Inter, Conte: “Chiedere di più a Vidal? Al momento è impossibile”

Il tecnico nerazzurro alla vigilia della trasferta di Champions contro lo Shakhtar: “Si sta giocando sempre e lui deve giocare sempre perché non c’è possibilità di fare rotazioni. Lautaro e Lukaku top in Europa? Serve prima vincere” 

© Inter via Getty Images

Lukaku e Lautaro Martinez hanno fatto delle cose straordinarie. Hanno margini per migliorare e diventare ancora più importanti per la squadra. Prima di fare raffronti a livello europeo con altri calciatori, penso sia molto importante vincere qualcosa. Quando tu vinci, alla fine, la vittoria in una competizione ti aiuta a ritagliarti un posto tra i migliori”. Il pensiero di Antonio Conte sulla Lu-La arriva alla vigilia della trasferta di Champions contro lo Shakhtar. Il tecnico dell’Inter in conferenza stampa ha subito elogiato i suoi due attaccanti: “Sono dei ragazzi giovani e hanno davanti a loro un bel percorso”.

Conte: "Lautaro e Lukaku devono vincere per essere paragonati ai big"
Guarda il video
Conte: "Lautaro e Lukaku devono vincere per essere paragonati ai big"

Conte torna sul 5-0 allo Shakhtar 

A Conte hanno anche ricordato la semifinale di Europa League, giocata ad agosto proprio contro lo Shakhtar: “Non si possono fare dei paragoni perché è stata un gara in cui siamo stati perfetti sia in fase di possesso che di non possesso. Sarà importante ripetere una partita del genere. Lo Shakhtar è una squadra ben organizzata a cui dobbiamo fare attenzione, non si fanno tre gol per caso al Real Madrid se non si hanno valori importanti”.

Giornalista "richiama" collega e Conte se la ride..
Guarda il video
Giornalista "richiama" collega e Conte se la ride..

Conte: “Voglio una dimensione europea”

Penso che l’Inter stia riguadagnando una dimensione europea, grazie anche al bel percorso dello scorso anno che ci ha regalato esperienza. Bisogna continuare sul discorso della mentalità di fare la partita, di aggredire, di difendere alto, a volte ci esce di più altre meno ma la mentalità che voglio dai ragazzi è questa. Dobbiamo guardare noi stessi e fare le cose in certi modi. Non voglio vedere una squadra passiva. Se sarà determinante? Lo Shakhtar ha vinto in Spagna e questa vittoria ha cambiato la classifica, prevedo un girone equilibrato dall’inizio alla fine e dovremo esser bravi a superare il turno”.

Conte: "L'Inter sta riconquistando una dimensione a livello europeo"
Guarda il video
Conte: "L'Inter sta riconquistando una dimensione a livello europeo"

Conte: “Quando li affrontai con la Juve…”

Abbiamo visto gare dello Shakhtar, come loro avranno visto le nostre. Ribadisco il concetto, loro sono una realtà del calcio europeo, sono bravi a trovare giocatori forti, mi ricordo di quando li affrontai in Champions League con la Juventus. Avevano giocatori forti che all’epoca non conosceva nessuno e si sono fatti strada. Complimenti a loro, abbiamo grandissimo rispetto ma giocheremo la partita con le nostre armi”.

Conte: "Shakhtar? É forte"
Guarda il video
Conte: "Shakhtar? É forte"

Conte su Vidal, Sensi e Sanchez

"Sensi? Sinceramente diventa difficile dare sempre dei tempi perché gli ultimi esami clinici dicevano che non aveva praticamente niente - ha poi aggiunto a Sky Sport - Ma il ragazzo sente qualcosina e faremo analisi cliniche più approfondite. Sanchez invece non ha niente di particolare, solo un po’ di affaticamento. È giusto che recuperi bene e non si trascini quel problema che si è portato dietro dalla nazionale. Vidal può fare molto di più? Chiedergli di più al momento è impossibile, si sta giocando sempre e lui deve giocare sempre perché non c’è possibilità di fare rotazioni. Speriamo di recuperare Gagliardini al più presto”.

Lautaro Martinez: “Il mio futuro e la rabbia di Genova”

Io a vita all’Inter? Lavoro ogni giorno per migliorare e dare il massimo per la squadra, qui sono felice e lavoriamo per vincere e per mandare l’Inter più in alto possibile - ha detto Lautaro Martinez - Del domani non so cosa succederà ma oggi sono felice qui all’Inter, ringrazio i tifosi per tutto l’affetto. La rabbia di Genova? Mi sono arrabbiato con me stesso perché non ho fatto la gara che volevo, poi l’emozione ha influito, sono fatto cosi, mi è uscito da dentro, oggi sono contento e pronto per domani”.

Lautaro Martinez e il cambio di Genova: "Ero arrabbiato con me stesso"
Guarda il video
Lautaro Martinez e il cambio di Genova: "Ero arrabbiato con me stesso"

Commenti