua storia, noi siamo i re d'Europa, questo club sin dalla sua fondazione ha partecipato a tutte le trasformazioni che ha avuto il calcio, custodendo le tradizioni - aggiunge - Siamo l'unico club che ha partecipato alla fondazione della Fifa, insieme al quotidiano L'Equipe siamo stati i promotori, nel 1955, della Coppa dei Campioni. Abbiamo sofferto in passato dell'opposizione dell'Uefa e adesso mi sembra che siamo in una situazione simile".

Perez: "Fiducia nei tribunali europei"

La partita tra Superlega e Uefa si sta giocando per vie legali dove Perez è ottimista: "Abbiamo piena fiducia nei tribunali europei e nella Corte di giustizia dell'UE. Come club, non cederemo alle minacce, che sono illegali come i tribunali hanno dichiarato più volte - aggiunge - Non ci arrenderemo perché abbiamo tutti ascoltato la volontà del presidente Uefa di cambiare le regole del fair play finanziario e renderle più flessibili per consentire iniezioni finanziarie ai club statali e ad altri agenti esterni al calcio. Servono meccanismi di governance trasparenti e che tutti i club possano vivere delle risorse del gioco e non dei soldi di altri attori con interessi diversi".

Perez: "Uefa, solo interessi politici"

Perez ha poi concluso con un'altra frecciata verso la Uefa e al suo modo di comunicazione citando anche il co-fondatore presidente della Juventus Andrea Agnelli: "C'è un interesse meramente politico degli attuali dirigenti a mantenere i propri privilegi. Pur avendo tentato il dialogo con l'Uefa, la violenza delle loro reazioni ha ribadito la necessità di pensare al nostro futuro. Non è accettabile che il Presidente UEFA insulti il ??Presidente di uno dei club più importanti della storia (Juventus). Tali minacce e pressioni non hanno avuto effetto su tre club con un totale di 20 Champions".

club e i presidenti, penso alla Juventus, sono stati minacciati di sanzioni che non possono esistere".

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...