Zeman sulla Juve Next Gen: “Progetto? Bisogna vedere a cosa serve”

L'allenatore boemo ha presentato il match contro i bianconeri in conferenza stampa e ha analizzato in modo diretto il valore e l'importanza della seconda squadra
Zeman sulla Juve Next Gen: “Progetto? Bisogna vedere a cosa serve”

Si apre il sipario sulla Serie C e va in scena subito una partita di grande livello, tra il Pescara e la Juventus Next Gen. I bianconeri, hanno dovuto trasferirsi nel girone B, dopo l'ammissione dell'Atalanta Under 23 nel girone A della Lega Pro.

I ragazzi di Brambilla saranno messi subito a dura prova contro una delle squadre più blasonate e allenate da un tecnico esperto come Zeman. Il boemo ha parlato a 360 gradi del progetto bianconero, come al solito senza peli sulla lingua.

Zeman sulla Juventus Next Gen

Il tecnico del Pescara ha parlato così della seconda squadra bianconera: "La Juventus Next Gen? Bisogna vedere a che serve il progetto. Se serve per creare ragazzi che vanno venduti o giocatori per la prima squadra. Io li ho visti quando hanno giocato con la Juve A, hanno perso 8-0, ci sta, in un'altra partita (contro la Pro Vercelli ndr) hanno giocato un calcio diverso, bisogna vedere quando verranno qua che partita vorranno fare. È una seconda squadra della Juventus ma è una Juventus, il solo valore della rosa supera i 10 milioni, una cifra a cui noi non arriviamo pur essendo un club di Serie C".

Sul mercato: "Sta arrivando Di Pasquale? Un buon giocatore, con me a Foggia ha fatto bene anche se aveva avuto qualche problema fisico. Ha qualità in campo e fuori dal campo. La mezzala? Io il mercato non l'ho fatto, sono contento che la società abbia scelto la linea verde, ho 18 giocatori sotto i 23 anni e per me hanno prospettive. Ora bisogna lavorarci per farli uscire. Non ho chiesto niente sul mercato". Poi gli indisponibili in vista dell'esordio con i bianconeri: "Saranno out Tommasini, Cangiani e forse Kolaj, che si è fatto male stamattina. Floriani non si è allenato. I giovani hanno risentito del lavoro, non erano abituati". Infine sul piano tattico: "Ancora vedo confusione. I ragazzi devono affidarsi al resto della squadra, li devo convincere a fare un altro calcio. La Serie C è diversa, ancora non l'hanno capito perché non l'hanno mai vista".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per continuare a leggere

L'abbonamento Plus+ ti permette di leggere tutti i contenuti del sito senza limiti

Scopri ogni giorno i contenuti esclusivi come Interviste, Commenti, Analisi, le Pagelle e molto altro ancora!

Plus+

€ 5,90 /mese

Scopri l'offerta

Commenti

Loading...