Tottenham, Dier perde la testa: tifoso insulta, lui lo picchia sugli spalti

Dopo l’eliminazione degli Spurs dall’FA Cup ai rigori contro il Norwich, il centrocampista inglese si scaglia contro un supporter. Mourinho: “Ha sbagliato, ma non sarà punito”

Tottenham, Dier perde la testa: tifoso insulta, lui lo picchia sugli spalti© Getty Images

LONDRA (INGHILTERRA) – Il Tottenham di Josè Mourinho esce agli ottavi di FA Cup contro il Norwich. Gli Spurs, dopo aver chiuso i tempi regolamentari e i supplementari sull'1-1, si sono arresi ai rigori, con Gedson Fernandes che ha sbagliato il penalty decisivo. A far notizia però, è ciò che è accaduto dopo il triplice fischio. Protagonista della vicenda il centrocampista inglese del Tottenham Eric Dier che, mentre di stava dirigendo verso gli spogliatoi, ha improvvisamente cambiato direzione, scavalcando la ringhiera che divide gli spalti dal campo e scagliandosi contro un tifoso sferrandogli un pugno. 

Tottenham, Son dovrà stare in quarantena per il coronavirus

Follia Dier, i motivi dell'alterco

Un gesto folle che ha immediatamente fatto il giro del web. Dai primi video circolati si sente distintamente il centrocampista urlare: “He’s my brother! (È mio fratello)”. A confermare che Dier avrebbe difeso il fratello minore presente in tribuna e alle prese con un'animata discussione con un altro tifoso, le parole di Josè Mourinho nel postpartita: “Eric ha fatto qualcosa che un professionista non deve fare, anche se probabilmente avremmo fatto tutti la stessa cosa, soprattutto quando qualcuno insulta te e la tua famiglia è coinvolta, con il tuo fratellino. Questa persona ha insultato Eric, il fratello più piccolo non è rimasto contento di questo e Dier dietro a lui. Ma noi professionisti non possiamo fare queste cose, ha sbagliato ma non sarà punito”.

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...