Tuttosport.com

Spalletti: "Io ai saluti? Inter impari dalla Juve"
© © Roberto Garavaglia - ag. Aldo Liverani sas
0

Spalletti: "Io ai saluti? Inter impari dalla Juve"

Le parole del tecnico nerazzurro dopo la vittoria casalinga contro l'Empoli e la qualificazione in Champions League

domenica 26 maggio 2019

MILANO - "Me l'aspettavo cosi' perche' quando ti ritrovi in una situazione come questa, la partita non puo' che andare cosi'. Non mi ha sorpreso niente, abbiamo fatto una buona gara, certamente c'e' un doppio carico di tensione. C'era da soffrire e metterci il cuore e i calciatori l'hanno fatto in modo meritato". Cosi' Luciano Spalletti ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria contro l'Empoli. C'e' una punta di rammarico per avere battuto la squadra toscana, viste le sue origini: "Mi dispiace perche' ho molti legami e amici e giocare questa sfida dentro o fuori era difficile. L'Empoli meritava la salvezza, ma l'Inter ha giocato come doveva.Alla fine era un fattore di piccoli particolari, ma alla fine ha vinto con merito". Quanto alle decisioni prese nei mesi scorsi, il tecnico dell'Inter si dice certo di quanto fatto: "quando si prendono delle decisioni scontenti qualcuno, ognuno ha il suo carattere io ho il mio, ma quando prendi una decisione di conseguenza devono esserci delle reazioni corrette. Io ho fatto presente alla societa' le mie decisioni, se pero' si delegano allora diventa tutto e' piu' difficile". 

Spalletti sul futuro

Sul suo futuro Spalletti, tecnico dell'Inter, non si sbilancia: "Non lo so, e' chiaro che se mi venisse a dire qualcosa di differente rimarrei sorpreso.Ricordo che Allegri e' stato messo in discussione dopo la partita con l'Ajax, il giorno dopo Agnelli e' andato in conferenza stampa e' ha detto che non cambiava nulla e poi invece e' cambiato tutto.Secondo me si puo' imparare da quel comportamento, poi non lo so.Io sono nel ruolo perfetto dove vorrei essere, mi godo tutto quello che c'e' da godere", ha chiosato.

Commenti