Dybala: soldi o big. Da Pogba a Isco, sarà l’ultimo assist?

La Juve è decisa a cedere la Joya: plusvalenza enorme, ma pochi possono spendere 90-100 milioni. Più facile uno scambio con il francese o lo spagnolo, ma il volere dell’argentino sarà decisivo

© Marco Canoniero

TORINO - Piena di gioia, ma senza Joya. La Juventus e Andrea Pirlo progettano così la stagione 2020-21: da chiudere festeggiando, ma da giocare senza Paulo Dybala, di nuovo sul mercato. Per motivi tecnico-tattici - una stagione da 17 gol e 14 assist non ha cancellato i dubbi del club sulla sua incisività ad altissimo livello (ossia la seconda parte della Champions) e Pirlo ritiene che Ronaldo renda meglio con una prima punta - e per motivi economici: la distanza tra i 15 milioni di ingaggio chiesti e gli 8 più 2 di bonus offerti ha rallentato (ma non stoppato) la trattativa per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2022 e dunque spinge la società a una cessione immediata. Cessione che porterebbe una plusvalenza con cui completare il progetto di rinnovamento.

Casa Tuttosport. Juve, Tudor collaboratore tecnico di Pirlo: un altro ex juventino torna a casa. Higuain è il nodo del mercato attaccanti. Europa League, Inter all’assalto dello Shakhtar per entrare in una finale europea dopo 10 anni.
Guarda il video
Casa Tuttosport. Juve, Tudor collaboratore tecnico di Pirlo: un altro ex juventino torna a casa. Higuain è il nodo del mercato attaccanti. Europa League, Inter all’assalto dello Shakhtar per entrare in una finale europea dopo 10 anni.

 

CONTANTI - Già, perché Dybala, acquistato nel 2015 dal Palermo per 32 milioni più 8 di bonus, è a bilancio per circa 10 e venderlo attorno ai 90-100 milioni darebbe a Paratici la potenza di fuoco necessaria per fornire a Pirlo un grande centrocampista e il centravanti che il Maestro vuole accanto a CR7 (ricordiamo che la plusvalenza va tutta a bilancio immediatamente, mentre del costo di un giocatore acquistato va a bilancio solo l’ammortamento annuale: un calciatore pagato 50 milioni che firma un quinquennale, ad esempio, pesa sul bilancio in corso per 10 milioni).

Prima però bisognerebbe trovare un club disposto a pagare 90-100 milioni. Tutt’altro che facile in piena crisi economica per la pandemia di Covid-19. Real Madrid, Manchseter City, Manchester United e Psg sono forse i soli che potrebbero permettersi un esborso del genere. Ma probabilmente anche questi preferiranno evitarlo, o tenersi quel jolly per strappare un gioiello a chi vorrebbe tenerselo stretto.

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna di Tuttosport

Juve, rebus in attacco per l'erede di Higuain
Guarda la gallery
Juve, rebus in attacco per l'erede di Higuain

Commenti