Cagliari-Juve 2-0: Cristiano Ronaldo a -4 da Immobile

0

Il baby Gagliano e il Cholito Simeone decidono la sfida già nel primo tempo. Il fuoriclasse portoghese a secco, il bomber della Lazio a un passo dal titolo di capocannoniere e dalla conquista della Scarpa d’Oro

Cagliari-Juve 2-0: Cristiano Ronaldo a -4 da Immobile
© /Agenzia Aldo Liverani S.a.s.
mercoledì 29 luglio 2020

CAGLIARI - In parte sperimentale per i tanti giovani in campo, in parte scarica per lo scudetto già in tasca. Non una vera Juve quella che alla Sardegna Arena ha ceduto per 2-0 al Cagliari, vittorioso con le firme del baby Gagliano e del solito Simeone. Cristiano Ronaldo è rimasto a secco e il divario da Immobile, ora a +4, appare ormai incolmabile: il bomber della Lazio va verso il titolo di capocannoniere del campionato e la conquista della Scarpa d’Oro. A Sarri, che non sarà in panchina nell’ultima contro la Roma, non resta che chiudere questa stagione di Serie A nel migliore dei modi per dedicarsi esclusivamente al ritorno degli ottavi di Champions contro il Lione, in programma il 7 agosto allo Stadium. I bianconeri hanno una Final Eight da conquistare. 

Cagliari-Juve 2-0: tabellino e statistiche

Classifica Serie A

La formazione di Sarri

Cristiano Ronaldo titolare insieme a Bernardeschi e Higuain, in mezzo debutto dal 1' per il giovane Muratore, a comporre la linea mediana con Pjanic e Bentancur. In difesa Rugani affianca Bonucci, sugli esterni tocca ad Alex Sandro e Cuadrado. In porta c’è Buffon.

Gagliano-Simeone, Juve sotto

Il lampo iniziale del Pipita Higuain lascia presto il posto al vantaggio del Cagliari, firmato al 9’ dal sorprendente Gagliano: Ionita serve Mattiello, cross in mezzo per il baby della Primavera che trova la zampata vincente approfittando dell’immobilità della difesa bianconera. CR7 è ancora a caccia di Immobile, ci prova più volte ma viene ripetutamente murato dalla retroguardia di Zenga. Pjanic e Sarri, entrambi diffidati, si beccano il giallo e saranno costretti a saltare l’ultima di campionato contro la Roma. Quando la Juve sembra risorgere con le occasioni di Bonucci, Higuain, Cuadrado e Bentancur (il centrale va davvero a un passo dal pari sugli sviluppi di un corner) ecco arrivare il raddoppio di Simeone in pieno recupero grazie a una conclusione dal limite che non incontra la pronta risposta di Buffon.

In campo tanti U23

La ripresa si apre nuovamente con le azioni insistite del Cagliari, Joao Pedro va a lato di poco e Buffon compie il miracolo su Simeone anche se il direttore di gara ferma tutto per fuorigioco. La reazione della Juve non arriva se non nel bolide dalla distanza di Muratore che Cragno smanaccia in angolo. Sarri cambia le carte in tavola: fuori il centrocampista dell’U23 già ceduto all’Atalanta e Pjanic, dentro Matuidi e Zanimacchia. Ma si prosegue sulla falsariga di quanto accaduto fino ad adesso, con i bianconeri sterili dal punto di vista corale e timidi anche nelle iniziative personali. Ronaldo protagonista con un missile da fuori area, Simeone con un tentativo che per un soffio non chiude già la serata. Nel finale (entrano Peeters e Oliveri) gli ultimi sussulti di Bernardeschi e ancora CR7, nel recupero il gran gol sfiorato da Zanimacchia e il super intervento di Cragno.

Caricamento...