Tuttosport.com

L'Inter alza il muro per fermare l'assalto ai suoi gioielli
© Inter via Getty Images
0

L'Inter alza il muro per fermare l'assalto ai suoi gioielli

Icardi è nel mirino di Real e Chelsea, su Skriniar ci sono City, United, Barça e Bayern Monaco. Suning è determinato a non cedere i suoi fuoriclasse e a trovare un accordo per il rinnovo

venerdì 2 novembre 2018

MILANO - L'Inter alza il muro. E non è quello eretto da Handanovic e i suoi difensori nelle ultime partite di campionato, quelle che hanno portato la squadra di Spalletti a essere la miglior difesa della Serie A con sole 6 reti subite. Ma è quello che Suning e la dirigenza sono pronti a erigere per respingere al mittente le offerte che potrebbero arrivare, alcune già a gennaio, per Mauro Icardi e Milan Skriniar. Guarda caso i due top player dell’Inter che ancora non hanno rinnovato i loro contratti, che non sono in scadenza, anzi, ma che gli entourage dei giocatori vorrebbero rivedere, economicamente parlando, verso l’alto. Idea condivisa anche dal club, per premiare la loro stagione scorsa, ma finora la distanza fra domanda e offerta è rimasta tale da non arrivare alla fumata bianca. Fra l'altro il rendimento dell’Inter non può che attirare le attenzioni dei corteggiatori, soprattutto adesso che i nerazzurri sono tornati in Champions, con le vittorie contro Tottenham e Psv che hanno inevitabilmente calamitato nuovi osservatori sui giocatori di Spalletti.

PEREZ LO CORTEGGIA - Icardi dopo i 29 gol della passata stagione, in questa è già arrivato a 8 in 11 gare. E' tornato stabilmente nel gruppo della nazionale - il ct Scaloni lo ha convocato, insieme a Martinez, per le amichevoli col Messico del 17 e 20 novembre -, ma anche nelle mire del Real Madrid, alla disperata ricerca di un uomo gol. Perez vuole un nuovo big, Icardi è nella sua lista insieme a Kane e in estate, più che a gennaio, proverà l’assalto. Maurito finora ha sempre dichiarato il proprio amore per i colori nerazzurri, aveva l’obiettivo di giocare la Champions con l’Inter e l’ha raggiunto; ora, al di là dei primati personali, vorrebbe vincere qualcosa. Icardi all’Inter sta bene, ma è probabile che un trofeo possa rappresentare il traguardo della sua avventura a Milano. Ma anche questa non è una certezza, perché Icardi si sente capitano dell’Inter e una carriera da bandiera come Zanetti lo stuzzica. Al tempo stesso, però, il Real potrebbe essere l’unico club capace di attrarlo. Si vedrà, così come resta da capire se il Chelsea farà sul serio. Anche Sarri, infatti, ha Icardi nel mirino: Morata ora sta risalendo posizioni, mentre Giroud ha il contratto in scadenza. Il tecnico italiano avrebbe voluto Higuain, adesso chiede a gran voce il nerazzurro. Affare complicatissimo, se non impossibile a gennaio. Di certo resta in ballo la questione rinnovo, una vicenda aperta da maggio e finora non conclusa. La moglie-agente Wanda Nara chiede almeno 8 milioni, l’Inter non vuole spingersi oltre i 6,3-6,5. Le parti si scambiano apprezzamenti pubblici, ma il contratto per ora non è ancora stato firmato.

VALUTAZIONE DA RECORD - Per Skriniar la questione rinnovo è simile: gli agenti chiedono 3,5 milioni contro l’1,2 finora percepito, l’Inter 2,5. Probabile che alla fine si trovi l’intesa a metà strada. Negli scorsi mesi l’Inter ha detto no a 65 milioni di Manchester City e Barcellona. I prossimi a bussare alla porta saranno Manchester United e Bayern Monaco, ma l’Inter non ci sente. E la richiesta per sedersi eventualmente al tavolino a trattare, dovrà partire da 80 milioni.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Inter Icardi skriniar

Commenti