Juve-Barcellona, Ansu Fati e Paratici: il retroscena

C'è stato un momento in cui il talento blaugrana poteva diventare bianconero: ecco come e quando

Juve-Barcellona, Ansu Fati e Paratici: il retroscena© Getty Images

C’è stato un momento in cui Ansu Fati poteva finire dall’altra parte della barricata e la partita di domani sera giocarla con la maglia della Juventus. Lo farà con quella del Barcellona, dopo un secco riufiuto da parte del club catalano che non aveva nessuna intenzione di cederlo. Quando la trattativa Arthur- Pjanic si era, infatti, bloccata, perché il brasiliano non voleva accettare l’idea di trasferirsi all’estero, Fabio Paratici aveva provato a smuovere le acque dell’affare chiedendo proprio Ansu Fati.

Ansu Fati: prima gara a 16 anni come Pirlo, Mbappé e Totti
Guarda la gallery
Ansu Fati: prima gara a 16 anni come Pirlo, Mbappé e Totti

Il Barcellona aveva l’esigenza di mettere in piedi un’operazione che mettesse a bilancio delle plusvalenze importanti, ma non era ancora così disperato da privarsi del ragazzino prodigio cresciuto nella cantera del Barça e già stranoto agli addetti ai lavori. Niente da fare, tuttavia, perché il Barcellona ha tenuto duro sul ragazzino che potrebbe crescere ancora di più e ancora meglio di quanto abbia fatto vedere nelle prime uscite in blaugrana. Alla fine lo scambio è stato fatto come era stato previsto fin dall’inizio (cioè fra Arthur e Pjanic), mentre Ansu Fati è rimasto al Barcellona, dove è stato subito lanciato fra i titolari e, nell’occasione di domani sera sarà una delle stelle del Barcellona, dando l’occasione di ammirarlo anche al pubblico italiano (per quanto solo in tv).

Leggi l'articolo completo su Tuttosport

Champions League, ecco il pallone della fase a gironi 2020-21
Guarda la gallery
Champions League, ecco il pallone della fase a gironi 2020-21

 

Champions, i migliori video

Commenti