Pagina 2 | Dybala, era già pronto il regalo alla Juve per il rinnovo: il retroscena

La reazione dell'argentino dopo la mancata firma: il divorzio è stato uno choc per lui, che non si aspettava una decisione così netta

La reazione di Dybala

Da professionista andrà avanti, onorerà gli ultimi due mesi da bianconero. E lo farà a modo suo: la comprensibile reazione emotiva è quella di farsi rimpiangere fin da subito per far capire alla dirigenza di aver sbagliato. C’è quindi da aspettarsi una Joya sfolgorante e arrembante, come lo è stata domenica contro la Salernitana, al rientro da titolare e subito in gol. Se la condizione fisica, assai precaria nell’ultimo periodo, lo sosterrà, l’attaccante argentino vorrà dimostrare di essere ancora un diamante (la Joya), capace di trascinare la squadra nel finale di stagione. Certo, una doppietta contro l’Inter potrebbe consacrarlo e, all’opposto, creare qualche problema ambientale alla dirigenza bianconera: i tifosi, apparsi insolitamente freddi nei confronti della Joya (basta vedere l’esito del sondaggio su tuttosport.com, dove soltanto il 16.6% dei votanti ritiene che la Juventus avrebbe dovuto rispettarlo di più e fare uno sforzo), potrebbero alzare le barricate. Un’eventuale insurrezione popolare non muterà però lo scenario né farà cambiare idea alla dirigenza bianconera, apparsa quanto mai decisa ad andare avanti per la sua strada, ma certo farebbe discutere. E sarebbe la migliore rivincita per il numero 10 della Juventus, entrato nella top ten dei bomber juventini, che da qui a fine maggio conta di raggiungere e superare Roberto Baggio, distante appena due gol. E magari un finale in crescendo servirà pure alla Joya. Sarebbe un’ottima vetrina per trovare, da svincolato, una nuova squadra: l’interesse verso un campione della sua grandezza non manca, Paulo è apprezzato da molti club tanto in Italia quanto all’estero, ma al momento non è ancora arrivata una proposta accattivante che riponga Dybala al centro del progetto.

Quante pretendenti per Dybala
Guarda il video
Quante pretendenti per Dybala

Juve, la battuta di Allegri

Un Dybala decisivo in campo farebbe sicuramente sorridere Massimiliano Allegri. Dal tecnico livornese ci si aspetta prima di tutto una battuta sulla vicenda: ha due settimane di tempo per prepararsela, tanto manca alla prossima conferenza stampa, alla vigilia di Juventus-Inter. Consapevole che tutti chiederanno reazioni sull’addio al numero 10, sarà lo stesso Max a parlarne per primo. Per il resto l’allenatore ha sempre affrontato con serenità le situazioni e lo farà altrettanto con la Joya: Paulo è un giocatore della Juventus fino al 30 giugno e, se sarà in condizioni, giocherà. Nessun cruccio, problema o rimpianto: sarà aziendalista, ma Allegri ha sempre utilizzato ciò che gli passava la società. E anche nei momenti di emergenza, non si è mai disperato. Ha dovuto rinunciare spesso a Dybala, ma non si è mai preoccupato, anche quando non poteva ancora contare su Dusan Vlahovic. E visto che c’è ancora una finale di Coppa Italia da raggiungere e vincere, come una rincorsa scudetto che sì appare complicata, ma finché la matematica dice che è impossibile, allora meglio avere la Joya pimpante e con il piede caldo. E la borsa firmata che Dybala aveva pronta da dare ai compagni per festeggiare il rinnovo sarà il regalo d’addio. Come avevano fatto in passato Paul Pogba (un orologio Rolex) o Patrice Evra (iPhone per tutti, non soltanto ai compagni di squadra): la testimonianza che i giocatori passano e la Juventus resta.

Dybala non rinnova con la Juve: le reazioni social dei tifosi
Guarda la gallery
Dybala non rinnova con la Juve: le reazioni social dei tifosi

Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi!

Juve, i migliori video

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...