Bonucci: "All'Europeo ero certo che sarei stato decisivo"

Il difensore bianconero parla del successo in Nazionale: "Ho realizzato due rigori, in finale ho segnato e chiuso come miglior giocatore. Difficile chiedere di più"

Bonucci: "All'Europeo ero certo che sarei stato decisivo"

VITERBO - È trascorso un mese ormai dalla vittoria dell'Europeo, ma le emozioni sono ancora fortissime, soprattutto per chi le ha vissute da protagonista. Lo ha confermato ai microfoni di SkySport Leonardo Bonucci, autore del gol del pareggio nella finale contro l'Inghilterra. Il difensore della Juve ha parlato a margine di un premio ricevuto nella sua Viterbo: "Sono più emozionato oggi che in campo con lo stadio pieno. Questa è un'onorificenza importante che va oltre i meriti sportivi. Viterbo è nel mio cuore, sono onorato di condividere con la mia gente la vittoria degli Europei". Sempre sull'Europeo, poi ha aggiunto: "Mentre ero in vacanza ho riguardato i gol in tv e mia moglie scherzando mi diceva che non mi avrebbero levato la coppa, perché era mia. In quei giorni eravamo uniti tutti sotto la stessa bandiera, non c’erano altre fedi. Gioire tutti insieme è stato qualcosa d’incredibile. Da quando sono partito per l’Europeo si sentiva che c’era qualcosa che poteva dire che sarebbe finita così".

Bonucci e Chiellini blindano la Juve, davanti ci pensa Dybala
Guarda la gallery
Bonucci e Chiellini blindano la Juve, davanti ci pensa Dybala

Un'estate storica

Bonucci rivela anche di aver immaginato il fatto di poter risultare decisivo: "Quando ci siamo ritrovati in Sardegna mia moglie ha detto che si respirava un’energia diversa. Dall’11 giugno, poi, ho iniziato a pensare al fatto che potevo essere decisivo. Se non fosse stato in semifinale sarebbe stato in finale. Ci credevo fin dall’inizio in questa squadra, pensando che fin dall’inizio potevo e potevamo essere protagonisti in quest’Europeo. Alla fine ho segnato due rigori decisivi, un gol in finale e uno annullato nei quarti col Belgio. Sono stato migliore in campo in finale e per un difensore è difficile chiedere di in più". Un pensiero pure sulle Olimpiadi: "Mi hanno scritto per messaggio che siamo stati l’esempio da seguire, e devo dire che l’Italia, come ha detto Malagò, è stata un grande esempio di come l’organizzazione funziona. A prescindere dagli ori, 40 medaglie alle Olimpiadi è un record storico. È stata un’estate italiana storica!".

Da Bonucci a Chiesa: la Juve fa le visite mediche
Guarda la gallery
Da Bonucci a Chiesa: la Juve fa le visite mediche

La battuta di Allegri

Bonucci ha poi commentato la battuta di Allegri sulla fascia di capitano: "Ci ho riso su, che devo fare? Il mister spesso fa battute, per me conta solo il campo. Le chiacchiere se le porta via il tempo e le biciclette i livornesi (ride, ndr). Fascia o non fascia, io quello che devo fare nello spogliatoio e in campo lo so già". A seguire il difensore bianconero si è proiettato sugli obiettivi stagionali, tra cui ovviamente lo Scudetto: "L'Inter è la squadra da battere, ma ci sono anche Roma, Milan e Lazio daranno fastidio. Nella lotta, i dettagli faranno la differenza. Allegri è carico, noi siamo pronti a riprenderci quanto lasciato per strada. Ci sono le condizioni per fare una grande stagione. Mercato? È un fine mercato particolare, tanti giocatori di peso hanno cambiato squadra e questo cambia un po' le gerarchie. La nostra società ci teneva a trattenere i migliori per raggiungere gli obiettivi".

Allegri punge Bonucci: "Capitano? Deve comprarsi la fascia"
Guarda il video
Allegri punge Bonucci: "Capitano? Deve comprarsi la fascia"

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...