Guardiola: "Il ko con il Real in Champions? Per il City è stato un dono"

Così il tecnico catalano: "Se l'avessimo vinta la gente avrebbe detto che sarebbe stato grazie ai soldi spesi. Non abbiamo fallito, abbiamo giocato alla pari"

Guardiola: "Il ko con il Real in Champions? Per il City è stato un dono"© EPA

MANCHESTER (Regno Unito) - "Cosa ho detto ai calciatori dopo Madrid? Niente. Nessuna parola può aiutare a sentire quello che proviamo tutti. Solo il tempo, dormire al meglio e pensare al prossimo obiettivo. Sabato saremo insieme e parleremo di chi siamo come squadra e di cosa abbiamo fatto per arrivare alle semifinali di Champions League. Questi sono i momenti di cui sono più orgoglioso nell'essere qui". Lo ha detto Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, rispondendo in conferenza stampa a una domanda su cosa ha detto ai suoi giocatori dopo aver perso contro il Real Madrid in semifinale di Champions League. "La gente dice che se non vinciamo è un fallimento ma non è così perchè sappiamo quanto tutto sia difficile. Capisco che siano tutti tristi, i ragazzi per primi volevano la finale ma per questo club giocarsela come ha fatto col Real è stata una gioia. Il Real ha meritato ma noi c'eravamo e l'importante è esserci e riprovarci la prossima stagione. Il calcio è imprevedibile. L'Atletico ha giocato meglio di noi nella seconda parte del ritorno e con un po' più di fortuna avrebbe vinto e sarebbe andato in semifinale. Se fossimo stati più fortunati col Real... Ma è il calcio, ci sono 22 giocatori che si muovono con un pallone, succedono cose brutte e cose belle, il calcio è questo. Il nostro dovere è essere in corsa su tutti i fronti. Per me è incredibilmente straordinario essere arrivati di nuovo in semifinale", ha aggiunto.

Evra distrugge Guardiola: "Perde perché odia i leader"

Guardiola: "Se avessimo vinto la Champions..."

Parlando in vista della prossima partita di Premier contro il Newcastle, il tecnico del City ha negato l'ennesimo fallimento in Champions e si è detto ancora "affamato di vittorie. Non posso passare un anno solo a pensare a quanto sono felice. Se avessimo vinto la Champions per alcuni sarebbe stato grazie ai soldi che spendiamo, non quanto duramente lavoriamo. I giocatori adesso non se ne rendono conto ma per noi uscire è un stato quasi un dono. Mi piacerebbe vincere la Champions, ma per farlo dobbiamo essere migliori di quello che è successo a Madrid. Lo sceicco Mansour non ha comprato questo club e investito per vincere solo la Champions ma per competere su tutti i fronti". Ora l'obiettivo è vincere la Premier: "Il focus sarà esattamente lo stesso perché la potenziale finale sarebbe stata dopo la Premier League. Non penso al titolo, penso al Newcastle, mi concentro sulla squadra e su Eddie Howe. Kevin de Bruyne è disponibile", ha concluso.

Champions, i migliori video

Tuttosport

Abbonati all'edizione digitale di Tuttosport

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...