Per Skriniar c'è Paredes: l'Inter tratta

Il Psg è tornato alla carica per il difensore che a Conte non serve più. L'argentino come parziale contropartita

"Ho ancora un contratto di tre anni con l'Inter; il club non mi ha mai detto che non mi vuole, il tecnico mi vuole ancora. Non ho motivo di lasciare l'Inter"© Marco Canoniero

MILANO - Conferme indirette a un raffreddamento dell’Inter per l’acquisto di Sandro Tonali, sul quale il Milan potrebbe aver effettuato il sorpasso decisivo, arrivano anche da altri intrecci di mercato, che continuano a vedere i nerazzurri molto attivi. I tempi sono ristretti e c’è l’esigenza, più ancora che in altre società, di dare più in fretta possibile le risposte che Antonio Conte ha chiesto martedì scorso, nel corso dell’incontro che ha sancito al rappacificazione tra il tecnico e la dirigenza. Ecco perché, a fronte dell’insistenza di Leonardo, direttore sportivo del Paris Saint Germain, di avere Milan Skriniar, l’Inter è uscita allo scoperto e ha chiesto di trattare Leandro Paredes.

L'Inter conferma Conte: i social si scatenano
Guarda la gallery
L'Inter conferma Conte: i social si scatenano

La situazione

Gli ottimi rapporti tra l’Inter e il Psg, certificati dal recente trasferimento a titolo definitivo di Mauro Icardi, lasciano ben sperare anche per la questione Skriniar. Che, dopo aver raggiunto quotazioni stratosferiche (anche 80 milioni) al momento non può valerne più di 50. Ma l’Inter, anche per evitare eccessive questioni sul prezzo, ha già presentato la sua richiesta: vorrebbe inserire nell’affare il cartellino di Leandro Paredes, argentino, 26 anni, centrocampista che in questi ultimi due anni in Francia non ha saputo conquistarsi un posto da titolare. 

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna di Tuttosport

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti