Pagelle Italia: Chiesa show, Raspadori gol e non solo, Gatti in crescita

I voti degli azzurri che hanno battuto 5-2 la Macedonia del Nord: ora si giocano tutto nell'ultimo turno, lunedì alle 20.45 a Leverkusen contro l'Ucraina
Pagelle Italia: Chiesa show, Raspadori gol e non solo, Gatti in crescita© Ansa/Aldo Liverani/Getty Images

L'Italia batte 5-2 la Macedonia del Nord e si gioca tutto nellìultimo turno contro l'Ucraina lunedì alle 20.45 a Leverkusen. Gli azzurri di Luciano Spalletti hanno subito messo in chiaro le cose chiudendo avanto 3-0 il primo tempo grazie alla rete di Darmian e alla doppietta dello juventino Federico Chiesa. Sull'1-0, da segnalare un altro errore dal dischetto di Jorginho. Nella ripresa attimi di paura quando gli ospiti accorciano fino al 3-2 con la doppietta di Atanasov, ma nel finale ci pensano Giacomo Raspadori e Stephan El Shaarawy a mettere in ghiaccio risultato e partita.

Donnarumma 6 

Impotente sulla deviazione ravvicinata di Atanasov come sul tiro deviato da Acerbi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Darmian 6.5 

Si prende l'onore di aprire la partita, sbucando rapido di testa sul secondo palo. Non segnava da 8 anni, 1 ottobre 2015, nel 3-1 dell'Italia in Azerbaigian per le qualificazioni europee, con Conte ct. Una vita fa. E in difesa non cede di un centimetro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gatti 6.5

Perde palla banalmente al 6', offrendo una ripartenza. Dimentica subito, crescendo in marcatura: di testa, di fisico, di anticipo. E va a fare “massa” in area avversaria sui piazzati. Sull'angolo dell'1-0 impegna Serafimov e Manev, aprendo spazio per l'imbucata di Darmian. Dalla sua capoccia nasce il fallo del rigore. Qualche distrazione in più nella ripresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Acerbi 6

Dirige la difesa con una calma che trasmette serenità ai compagni. Cerca il lancio dalla profondità, quando occorre variare lo spartito degli attacchi. Sfortunato in occasione del secondo gol macedone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dimarco 6.5

Si diverte in tandem con Chiesa, cercando imbucate e profondità sulla sinistra. Tenta una conclusione al volo al 35' pt con un sinistro sballato. Meglio a inizio ripresa, quando impegna Dimitrievski con un tiro a giro. Quindi l'assist a El Shaarawy.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Barella 7

Viaggia sul centrodestra, scambiandosi con Bonaventura. Pronto ad aggredire il portatore di palla, senza difettare in lucidità. Vedi il colpo di tacco che annichilisce la confusione in area e libera Chiesa al 2-0. Tenero nell'uscita dalla difesa che porta al secondo gol macedone, si riscatta con l'invito per il 4-2 di Raspadori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Jorginho 5.5

Spalletti si augurava che tirasse lui in caso di rigore: il coraggio l'ha avuto, il dinamismo no. Conclusione troppo debole e poco angolata per il quarto errore consecutivo in azzurro. Peccato, perché aveva avuto anche buone idee (vedi l'invito iniziale per Raspadori).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cristante (17' st) 6

Dentro per fare legna e dare sostanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Bonaventura 6.5

Prova a non fare punti di riferimenti ai centrocampisti macedoni, ampliando il raggio di azione. Pronto al dialogo, come quando libera Chiesa al tiro al 16' pt. Barella gli scippa una palla gol in area piccola all'8' st.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Frattesi (17' st) 6

Prova qualche incursione, pensa di più a interdire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Berardi 5.5

Suo l'invito che spedisce Chiesa in campo aperto all'appuntamento con il 3-0. Per il resto viaggia troppo tra alti e bassi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

El Shaarawy (31' st) 6.5

Sinistro chirurgico per rendere più bella la serata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Raspadori 7

Si muove incessantemente, facendosi inseguire dai macedoni. Apre bene la manovra sulle fasce oppure cerca l'imbucata in verticale. Su invito di Jorginho, concluso in gol al 13' pt, parte poco oltre i difensori: giusto annullare. Entra nelle azioni chiave del primo tempo, calciando con traiettorie maligne dall'angolo per l'1-0 e per l'azione del rigore. Nella ripresa arriva il 4-2, millimetrico e meritatissimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiesa 8

Passano pochi minuti ed è travolto da una entrataccia di Dimoski, con obiettivo il ginocchio destro. Qualche minuto di apprensione, rientra e diventa signore della serata. Un continuo lavoro al fianco destro macedone, nell'uno contro uno e nella ricerca della profondità. Avvisa Dimitrievski con una incursione al 16', quindi lo punisce dalla distanza: prima con una conclusione velenosa dal limite, quindi con una parabola corretta dal destro di Manev. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zaniolo (17' st) 5.5

Subito “beccato” dalla Curva Sud romanista, si intestardisce nei personalismi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ct Spalletti 6.5

Italia da applaudire nel primo tempo, per compattezza e determinazione: i tre gol ne sono logica conseguenza. Lascia perplessi il blackout della ripresa, anche se gli azzurri hanno reagito. Ricordando che davanti c'era la Macedonia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Italia batte 5-2 la Macedonia del Nord e si gioca tutto nellìultimo turno contro l'Ucraina lunedì alle 20.45 a Leverkusen. Gli azzurri di Luciano Spalletti hanno subito messo in chiaro le cose chiudendo avanto 3-0 il primo tempo grazie alla rete di Darmian e alla doppietta dello juventino Federico Chiesa. Sull'1-0, da segnalare un altro errore dal dischetto di Jorginho. Nella ripresa attimi di paura quando gli ospiti accorciano fino al 3-2 con la doppietta di Atanasov, ma nel finale ci pensano Giacomo Raspadori e Stephan El Shaarawy a mettere in ghiaccio risultato e partita.

Donnarumma 6 

Impotente sulla deviazione ravvicinata di Atanasov come sul tiro deviato da Acerbi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Loading...